tizianocavigliablog

Leggi i commenti

3 commenti

salpetti ha scritto:

L’esempio dei monaci buddisti è da seguire: la democrazia esce dai monasteri che sono da sempre espressione di moralità, tradizione, cultura. Spero che il popolo birmano si liberi dal regime in modo non violento con l’ausilio della sola forza di risorse apparentemente intangibili come moralità, cultura, conoscenza, informazione libera, ma che però sono i veri pilastri di un sistema democratico. I monaci, con la loro protesta pacifica, sono convinti che la democrazia potrà essere ristabilita senza spargimento di sangue e sperano che la comunità internazonale si interessi finalmente al loro Paese. Mi auspico che i monaci abbiano ragione e che si possa concludere tutto pacificamente. Spero anche che non cali l’attenzione mediatica (la Rete li sta aiutando) perché a telecamere spente si possono compiere indisturbati crimini orribili.
piena solidarietà: domani rosso o arancio!!! ;-)

postato il 27/09/2007 alle 23:40:50

L'Eremita ha scritto:

Non servirà a niente, ma indossarla non costa nulla.

postato il 27/09/2007 alle 23:59:14

DAG (blog Rosso per la Birmania) ha scritto:

In Birmania è stato spento internet: non c’è più connettività sono tagliati fuori dalla rete !
I più smanettoni, soprattutto gli universitari, riuscivano a pubblicare fino a poco tempo fa foto che documentassero gli avvenimenti.
Esprimi la tua solidarietà al popolo Birmano, tingi di rosso il tuo blog.
Se non puoi farlo, nel mio blog ho messo a disposizione uno script che inserisce una coccarda in alto a destra.

PS: Da solo non posto commentare in tutti i blog del mondo ! Spergete la voce (non c'è bisogno che menzioniate me, non mi serve: fate circolare lo script)

postato il 29/09/2007 alle 00:58:24