tizianocavigliablog
Nessuno si aspetta l'Inquisizione spagnola.

L'archivio del 07/2006 di Tiziano Caviglia Blog.

Gaki no tsukai: il dolore è piacere [4] 31.07.06

Lunghissima puntata di Gaki no tsukai:

Cosa succede se rinchiudi, per 24 ore, quattro giapponesi in una palestra e aggiungi dei demoni pronti a infliggergli terribili punizioni corporali?

Gaki no tsukai: il dolore è piacere [3] 30.07.06

Questa volta ad essere preso di mira è Hitoshi Matsumoto:

La vita, a volte, è meno dolce di quanto immagini...

Gaki no tsukai: il dolore è piacere [2] 29.07.06

Doppio appuntamento per i baldi giapponesi di Gaki no tsukai:

L'inglese apre le porte del mondo, ma per impararlo bene bisogna soffrire...

Il riposo del giusto...

Gaki no tsukai: il dolore è piacere [1] 29.07.06

Gaki no tsukai è un programma demenziale di intrattenimento della tv giapponese, a metà strada tra Jackass e Mai dire Banzai.
Su YouTube si possono trovare moltisimi spezzoni dove i poveri protagonisti dello show subiscono terribili prove di dolore.

Si inizia con:

Cinque baldi giapponesi e Ernesto Hoost si dileggiano in una biblioteca.

L'uomo è semplice 29.07.06

Perché spesso, con le donne, è meglio mettere le cose in chiaro. Subito.

  1. Se pensi di essere grassa, molto probabilmente sarà vero. Non chiedere. Mi rifiuterò di rispondere;
  2. Se vuoi qualcosa, chiedilo. Mettiamo in chiaro una Cosa: NOI UOMINI SIAMO SEMPLICI. Le allusioni sottili non funzionano, le allusioni dirette non funzionano, le allusioni troppo ovvie non funzionano neanche. Dicci le cose chiare, tali come esse sono;
  3. Se fai una domanda della quale non vuoi sentire una risposta, non stupirti ascoltando una risposta che non volevi sentire;
  4. Noi uomini siamo SEMPLICI. Se ti chiedo di passarmi il pane, per carità, voglio solo dire se puoi passarmi il pane. Non ti sto rinfacciando il fatto che non sia stato messo sul tavolo. Non ci sono secondi sensi o intenzioni contorte. Siamo SEMPLICI;
  5. Siamo SEMPLICI. Non serve che tu mi chieda a cosa penso il 96.5% delle volte che facciamo del sesso. E no, non siamo dei porci, è solo la cosa che ci piace fare di più, purtroppo siamo SEMPLICI;
  6. A volte, non sto pensando a te. Non c'è niente di male. Per piacere, abituati a questo fatto. Non chiedermi a cosa penso, a meno che tu non sia disposta a parlare di politica, economia, calcio o macchine sportive;
  7. Domenica = Grigliata = Pizza = Amici = Calcio. E' come la luna piena o le maree, non si può evitare;
  8. Fare shopping non è divertente e che io non considererò mai una cosa divertente;
  9. Quando dovremmo uscire da qualche parte, assolutamente qualsiasi cosa che tu indossi, ti starà bene. SUL SERIO;
  10. Hai già dei vestiti a sufficienza, hai già troppe scarpe. Piangere è solo ricatto;
  11. La maggior parte di noi uomini ha tre paia di scarpe. Insisto, siamo SEMPLICI. Cosa ti fa credere che io serva a decidere quale delle 32 paia che hai nell'armadio ti sta meglio?
  12. Risposte semplici come SI e NO, sono perfettamente accettabili per rispondere a ogni tipo di domanda;
  13. Vieni da me con un problema alla volta, se vuoi aiuto, sono qui per questo. Non chiedermi che lo faccia per empatia come se fossi una delle tue amiche di tutta la vita;
  14. Un male di testa che ti dura da 17 mesi è un problema serio. Fatti vedere da un medico;
  15. Se una affermazione che ho detto può essere interpretata in due forme diverse, e una delle due ti fa star male, o ti fa arrabbiare, probabilmente la mia intenzione era dire quell'altra;
  16. TUTTI noi uomini vediamo solo 16 colori. "Mela" è un frutto, non un colore;
  17. Che cazzo è il colore "fuxia"??? Anzi, come cazzo si scrive???
  18. La birra ci emoziona tanto come a voi le borse;
  19. Se ti chiedo se c'è qualcosa che non va, e la tua risposta è "Niente", ti crederò ed agirò come se tutto fosse normale;
  20. Non chiedermi se ti amo. Puoi essere sicura che se non ti amassi, non sarei qui con te;
  21. Di regola generale: se hai qualsiasi dubbio su di noi, pensa alla cosa più facile. NOI UOMINI, SIAMO SEMPLICI.

FON e RomaWireless insieme 27.07.06

Logo WiFiRomaWireless il consorzio, spin-off del Distretto dell'Audiovisivo e dell'ICT di Roma, che ha come obiettivo stendere una rete Wi-Fi che copra gran parte della capitale ha stipulato un accordo con FON per permettere alle due reti di integrarsi a vicenda.

Per i Foneros, il login con RomaWireless, è possibile direttamente tramite il captive portal della rete locale.

Attualmente la copertura degli hotspot di RomaWireless copre le seguenti aree, questi invece gli access point FON presenti nella capitale.

Crosspost su Rhadamanth.net Weblog, Voice over IT.

