tizianocavigliablog
Il camerlengo? Sì, proprio lui.

Guardi la mazza mentre ti indico la Luna 01.11.08

Si dicute su chi abbia colpito per primo tra centri sociali e fascisti. Una discussione di lana caprina, va detto.
La gravità della vicenda non risiede in chi abbia scagliato la prima mazza, ma nel perché e nel come un camion pieno di giovani fascisti sia potuto entrate in un'area pedonale (armati di spranghe tricolori e caschi, non di striscioni e megafoni sia chiaro) durante una manifestazione autorizzata, senza che alle forze dell'ordine presenti si muovesse un sopracciglio.

E a margine che tutto questo ricordi da vicino, molto da vicino, le parole e le intenzioni di Cossiga su come arginare la protesta.

La prima vittima dell 9/11 11.09.13

Slate racconta la tragica fine della prima vittima degli attentati dell'11 Settembre e che senza mai saperlo fu anche l'artefice della tenuta di internet in un giorno di traffico straordinario grazie agli algoritmi che aveva contribuito a sviluppare.
Danny Lewin era un passeggero a bordo del volo 11 dell'American Airlines decollato da Boston e diretto a Los Angeles, dirottato per schiantarsi sulla Torre Nord del World Trade Center.

The 9/11 Commission concurred in its final report, issued four years later, offering a more detailed summary: Based on dozens of interviews with those who spoke with two of the plane's flight attendants during the hijacking, the commission determined that al-Suqami most likely killed Lewin by slashing his throat from behind as he attempted, single-handedly, to try to stop the hijacking. The time of his death was reported to be somewhere between 8:15 and 8:20 a.m.

"He was the first victim of the first war of the 21st century," says Marco Greenberg, Lewin's best friend.

But that act of heroism was not the only way Lewin made his presence felt on that terrible, unique, awful day. In a tragic twist of irony, the algorithms he helped develop, and the company he co-founded--Akamai Technologies--helped the Internet survive that day's crush of traffic-- the Web equivalent of a 100-year flood.

La caccia a Geronimo 14.10.12

Probabilmente il miglior articolo scritto sugli eventi che portarono all'uccisione del terrorista più ricercato della storia, Osama Bin Laden.

President Obama saw it as a "50–50" proposition. Admiral Bill McRaven, mission commander, knew something would go wrong. So how did the raid that killed bin Laden get green-lighted? In an adaptation from his new book, Mark Bowden weaves together accounts from Obama and top decision-makers for the full story behind the daring operation.

L'unico americano che non era sulla Terra l'11 Settembre 11.09.12

Il 9/11 a New York visto dallo spazio

L'11 Settembre 2001 Frank Culbertson era a bordo della Stazione Spaziale Internazionale quando i terroristi attaccarono il World Trade Center e il Pentagono.
L'astronauta della NASA riuscì a riprendere l'impressionante scia di fumo che si sprigionava dagli incendi delle Twin Towers e si allontanava verso l'oceano Atlantico.

I had just finished a number of tasks this morning, the most time-consuming being the physical exams of all crew members. In a private conversation following that, the flight surgeon told me they were having a very bad day on the ground. I had no idea...

He described the situation to me as best he knew it at ~0900 CDT. I was flabbergasted, then horrified. My first thought was that this wasn't a real conversation, that I was still listening to one of my Tom Clancy tapes. It just didn't seem possible on this scale in our country. I couldn't even imagine the particulars, even before the news of further destruction began coming in.

Vladimir came over pretty quickly, sensing that something very serious was being discussed. I waved Michael into the module as well. They were also amazed and stunned. After we signed off, I tried to explain to Vladimir and Michael as best I could the potential magnitude of this act of terror in downtown Manhattan and at the Pentagon. They clearly understood and were very sympathetic.

