tizianocavigliablog
Habemus blogger.

Castello di Rapallo - Castelli e fortezze della Liguria (-7) 18.12.15

La notte del 4 luglio del 1549 l'ammiraglio-pirata turco Dragut scese con la sua furia su Rapallo, saccheggiandola per poi rapire decine di persone per venderele come schiavi.
Sino ad allora Rapallo non possedeva vere e proprie mura sfruttando invece le alte case a ridosso del litorale come scudo difensivo e torri di avvistamento nascoste tra le alture.
Sarà il capitano genovese Gregorio Roisecco, comandante delle truppe adella Repubblica arrivate in soccorso a proporre la costruzione di un castello per la difesa del borgo.
La costruzione di quest'opera di importanza strategica sarà tuttavia necessariamente a carico degli abitanti di Rapallo. Sarà lo stesso doge Luca Spinola il 16 febbraio del 1550 a stabilirlo con un documento consegnato al podestà di Rapallo.
La comunità si divise immediatamente sul luogo dove costruire il forte e a chi spettassero i maggiori oneri. I nobili, abitanti nell'entroterra e detti delle Ville, proponevano un'edificio che dominasse il golfo dalla montagna, mentre il Borgo indentificato nel ceto meno abbiente rivendicava una posizione in riva al mare.
Grazie alla mediazione di Genova si arrivò a un compromesso per una scelta che prevedesse l'edificazione del castello in mezzo al mare davanti alla costa.
Nessuna mediazione fu invece possibile per quanto riguardava le spese da sostenere tanto da costringere il Senato della Repubblica di Genova a un prestito di 10 lire per finanziare l'opera e a imporre una tassa di residenza.

Due anni dopo il 10 maggio 1551, il podestà Benedetto Fieschi Raggio inaugurava l'opera difensiva.

Nel 1608 il Castello di Rapallo divenne sede del Capitaneato. Qui prese alloggio il capitano con relativo ufficio, mentre al piano inferiore venne creata una prigione temporanea in attesa di giudizio dal tribunale di Genova. La sede verrà poi spostata nel 1645 nel nuovo Palazzo di Giustizia.
Nel 1865 diventò proprietà del Regno d'Italia che lo trasformò in sede della Guardia di Finanza.
Durante il XX il castello è stato inserito nella lista dei monumenti nazionali e restaurato grazie a i fondi dall'Unione Europea e del Ministero dei Beni Culturali, ridonandogli lo splendore originale.
Oggi è sede di eventi culturali e mostre temporanee.

Il Castello di Rapallo è anche il principale protagonista durante la festività patronale in onore di Nostra Signora di Montallegro nei primi giorni di luglio. L'evento prevede un particolare spettacolo pirotecnico.
Lungo il breve percorso che separa il castello dalla terra ferma vengono innescati i celebri mascoli liguri che detonano in sequenza sino a raggiungere la fortezza. A questo punto il castello viene dato simbolicamente alle fiamme con un programma di fuochi d'artificio e fumogeni, mentre l'arca argentea della Madonna di Montallegro passa nei pressi del maniero sul lungomare rapallese.
Terminato l'"incendio" una cascata di luce bianca scende dalla torretta e lungo il perimetro della fortezza illuminandolo a giorno.

Calendario dell'Avvento 2015.
1 - 2 - 3 - 4 - 5 - 6 - 7 - 8 - 9 - 10 - 11 - 12 - 13 - 14 - 15 - 16 - 17 - 18 - 19 - 20 - 21 - 22 - 23 - 24

Condividi il post di Tiziano Caviglia Blog su Facebook Condividi il post di Tiziano Caviglia Blog su Twitter Condividi il post di Tiziano Caviglia Blog su WhatsApp Condividi il post di Tiziano Caviglia Blog su Telegram Condividi il post di Tiziano Caviglia Blog via Email