tizianocavigliablog
Ha dimostrato il paradosso del gatto imburrato.

Voto utile 02.02.09

Francesco Costa ci riassume l'alibi e l'ipocrisia della sinistra sul "voto utile" e il tentativo di autoassoluzione per l'inevitabile sconfitta elettorale nel 2008:

Veltroni (o il Pd, o il voto utile) ha ucciso la sinistra

con riferimento al risultato estremamente deludente delle liste della Sinistra l'Arcobaleno alle politiche e alla scelta del Pd di fare a meno dell’alleanza con quel cartello - e alla conseguente accusa che viene mossa a Veltroni: sarebbe colpa sua se la sinistra ha preso così pochi voti. Qui il debunking è davvero facile facile: ma lo scopo dei partiti alle elezioni non è proprio conquistare i voti agli altri? E la stessa sinistra non bramava da oltre due anni di rubare tonnellate di elettori al Pd a causa della sua "svolta centrista"? Sì, credetemi - se non credete a me, chiedete a Mussi. Un'ultima cosa. Finché è il Pd a parlare del voto al Pd come "voto utile", niente di nuovo: qualsiasi partito pensa che il voto più utile sia quello che gli elettori danno a lui. Ma nel momento in cui gli stessi partiti della Sinistra l'Arcobaleno hanno parlato del voto al Pd come della strategia del voto utile, non hanno di fatto palesato il fatto che votare loro, quello sì, sarebbe stato inutile?