tizianocavigliablog
Archivista delle cose strane.

Faccio cose, scopro parole 28.06.08

Pratellesi, firma del Corriere, si è imbattuto nell'uso del verbo craccare ed immancabile ne è nato un post, nel quale si prodiga nel tentativo di renderci edotti.

In attesa che l'iPhone sbarchi in Italia [...] può già vantare un primato: quello di aver introdotto nel linguaggio comune la parola "craccare" o "crackare".

E ancora...

Fino a pochi mesi fa la parola, che in italiano non esiste, era sconosciuta ai più.

Per concludere affermando che:

I dizionari italiani, ma anche l'enciclopedia online Wikipedia, per il momento ignorano la voce.

Naturalmente su Wikipedia la voce esiste.
Non potrebbe essere altrimenti trattandosi di un vocabolo entrato nel linguaggio comune più o meno con l'avvento dei personal computer.

E così, nel 2008, questa è la competenza tecnologica del giornalismo nostrano.
Sia chiaro, tutto questo non mi stupisce affatto. Provo solo una vaga sensazione di sconforto.

Condividi il post di Tiziano Caviglia Blog su Facebook Condividi il post di Tiziano Caviglia Blog su Twitter Condividi il post di Tiziano Caviglia Blog su WhatsApp Condividi il post di Tiziano Caviglia Blog su Telegram Condividi il post di Tiziano Caviglia Blog via Email

Leggi i commenti

5 commenti

Piero ha scritto:

Bravo Pratellesi. Applausi.
E lavora anche al Corriere...
Braccia rubate all'agricoltura!

postato il 28/06/2008 alle 18:02:40

astolfus ha scritto:

Pratellesi compra solo software originali.
;-)

postato il 28/06/2008 alle 20:10:21

Tommy ha scritto:

Mi stupiscono anche le risposte piccate che ha lasciato ai suoi commentatori. :-O

postato il 28/06/2008 alle 21:16:08

Angelo Nardi ha scritto:

Incompetenza, un male che affligge il giornalismo italiano.

postato il 29/06/2008 alle 15:44:36

L'Eremita ha scritto:

Pratellesi è risucito a scrivere una sciocchezza in ogni frase.
Applausi.

postato il 29/06/2008 alle 19:34:00