tizianocavigliablog
Lasciate un messaggio dopo il glor.

Il Costa Rica ripensa la sua strategia di disarmo 09.02.11

Qualche mese fa truppe del Nicaragua hanno sconfinato nel territorio del Costa Rica attraverso il fiume San Juan. I cinquanta militari si sono accampati sull'isola Calero al centro di controversie territoriali.
L'episodio causò una crisi diplomatica che investì tutto il centro America.

Il Nicaragua di Ortega diede la colpa a errori cartografici imputabili a Google Maps durante una normale missione contro il narcotraffico.
Secondo gli analisti la verità è da ricercare nel tentativo di Ortega di polarizzare l'attenzione del suo paese a un anno dalle elezioni presidenziali, alle quali è ricandidato per un nuovo mandato nonostante il divieto costituzionale.

Ora in Costa Rica - smilitarizzata da sessantadue e per questo da molti definita la "Svizzera del centro America" - si discute se non sia il caso di dotarsi nuovamente di un esercito per proteggere i propri confini.
Una decisione che potrebbe rivelassi catastrofica per la stabilità regionale e per la filosofia del disarmo.