Dopo un anno passato nello spazio 02.03.16

La Soyuz che riporta Scott Kelly sulla Terra

Si è conclusa con l'atterraggio della Soyuz TMA-18M la missione One Year in Space. I dati raccolti grazie agli astronauti Scott Kelly, della NASA, e Mikhail Korniyenko di Roscosmos, aiuteranno a studiare gli effetti della microgravità sul corpo umano in missioni spaziali di lunga durata. In particolare la NASA sarà in grado di confrontare i risultati con gli analoghi studi genetici effettuati sul gemello di Scott, Mark Kelly, rimasto sulla Terra.

Fonte: NASA
© 2017 Tiziano Caviglia. Anno XVII. Powered by Rhadamanth. Cookie policy. Abbracciamo HTML5 e il responsive webdesign.