I glanced at the World Map on the computer to see where over the world we were and noticed that we were coming southeast out of Canada and would be passing over New England in a few minutes. I zipped around the station until I found a window that would give me a view of NYC and grabbed the nearest camera. It happened to be a video camera, and I was looking south from the window of Michael's cabin.

The smoke seemed to have an odd bloom to it at the base of the column that was streaming south of the city. After reading one of the news articles we just received, I believe we were looking at NY around the time of, or shortly after, the collapse of the second tower.

La prima foto di Rossella Urru libera 19.07.12

Rossella Urru al centro

La cooperante italiana Rossella Urru insieme a Enric Gonyalons e Ainhoa Fernández de Rincón liberati ieri dopo essere stati nelle mani di militanti di Al Qaeda per 268 giorni.

C'è una mano jihadista dietro la strage di Tolosa 21.03.12

E' un ventiquattrenne legato al terrorismo islamico l'autore della strage alla scuola ebraica di Tolosa. L'uomo, di origini algerine, è braccato dalla polizia e afferma di aver voluto vendicare i bambini palestinesi.
Cade la pista neonazista e con essa la gran parte dei tentativi di analisi sociologica ascoltati in questi giorni. Qualcosa di analogo a parti invertite di quanto accadde con Breivik.

Il tramonto di Al-Qaeda 14.09.11

Robert Fisk analizza l'ultimo video di Al-Qaeda alla luce del declino di leadership e di potenziale nell'organizzazione terroristica e della primavera araba.

Buon compliblog! 30.09.05

TLUC Blog spegne la sua prima candelina!

Tanti auguri!!!

Il vero costo dell'11 settembre 04.09.11

L'America alle prese con la spirale perversa del disastro finanziario delle guerre al terrorismo di Bush, raccontata da Joseph Stiglitz dieci anni dopo gli attentati dell'11 settembre.
Al-Qaeda, dimostratasi più debole rispetto alle previsioni della fine del 2001, sembra essere oggi l'ultimo problema a cui far fornte.

Even if Bush could be forgiven for taking America, and much of the rest of the world, to war on false pretenses, and for misrepresenting the cost of the venture, there is no excuse for how he chose to finance it. His was the first war in history paid for entirely on credit. As America went into battle, with deficits already soaring from his 2001 tax cut, Bush decided to plunge ahead with yet another round of tax "relief" for the wealthy.

Today, America is focused on unemployment and the deficit. Both threats to America's future can, in no small measure, be traced to the wars in Afghanistan and Iraq. Increased defense spending, together with the Bush tax cuts, is a key reason why America went from a fiscal surplus of 2 percent of GDP when Bush was elected to its parlous deficit and debt position today. Direct government spending on those wars so far amounts to roughly $2 trillion-$17,000 for every U.S. household-with bills yet to be received increasing this amount by more than 50 percent.

Moreover, as Bilmes and I argued in our book The Three Trillion Dollar War, the wars contributed to America's macroeconomic weaknesses, which exacerbated its deficits and debt burden. Then, as now, disruption in the Middle East led to higher oil prices, forcing Americans to spend money on oil imports that they otherwise could have spent buying goods produced in the U.S. The Federal Reserve hid these weaknesses by engineering a housing bubble that led to a consumption boom. It will take years to overcome the excessive indebtedness and real-estate overhang that resulted.

Ironically, the wars have undermined America's (and the world's) security, again in ways that Osama Bin Laden could not have imagined. An unpopular war would have made military recruitment difficult in any circumstances. But, as Bush tried to deceive America about the wars' costs, he underfunded the troops, refusing even basic expenditures-say, for armored and mine-resistant vehicles needed to protect American lives or for adequate health care for returning veterans.

Abbiamo Geronimo 01.08.11

L'azione dei Navy SEAL ad Abbottabad, che ha portato all'eliminazione di Osama bin Laden, descritta passo per passo dal New Yorker.

L'uomo dietro all'uccisione di Osama bin Laden 05.07.11

Dawn racconta la storia dell'uomo della CIA che ha materialmente organizzato il blitz al compound di Osama bin Laden.

