tizianocavigliablog
See you space cowboy...

Uso improprio di tredicenne 29.09.09

Il caso Roman Polanski letto da Amy Sullivan.

Except that Wilde was persecuted for being gay and Dreyfus was persecuted for being Jewish. In the western world, at least, it's no longer acceptable to target someone for his sexual orientation or his religious faith. In 2009, just as it was in 1977, however, it is still considered a bad thing to rape a child. And so it will be 30 years from now and 60 years from now. At least, I dearly hope so.

Leggi i commenti

2 commenti

Gianni Morando ha scritto:

In dieci anni di ricerche su manoscritti siciliani del '500 e '600 ho scoperto che molte tredicenni erano date in moglie e non sappiamo se con il gradimento della sposa.
Le mie due nonne si sposarono verso la fine dell'800 rispettivamente a 15 e 16 anni. Tutto questo era normale perché si seguiva una consuetudine che osservava i cicli della natura.
Molte tredicenni anche oggi sarebbero pronte alla maternità, ma nuove culture e quindi nuove consuetudini hanno spostato verso l'alto una presunta maturità della donna.
Considerazioni scientifiche, inoltre, riporterebbero l'età minorile da 12 anni in giù.
Lo stupro eseguito con la violenza invece non ha età e dovrebbe essere punito sempre e possibilmente con la castrazione chimica coercitiva almeno per qualche anno.
Gianni Morando

postato il 29/09/2009 alle 20:43:24

itil training ha scritto:

Era una notte buia e tempestosa (originariamente, in inglese, It was a dark and stormy night) è una celebre frase scritta da Edward Bulwer-Lytton nel racconto Paul Clifford, pubblicato nel 1830.Divenne molto diffusa per l'ampio uso che ne fece Snoopy, il personaggio dei Peanuts disegnato da Charles Schulz, come incipit dei suoi numerosi racconti battuti a macchina.Nel 1985 il regista Alessandro Benvenuti ha diretto un film omonimo. La frase è stata inoltre ripresa da Andrea Camilleri nel suo Il birraio di Preston, dove la inserisce, nella versione tradotta in siciliano, all'inizio di uno dei capitoli.Lo scrittore Umberto Eco ha dichiarato che l'inizio del suo romanzo Il nome della rosa è una allusione a questa famosissima frase

postato il 03/03/2010 alle 07:23:44