tizianocavigliablog
See you space cowboy...

Diaspora a 5 Stelle 21.06.13

Il gruppo parlamentare del Movimento 5 Stelle perde un altro elemento. Si tratta della senatrice Paola De Pin in disaccordo con l'espulsione della senatrice Gambaro.

Il processo politico mi ha lasciato una profonda ferita. Il pericolo adesso è che nessuno voglia esprimere il proprio disaccordo per paura delle conseguenze e ci sia autocensura dei parlamentari M5S. Se adesso facessimo calare un velo di omertoso silenzio verso la scellerata decisione di espellere un parlamentare solo per aver espresso opinioni non gradite, violeremmo i principi del Movimento e della democrazia.

Il processo alle streghe 17.06.13

Ma risparmiatemi questa Cosetta dei Miserabili dell'onorevole grillina Paola Pinna, laureata disoccupata che viveva con i genitori a Quartucciu, Cagliari, e con cento voti cento è diventata deputata al Parlamento, che invece di spargere petali di rosa dove Grillo cammina, sorge in difesa di una certa Gambaro, un'altra miracolata che si crede Che Guevara.

La frase del giorno durante il processo a carico della senatrice Adele Gambaro, rea di aver imputato a Beppe Grillo la sonora sconfitta del Movimento 5 Stelle nelle elezioni amministrative, è del deputato Di Stefano diretta alla collega Paola Pinna che aveva difeso la senatrice.

L'assemblea dei parlamentari grillini, in questi primi mesi molto concentrati sul proprio ombelico, ha poi deciso per l'espulsione della senatrice dissidente con 79 sì, 42 no e 9 astenuti.

L'editto di Grillo 11.06.13

Uno vale uno, quando costruisce. Quando del dibattito fa crescita, arricchimento, fatica per arrivare un passo più oltre. Uno vale niente, quando smantella il proprio stesso progetto servendosi della complicità di chi ha il solo scopo di distruggerlo.

Prova muscolare di Beppe Grillo contro la senatrice Adele Gambaro, invitata a farsi da parte, rea di aver criticato la sua leadership e giudicato una sconfitta per il Movimento le recenti elezioni amministrative.
L'ex comico genovese si dimostra la più grande forza e il più grande limite del Movimento 5 Stelle, sempre più in crisi di identità. Croce e delizia di tutti i partiti personali.