Il nuovo leader di Al-Qaeda 16.06.11

La crisi dell'organizzazione terroristica si riverbera nella scelta senza futuro del vecchio numero due Ayman al-Zawahiri, dopo i contrasti sorti all'interno di Al-Qaeda in seguito all'uccisione di Osama bin Laden.

Il leader ad interim di Al-Qaeda 18.05.11

Dicono che Saif al-Adel sarebbe stato scelto quale successore temporaneo in mancanza di un Consiglio della shura impossibilitato a riunirsi per evidenti questioni logistiche.
50enne, ex ufficiale delle Forze speciali egiziane, militante veterano molto vicino a Osama bin Laden negli anni '90, finora guida del ramo egiziano di al-Qaeda.

Decisione che avrebbe creato i presupposti per un'accentuarsi delle divisioni in seno al gruppo terroristico scatenando una guerra di successione che vedrebbe coinvolto in prima persona Ayman al-Zawahiri, numero due dell'organizzazione almeno sino a qualche settimana fa.

L'elicottero stealth che ha stanato Osama 05.05.11

L'elicottero stealth usato nel blitz al compound Osama

Wired si interroga sul presunto elicottero stealth utilizzato nel blitz al compound di Osama.

Aviation specialists are picking apart pixel-by-pixel the dozen-or-so photos of the copter that have appeared online. They're assembling digital mock-ups of the aircraft and comparing them to lost stealth designs of the 1980s and '90s. Speculation abounds, and so far no one from the government is commenting. But depending on what the copter turns out to be, it could shed new light on everything from the abilities of U.S. commandos to the relationship between the United States and Pakistan.

Opinions about the copter seem to fall into three basic camps. The most-cautious observers believe the wreckage is from a conventional chopper that got so badly mangled during the crash that it became unrecognizable. In the center, there are those who think the helicopter is an Army MH-60 Blackhawk tweaked to make it quieter and more stealthy. On the fringes, the true believers are talking about a brand-new, radar-evading helicopter design.

Considering the proliferation of bewildering photos from the crash site, the conservative viewpoint seems unlikely. Equally, the notion of a brand-new "black" helicopter seems far-fetched, especially considering the Army's long history of heavily modifying existing rotorcraft for secret missions.

Il futuro politico del mondo arabo 05.05.11

Bin Laden era già morto, almeno politicamente, prima che i soldati statunitensi attaccassero il suo rifugio. La morte politica di Al Qaeda è avvenuta il 17 dicembre 2010 a Sidi Bouzid, in Tunisia, quando Mohamed Bouazizi si è dato fuoco. Il suo suicidio, indipendentemente dalle motivazioni personali, è stato un evento politico. Ma non aveva nulla a che fare con il terrorismo, con l’ostilità verso gli Stati Uniti, la lotta contro il sionismo o la creazione di un grande califfato. La rivolta democratica del mondo arabo ha mostrato fino a che punto Al Qaeda fosse emarginata.

Via Internazionale.

Loro ci credono davvero 04.05.11

Screenshot de La Repubblica

Il pizzino, consegnato a mano a favore di telecamere, dal presidente Obama al generale con l'ordine di uccidere Osama è talmente implausibile da aver tenuto banco per tutta la giornata di ieri. Ringraziamo il Corriere per lo scoop.

Il buen retiro di Osama 02.05.11

"When we saw the compound, we were shocked by what we saw: an extraordinarily unique compound."

The plot of land was roughly eight times larger than the other homes in the area. It was built in 2005 on the outskirts of town, but now some other homes are nearby.

"Physical security is extraordinary: 12 to 16 foot walls, walled areas, restricted access by two security gates." The residents burn their trash, unlike their neighbors. There are no windows facing the road. One part of the compound has its own seven-foot privacy wall.

And unusual for a multi-million-dollar home: It has no telephone or internet service.

This home, US intelligence analysts concluded, was "custom built to hide someone of significance."

