tizianocavigliablog

Una strage dimenticata

Res publica   13.12.04

Ieri non ne ha parlato proprio nessuno. Eppure in questi anni il terrorismo e i terrorismi sembrano essere ovunque. un argomento di sicura attualità, eppure...

Il 12 Dicembre 1969 una bomba uccide 16 persone e ne ferisce 87 alla Banca Nazionale dell'Agricoltura di Milano. Piazza Fontana.

Ha inizio il terrorismo in Italia.

Iniziano i depistaggi, le accuse più assurde ed episodi che definirli poco chiari sarebbe un eufemismo, come le accuse agli anarchici, scelti perché disorganizzati, poveri, emarginati e ingenui.

Un tema anche questo quanto mai attuale in un'Italia dove ad ogni pacco bomba si accusano gli anarco-insurrezionalisti. Chi saranno mai poi è tutto da scoprire

Le zone d'ombra che ha lasciato la strage di Piazza Fontana sono grandi come l'Italia (e forse qualcosa di più).
Come il caso del ferroviere Giuseppe Pinelli, volato da una finestra della questura di Milano piena di agenti, tra cui il capitano Lo Grano.

O il ballerino, che rimase in carcere per anni sino al punto in cui il Parlamento Italiano dovette votare una nuova legge per risparmiare a lui altre ingiuste sofferenze e allo stato, un vergogna diventata insostenibile.

Oppure il caso del fascista che si professava anarchico per fare il provocatore e coinvolto in una vicenda più grossa di lui. Anche lui trascorse molti anni in carcere anche se innocente.

Nel mondo era un periodo di crisi e rivoluzioni: il 1968, il Partito Comunista Italiano che avanzava alle elezioni, il Vietnam, la Cecoslovacchia, il graduale sgretolamento del regime dei colonnelli in Grecia.

Ma sì sa la gente ha la memoria corta. un fatto di quasi quarant'anni fa non interessa più a nessuno, meglio pensare al Grande Fratello, alle Lecciso o a Muniz.

Condividi il post di Tiziano Caviglia Blog su Facebook Condividi il post di Tiziano Caviglia Blog su Twitter Condividi il post di Tiziano Caviglia Blog su WhatsApp Condividi il post di Tiziano Caviglia Blog su Telegram Condividi il post di Tiziano Caviglia Blog via Email
consigliato da Rhadamanth
Il cinema racchiude in se molte altre arti; così come ha caratteristiche proprie della letteratura, ugualmente ha connotati propri del teatro, un aspetto filosofico e attributi improntati alla pittura, alla scultura, alla musica.
Spoiler Alert
Il cinema racchiude in se molte altre arti; così come ha caratteristiche proprie della letteratura, ugualmente ha connotati propri del teatro, un aspetto filosofico e attributi improntati alla pittura, alla scultura, alla musica.

Leggi i commenti

2 commenti

ruckert ha scritto:

perfettamente d'accordo con te. Il silenzio, la mancanza di memoria, la tendenza a rimescolare la storia sono palpabili in questo paese. Ricordo che una decina di anni fa andai a roma ad una manifestazione nazionale nel giorno dell'anniversario di piazza fontana. Non pensavo che sarebbero passati altri dieci anni coperti da segreti ... mah

postato il 15/12/2004 alle 15:48:01

carla ha scritto:

io ricordo

postato il 12/12/2005 alle 19:36:41