tizianocavigliablog
Cappello di Maglia.

L'archivio del 06/2008 di Tiziano Caviglia Blog.

Faccio cose, scopro parole 28.06.08

Pratellesi, firma del Corriere, si è imbattuto nell'uso del verbo craccare ed immancabile ne è nato un post, nel quale si prodiga nel tentativo di renderci edotti.

In attesa che l'iPhone sbarchi in Italia [...] può già vantare un primato: quello di aver introdotto nel linguaggio comune la parola "craccare" o "crackare".

E ancora...

Fino a pochi mesi fa la parola, che in italiano non esiste, era sconosciuta ai più.

Per concludere affermando che:

I dizionari italiani, ma anche l'enciclopedia online Wikipedia, per il momento ignorano la voce.

Naturalmente su Wikipedia la voce esiste.
Non potrebbe essere altrimenti trattandosi di un vocabolo entrato nel linguaggio comune più o meno con l'avvento dei personal computer.

E così, nel 2008, questa è la competenza tecnologica del giornalismo nostrano.
Sia chiaro, tutto questo non mi stupisce affatto. Provo solo una vaga sensazione di sconforto.

Difetti congeniti 28.06.08

Il grido di dolore di Tisbe sulla caduta di Kilombo.

Paiono evidenti alcune somiglianze con quanto sta avvenendo all'interno del PD.

Lo chiamavano nerd 28.06.08

Bill Gates

C'era un uomo che, negli anni settanta, a guardarlo l'avresti preso per il più sfigato della compagnia.
Quest'uomo aveva in testa un'idea altrettanto sfigata e, a detta dei guru di allora, irrealizzabile.
Quella visione poteva essere riassunta così:

"Nel futuro vedo un computer su ogni scrivania e uno in ogni casa."

Facendo errori e imparando dagli stessi, copiando e venendo copiato lo sfigato è poi diventato l'uomo più ricco del mondo.
Il suo sogno? C'è da chiederlo?
E' diventato realtà oltre le più rosee aspettative.

Anche altri in verità ci avevano provato, ma non con lo stesso successo.

"Microsoft ha avuto vari concorrenti in passato. È un bene che ci siano musei per documentarlo."

Com'era da aspettarsi poi, molti dei guru di cui sopra, oggi affermano di aver sempre sostenuto che quell'idea un po' balzana si concretizzasse negli anni a venire.

A vederlo oggi, l'aria da nerd anni 70 un po' gli è rimasta.
Il suo nome, neanche a dirlo, è William Henry III. Anche se gli amici lo hanno sempre chiamano Bill e dicono che abbia un cuore grande così.

La classifica in giallo 27.06.08

Sono spuntati gli screenshot segreti della classifica.
E' mancato un cigno che il cielo non ci cascasse sulla testa.

Non se ne esce 27.06.08

Ancora non è rinata, ma i primi rumor sulla classifica della blogosfera italiana già scatenano polemiche e fastidi.

Si prevede un'estate calda e un ritorno a logiche di baratto dei link.

Cugini di mela 26.06.08

E' interessante scoprire quanti commentatori di Melablog abbiamo amici in Gran Betagna o negli USA pronti a rifornirli di iPhone.

A costo di fare la figura del più derelitto devo ammettere che non ho conoscenze così strette né nella perfida Albione né a casa degli Yankee.

Reductio ad Hitlerum 25.06.08

Di Pietro, e una larga parte della sinistra, sono la dimostrazione che la legge di Godwin può essere perfettamente applicata anche alla politica.

Parafrasando:

"Più si prolunga una discussione su Berlusconi, più la probabilità di una comparazione riferita ai nazisti o a Hitler si avvicina ad 1."

Il che provoca, il più delle volte, una reazione uguale e contraria nell'elettorato, a tutto vantaggio del leader del PDL.

Annunciaziò annunciaziò 25.06.08

La metamorfosi di Wittgenstein.
E ora chiamatelo blog.

Aggiornamento: Luca fornisce la sua versione dei fatti.

ReD 24.06.08

Nasce l'ennesima associazione pensata e voluta da D'Alema.
Gettate le fondamente di questa nuova scatola cinese del, nel o stando alle affermazioni per il Partito Democratico, non resta che iniziare a far circolare idee e proposte per ricostruire un qualche aggregato di sinistra in grado di porsi come serio antagonista al centro-destra.

Neonata, si diceva, eppure già elitaria. A partire dal tesseramento.

Ci sarebbe molto dire. Sulle fondazioni, sulle associazioni, su D'Alema e per ultimo sul Partito Democratico.
Voglio però riassumervelo in due parole.

Respiro pessimismo.

Intercettare i gusti del pubblico 24.06.08

Il boxino di Repubblica riporta:

CINEMA: I VANZINA, TUTTA ITALIA TIFA PER IL NOSTRO FILM

Io ad esempio ho altre priorità al momento.
Ma, se proprio me lo chiedessero, tiferei per un flop clamoroso. Vedete un po' voi.