Il compound dove si nascondeva Osama bin Laden.

Non puoi perdere quando giochi al fianco di Obama e Capitan America 02.05.11

Capitan America a New York

Un cartello a New York: Osama 0 Obama 1

L'America festeggia la dipartita dell'iconico leader di Al-Qaeda.

La vita di Osama bin Laden per immagini 02.05.11

Osama bin Laden a Falun in Svezia nel 1971

Osama bin Laden in una caverna a Jalalabad in Afghanistan nel 1988

Osama bin Laden in Afghanistan nella guerra contro l'Unione Sovietica nel 1989

Osama bin Laden in Afghanistan nel 1998

Osama bin Laden in un video nel 2001

Dalla Svezia all'Afghanistan. Da ragazzino con i pantaloni a zampa a guerriero contro l'invasione dell'Unione Sovietica. Da leader di Al-Qaeda a icona mondiale del terrore.
La vita di Osama bin Laden raccontata in foto.

Le intuizioni di Gasparri su Obama e Osama 02.05.11

Con Obama alla Casa Bianca Al Qaeda forse è più contenta.

L'attualità e la preveggenza dello statista internazionale nelle parole, datate novembre 2008, di Maurizio Gasparri (PdL) a proposito della vittoria elettorale di Barack Obama alle presidenziali americane.

Il video postumo di Osama 02.05.11

Potrebbe spuntare in tempi brevi.

US officials say there's apparently another bin Laden tape, recorded prior to the attack, in the pipeline and expected to be released soon.

Osama bin Laden ucciso dalle forze speciali 02.05.11

Osama bin Laden

Scovato in un compound ad Abbotabad, vicino Islamabad, in Pakistan a 3.519 giorni dall'attentato dell'11 settembre.

I dettagli della cattura di Osama bin Laden sulla CNN.

L'esercito mostra la foto del cadavere colpito alla testa, mentre l'America scende per le strade a festeggiare cantando l'inno nazionale e sventolando bandiere a stelle e strisce.

1957, 2011. Il necrologio e la diretta sul Guardian.

We will kill bin Laden

A tre anni dall'annuncio in campagna elettorale, il presidente Obama porta a compimento quell'obiettivo sempre sfuggito a Bush durante i suoi due mandati.

Let us think back to the sense of unity that prevailed on 9/11. I know that is has, at times, frayed. We are once against reminded that America can do whatever we set our mind to.

[11:20] La foto del cadavere di Obama, che a quanto pare già sepolto in mare, è un falso della tv pachistana.

Un sms da 8 milioni di Euro 07.04.05

La Protezione Civile in questi giorni ha inviato la bellezza di quattro sms per ogni utente di telefonia mobile per dare informazioni assolutamente ovvie e scontate.

Forse la Prot.Civile ignora che le tv, le radio, i giornali altro non fanno da quattro giorni se non avvisarci del caos che regna a Roma.

Ma per Bertolaso & Co. non basta, tanto da inviare sms tradotti anche agli stranieri attualmente in Italia.
Il costo di questa operazione? Si stima tra i 6 e gli 8 milioni di Euro, che forse potevano essere impiegati in modo più proficuo.

I promeria inviati, di una banalità inaudita, ci informano che: a Roma fa caldo di giorno e fresco di notte, la tenda va piazzata a Tor Vergata, ci saranno ingorghi autostradali, utilizzate i mezzi pubblici.

E io che già pensavo di parcheggiare sotto il colonnato del Bernini e fare camping all'ombra dell'obelisco di Piazza San Pietro.

Dove si nascondeva e come è stato ucciso Osama bin Laden 02.05.11

Screenshot di Google Maps

Il compound dove si nascondeva Osama bin Laden

Il complesso ad Abbotabad da un milione di dollari, poco lontano da Islamabad e nei pressi di un'importante base militare pakistana, dove sino a ieri si nascondeva l'uomo più ricercato del pianeta, visto con Google Maps.

