tizianocavigliablog

Proteus, la base sottomarina immaginata dal nipote di Cousteau

Geek   08.09.20

Una base sottomarina, al largo dell'isola di Curaçao, capace di superare le limitazioni dell'Aquarius Reef Base per diventare l'equivalente oceanografico della Stazione Spaziale Internazionale.
Proteus, disegnata da Yves Behar, è il progetto del nipote d'arte Fabien Cousteau per realizzare l'habitat subacqueo più avanzato al mondo. Una piattaforma di ricerca essenziale per studiare gli oceani, la vita marina e le sfide ambientali portate dal cambiamento climatico.

Con oltre 370 metri quadrati la Proteus sarà dieci volte più grande dell'Aquarius Reef Base. Di forma circolare, la struttura a due piani ruoterà attorno a una rampa centrale curva che collega i due piani. [...] Per mitigare lo stress è stato immaginato uno spazio sociale siturato al centro, circondato da vari pod, estensioni della base in cui saranno collocati gli alloggi, i laboratori di ricerca, le aree mediche e i servizi.

A 60 piedi sotto la superficie, la luce naturale diventa un'altra sfida, essendo ridotta alla metà dello spettro visibile. I pod circolari saranno quindi sfalsati tra loro, con finestre a oblò e lucernari che consentiranno l'ingresso di quanta più luce naturale possibile. All'interno, le luci artificiali soddisferanno il bisogno umano di un minimo di dieci minuti di raggi UV al giorno.

Per facilitare l'esplorazione dell'oceano, la struttura includerà anche una piscina circolare, o come la chiamava Jacques Cousteau, "una porta liquida". Questa apertura appositamente progettata, situata nella parte inferiore dell'habitat, consentirà ai subacquei di uscire attraverso una camera pressurizzata. A differenza di una stazione spaziale o di un sottomarino, la pressione dell'aria all'interno delle strutture sottomarine è mantenuta uguale alla pressione dell'acqua all'esterno, impedendo all'acqua di mare di entrare nell'habitat. Ciò consente agli acquanauti di scivolare facilmente fuori e condurre ricerche subacquee utilizzando l'immersione in saturazione, una tecnica che riduce il rischio di malattia da decompressione. Dopo 24 ore a qualsiasi profondità, il corpo umano diventa saturo di azoto e gli acquanauti possono rimanere negli habitat sottomarini per un periodo di tempo indefinito. (Bruce Cantrell e Jessica Fain detengono il record attuale: 73 giorni nella Jules 'Undersea Lodge, un ex habitat di ricerca trasformato in hotel sottomarino). Quando sono pronti per riemergere, il tempo necessario per la decompressione è lo stesso indipendentemente dalla durata della permanenza.

LEGGI ALTRO...
Condividi il post di Tiziano Caviglia Blog su Facebook Condividi il post di Tiziano Caviglia Blog su Twitter Condividi il post di Tiziano Caviglia Blog su Pinterest Condividi il post di Tiziano Caviglia Blog su WhatsApp Condividi il post di Tiziano Caviglia Blog su Telegram Condividi il post di Tiziano Caviglia Blog via Email
consigliato da Rhadamanth
Liguria da vivere e da esplorare. La guida turistica per le tue vacanze nella Riviera Ligure. Tutto quello che ti serve per realizzare la tua vacanza in Liguria.
Visit Riviera
Liguria da vivere e da esplorare. La guida turistica per le tue vacanze nella Riviera Ligure. Tutto quello che ti serve per realizzare la tua vacanza in Liguria.