tizianocavigliablog

Antonioni e la trilogia dell'incomunicabilità

Multimedia   02.10.18

Sei decadi dopo, Fandor ricorda l'attualità della "crisi della modernità" descritta da Michelangelo Antonioni a partire dai tre capolavori che diresse tra il 1960 e il 1962 nell'iconica trilogia dell'incomunicabilità: L'avventura, La notte e L'eclisse.
Un cinema che per la prima volta affrontava i temi dell'alienazione, dell'incomunicabilità e del disagio esistenziale attraverso la fredda e quasi distopica architettura urbana e il fallimento delle relazioni interpersonali.
La malattia dei sentimenti come il grande male dell'uomo novecentesco.

Condividi il post di Tiziano Caviglia Blog su Facebook Condividi il post di Tiziano Caviglia Blog su Twitter Condividi il post di Tiziano Caviglia Blog su Pinterest Condividi il post di Tiziano Caviglia Blog su WhatsApp Condividi il post di Tiziano Caviglia Blog su Telegram Condividi il post di Tiziano Caviglia Blog via Email
consigliato da Rhadamanth
Un diario visivo sul ciclismo, la cultura della bici, le strade, i sentieri, la pista, le corse, il sudore, l'agonia, il tifo, l'euforia e il trionfo.
Svelo
Un diario visivo sul ciclismo, la cultura della bici, le strade, i sentieri, la pista, le corse, il sudore, l'agonia, il tifo, l'euforia e il trionfo.