Dalla discussione venerdì, tra i vertici militari e il presidente Obama, dei dettagli dell'operazione, all'annuncio dell'uccisione. USA Today racconta le fasi della missione che ha portato 14 Navy Seal in elicottero dall'Afghanistan al rifugio - senza collegamenti internet - e al successivo scontro a fuoco con Osama bin Laden, causa della sua morte e di quella di altri quattro terroristi tra cui anche un suo figlio.

Tonight, I can report to the American people and to the world that the United States has conducted an operation that killed Osama bin Laden.

L'uomo che ha twittato l'attacco a Osama bin Laden 02.05.11

Si chiama Sohaib Athar ed è un consulente informatico pakistano che vive ad Abbottabad. Nella notte ha notato l'arrivo di elicotteri militari, riportandolo sul suo account Twitter.

Helicopter hovering above Abbotabad at 1AM (is a rare event).

Non avere un collegamento a internet è stato fatale a Osama bin Laden.

E ora cosa succede? 02.05.11

L'analisi di Kristoff sul dopo Osama bin Laden.

So what does this mean? First, it is good for the United States reputation, power and influence that we finally got bin Laden. Bin Laden’s ability to escape from the U.S., and his apparent impunity, fed an image in some Islamist quarters of America as a paper tiger - and that encouraged extremists. Bin Laden himself once said that people bet on the strong horse, the horse that will win, and the killing underscores that it's the United States that is the horse to bet on. Moreover, this sends a message that you mess with America at your peril, and that there will be consequences for a terror attack on the United States.

That said, killing bin Laden does not end Al Qaeda. Ayman al-Zawahri, the Egyptian No. 2, has long played a crucial role as Al Qaeda's COO. And Al Qaeda is more of a loose network than a tightly structured organization, and that has become even more true in recent years. AQIM, the version of Al Qaeda in North Africa, is a real threat in countries like Mali and Mauritania, and killing bin Laden will probably have negligible consequences there. The AQIM terrorists may admire Osama and be inspired by him, but they also are believed to be largely independent of him. And Anwar al-Awlaki, the Qaeda-linked terrorist in Yemen, likewise won’t be deterred by bin Laden's killing - Awlaki’s ability to engage in terrorism will be affected more by the upheavals now taking place in Yemen and whether that country has a strong and legitimate government that takes counter-terrorism seriously.

Il pensiero di oggi 02.05.11

Al netto dei soliti "mi si nota di più se mi distinguo?", oggi è un grande giorno.

L'intellettualismo e il moralismo di sta ceppa anti-guerrafondaia oggi sta a zero.

Il Calendario dell'Avvento on-line 09.12.04

Per chi non lo sapesse il Calendario dell'Avvento è un calendario speciale composto da soli 25 giorni disposti in modo casuale.

In sostanza si tratta di un gioco: i giorni vanno dal 1° al 25 dicembre. Solitamente ogni casella contiene qualcosa che può andare da un disegno ad una sorpresa. Lo scopo del gioco consiste nell'individuare il giorno corrispondente e scoprire cosa nasconde, contando quanti giorni mancano a Natale.

Con la nascita del web non poteva dunque mancare anche un Calendario dell'Avvento tutto digitale.

Il terrorismo che arriva dal freddo 12.12.10

Il quartiere di Drottniggatan scena degli attentati

Stoccolma si risveglia squassata dal terrorismo islamico; solo per inettitudine non degenerata in tragedia.

Sciopero 3 30.11.04

La direzione del Tg1 "ha violato la più elementare delle norme del contratto nazionale di lavoro censurando il comunicato della Federazione Nazionale della Stampa di solidarietà allo sciopero dei sindacati contro la manovra finanziaria e la riforma fiscale del governo": è cio che afferma in una nota il cdr della testata diretta da Clemente Mimun in una nota.

