tizianocavigliablog
Nerdvana.

Note a margine della manovra Monti 05.12.11

Il decreto salva-Italia è solo il primo pacchetto di un percorso riformista segnato da misure condivise con Bruxelles e Francoforte.

Da una parte le lacrime del ministro Fornero confuse con debolezza o peggio con premeditazione, una serietà e competenza da tempo disattesa da esecutivi di qualunque colore politico; dall'altra un'opposizione fatta dalle grida sguaiate della Lega Nord, da un sindacato incapace di confrontarsi con il mercato del lavoro attuale e da un populismo cerchiobottista tanto efficace nel criticare e nel cavalcare il malcontento quanto debole nel proporre e nel mettersi al servizio del paese.

La RAI, servizio pubblico, assente non giustificata sulla copertura di un passaggio significativo, se non decisivo, per la nostra Repubblica.