tizianocavigliablog
Un uomo impossibile.

Un mondo senza fosforo 22.04.10

Era il 1938 quando il presidente Franklin Delano Roosevelt metteva in guardia gli Stati Uniti sulla difficoltà di reperire in futuro il fosforo, essenziale per l'agricoltura in quanto elemento base per i concimi.
Vero motore degli ultimi sessant'anni per la crescita costante e una migliore qualità dei prodotti coltivati.

Oggi, se possibile, le cose sono peggiorate.
Le analisi mostrano che l'erosione del suolo non riesce più a trattenere il fosforo che si disperde nell'ambiente.
Il fosforo estratto in miniera potrebbe finire già entro la metà del secolo.

Ulteriore motivo di preoccupazione è la quasi totale concentrazione delle riserve di fosforo in sole cinque nazioni. Gli Stati Uniti, il Sud Africa, la Cina, il Marocco e la Giordania.
Evidenti i possibili attriti internazionali, soprattutto in Marocco dove le miniere sono ubicate nel conteso territorio del Sahara Occidentale.

Possibili soluzioni potrebbero venire dal riciclo e da un più ampio e migliorato utilizzo dei rifiuti organici e da un uso massiccio di cultivar OGM resistenti alle infestazioni e agli agenti esterni.
Due soluzioni ad oggi difficilmente conciliabili.