tizianocavigliablog

Quel Biagi lì

Multimedia   06.11.07  

Con la morte di Enzo Biagi il giornalismo italiano è un po' più povero e abbandonato a se stesso.

Tra non molto si scateneranno il cordoglio generalizzato, le belle parole, il fulgido ricordo.
E nascerà proprio da chi fino a ieri lo considerava un giornalista finito, noioso, che si parlava addosso. Da tanta gente che non ha fatto una piega nel giorno della sua cacciata dalla tv.

Lasciate a casa il buonismo. Siate coerenti. Almeno oggi.

LEGGI ALTRO...
Condividi il post di Tiziano Caviglia Blog su Facebook Condividi il post di Tiziano Caviglia Blog su Twitter Condividi il post di Tiziano Caviglia Blog su WhatsApp Condividi il post di Tiziano Caviglia Blog su Telegram Condividi il post di Tiziano Caviglia Blog via Email

Leggi i commenti

5 commenti

Perso nel blu ha scritto:

Ho letto la notizia solo ora. :'(

postato il 06/11/2007 alle 11:01:01

astolfus ha scritto:

Dispaice anche a me. Era un grande giornalista.
Non ne nascono tanti come lui.

postato il 06/11/2007 alle 11:15:52

L'Eremita ha scritto:

Bravo hai ragione. Gli avvoltoi non sono mai sazi.
Di Biagi che dire, un grande professionista.

postato il 06/11/2007 alle 12:17:56

Piero ha scritto:

:'-(

postato il 06/11/2007 alle 13:37:32

Angelo Nardi ha scritto:

Ciao Enzo.

postato il 06/11/2007 alle 21:07:21