IE7 sarà distribuito come aggiornamento automatico 27.07.06

IEBlog annuncia che il nuovo Internet Explorer 7 verrà rilasciato come aggiornamento, tramite il sistema di upgrade automatico di Windows.
La data di rilascio rimane ancora un mistero, ma si parla comunque di attendere la fine dell'anno per avere notizie certe.

La decisione di utilizzare questa forma di upgrade può essere vista sia come forma di maggior sicurezza per gli utenti, in quanto si forza l'aggiornamento ad una versione del software più nuova e sicura, sia per impedire ulteriori migrazioni di utenti IE6 verso altri browser.

Crosspost su Rhadamanth.net Weblog, Voice over IT.

Sho()ot my blogs! 27.07.06

Potevo io forse mancare?

Il circolo dei probi 26.07.06

Si partiva da qui. Si è arrivati a questo:
Juventus in serie B, -17 punti, scudetti 2004-2005 e 2005-2006 revocati.
Fiorentina in serie A, - 19 punti.
Lazio in serie A, -11 punti.
Milan in serie A, -8 punti, iscritto alla Champions League.
Moggi e Giraudo: 5 anni e radiazione.
Galliani, 9 mesi.
Lotito 2 anni e 6 mesi.
Diego Della Valle 3 anni e 9 mesi.
Carraro 80.000 Euro di multa.
Mazzini 5 anni.
De Santis 4 anni.
Pairetto 3 anni e 6 mesi.

Senza parole...

Greg Lake, c'est la vie 25.07.06

Greg Lake.
Non uno qualunque.
Questo signore, nato a Poole nel Dorset il 10 Novembre 1948 è uno dei capostipiti del rock progressivo britannico.

Teoricamente suonerebbe il basso elettrico, ma si da il caso che spesso e volentieri si diletti anche alla chitarra acustica e si permetta di cantare con una voce che è tra le più imitate del panorama del rock, grazie alla sua potenza ed estensione.
Il successo musicale arriva con i King Crimson, realizzando "In the court of the Crimson King".
Lake, in quell'occasione, suona il basso elettrico, canta e compone.

La critica colta lo ha sempre paragonato a mostri sacri quali Paul McCartney, Bob Dylan e Cohen, non a caso la sua preparazione musicale è enorme, così come il livello compositivo. Un compositore di eccezione.

Assieme a Carl Palmer e Keith Emerson fonda, nel 1970, gli ELP. Per gli amici Emerson, Lake and Palmer, "il" gruppo progressive rock per antonomasia.
In quegli anni riusciranno a produrre un capolavore come "Pictures at an Exhibition".
Ovvero come prendere l'omonima composizione per piano di Musorgskij del 1874 e rivisitarla in chiave rock alternando i virtuosismi al piano di Emerson con la maestria di Lake e quel metronomo che è Carl Palmer.
Questo album, registrato dal vivo verrà consegnato alla storia come l'apice degli ELP.

Nel 1975 Lake assieme a Sinfield, il visionario poeta ex-King Crimson con il quale condivide affinità spirituali e artistiche, compone "I Believe in Father Christmas".
Diverrà, neanche a dirlo, un classico natalizio. Per questo album girarerà anche un suggestivo video nel deserto del Sinai.

Nel 1980 esce dagli ELP, dopo aver venduto qualcosa come 40 milioni di dischi.
Il gruppo si scioglie e Lake si inizia la carriera da solista producendo due dischi: "Greg Lake", nel quale si può trovare una canzone scritta con Bob Dylan, e "Manoeuvres".
Contemporaneamente partecipa al tour giapponese degli Asia.
Nel 1986 Lake si riavvicina a Emerson e gli ELP risorgono in chiave minore, grazie all'aiuto di Cozy Powell al posto di Palmer, ancora impegnato con gli Asia, realizzando l'album "Emerson Lake and Powell".

Gli anni novanta/duemila lo vedono estremamente attivo sul piano umanitario, prima con la canzone "Daddy" in favore del National Center for Missing Exploited Children e successivamente assieme ad altre star della musica partecipa ad uno show al Ronnie Scott Club di Londra raccogliendo 400.000 sterline a favore della ricerca sul cancro.

Il ritorno agli ELP di Palmer nel 1992 non produce gli effetti desiderati, nonostante il parere favorevole della critica il pubblico sembra ormai distante dalle melodie della band inglese.

Lake dovrà attendere il 2005 per tornare alla ribalta, grazie ad una propria band formata da giovanissimi talenti, per un tour inglese accolto finalmente con grande entusiasmo anche dal pubblico.

L'artista inglese non viene ricordato solo per la musica, suonata e composta, ma anche per la sua etichetta, la Manticore.

"C'est la vie", tratta dall'album "Works vol. 1" del 1977, è un un chiaro esempio del talento romantico e dei richiami classici ai quali si ispira Lake.

C'est la vie
Have your leaves all turned to brown
Will you scatter them around you
C'est la vie.

Do you love
And then how am I to know
If you don't let your love show for me
C'est la vie.

Oh, oh, c'est la vie.
Oh, oh, c'est la vie.
Who knows, who cares for me...
C'est la vie.

In the night
Do you light a lover's fire
Do the ashes of desire for you remain.

Like the sea
There's a love too deep to show
Took a storm before my love flowed for you
C'est la vie

Oh, oh, c'est la vie.
Oh, oh, c'est la vie.
Who knows, who cares for me...
C'est la vie.

Like a song
Out of tune and out of time
All I needed was a rhyme for you
C'est la vie.

Do you give
Do you live from day to day
Is there no song I can play for you
C'est la vie.

Oh, oh, c'est la vie.
Oh, oh, c'est la vie.
Who knows, who cares for me...
C'est la vie.