"L'azienda aveva autorizzato, nel rispetto della legge e del contratto nazionale di lavoro, la messa in onda del comunicato della Fnsi - si legge nella nota -. Ma la direzione del Tg1 non ha preso in considerazione il comunicato, contravvenendo persino all'indicazione della direzione generale della Rai. Ancora una volta - conclude il cdr - la direzione del Tg1 si è resa responsabile della violazione delle regole sindacali".

Anche il comitato di redazione del Tg2 "protesta con forza contro la decisione della direzione della testata di non leggere nell'edizione delle 13 il comunicato della Fnsi a sostegno dello sciopero generale di oggi contro la manovra finanziaria e la riforma fiscale del governo".

Lo si legge in una nota dello stesso Cdr. Il Cdr "denuncia da parte della direzione un comportamento antisindacale e di censura in quanto il comunicato aveva ricevuto il via libera dalla direzione generale".

La Fnsi, l'Usigrai e l'Associazione stampa romana denunciano "la manomissione compiuta dai direttori di Tg1 e Tg2 che sono intervenuti sul testo del comunicato relativo allo sciopero generale di cui era stata chiesta lettura ai sensi del contratto nazionale di lavoro giornalistico". "La richiesta - spiegano le tre organizzazioni in una nota congiunta - era stata inoltrata alla Rai nel rigoroso rispetto delle procedure contrattuali e la Rai aveva dato l'ok".
Secondo Fnsi, Usigrai e Asr, si configura perciò "un comportamento antisindacale, punito dallo statuto dei lavoratori. Questa Rai - sottolineano - si conferma incapace di rispettare le regole. Il sindacato ha dato immediato mandato ai propri legali per predisporre ogni atto necessario per contestare la condotta della Rai nelle sedi opportune".

Al-Fatah ha scelto Abu Mazen 23.11.04

Al-Fatah, il piu' importante gruppo dell'OLP ha scelto Abu Mazen come candidato alle elezioni presidenziali di Dicembre.

Lo ha affermato Intisar Wazir, membro del comitato centrale di al-Fatah e ministro degli affari sociali.

Limiti 08.11.04

"La differenza tra l'intelligenza e la stupidita' e' che l'intelligenza ha un limite."

Albert Einstein

Revisione del manifesto del newsgroup it.comp.www.html 07.10.04

E' in fase di ultimazione la revisione del manifesto (la versione attuale è consultabile su questo sito nella sezione it.comp.www.html) del newsgroup it.comp.www.html. Svliuppata assieme a Ninja (l'altro moderatore del newsgroup) su mia idea, la nuova versione allarga e chiarifica il topic del newsgroup.

Inserimenti importanti saranno quelli che riguardano l'ampliamento delle discussioni a XML, XML family, accessibilità e usabilità, linguaggi lato server (nei limiti del topic), linguaggi lato client (nei limiti del topic).

Saranno sviluppati anche i riferimenti ai CSS, attualmente non presenti nel charter anche se questi temi vengono da tempo accettati in fase di moderazione.

(x)HTML-kit 05.10.04

Screenshot di (x)HTML-kitQuesto magnifico editor supporta le maggiori e più complete opzioni disponibili: evidenziatore avanzato della struttura del codice per tutti i linguaggi più conosciuti, con possibilità di scegliere i colori; possibilità di lavorare su più file in un unico ambiente; innumerevoli plug-in e add-on (tra cui molte dedicate a linguaggi di programmazione non solo web oriented: C/C++/C#, ASP, PHP, Perl, Python, Delphi, CSS, XHTMl, XML, ecc.); tasti di scelta rapida altamente personalizzabili; auto backup dei file su cui si sta lavorando; validatore interno; visualizzatore di documenti; editor di documenti ipertestuali con decine di funzioni integrate in un solo ambiente facilmente consultabile e utilizzabile; client FTP interno.

Insomma un editor davvero completo, aggornabile e scriptabile anche senza conoscere un linguaggio di programmazione grazie HTML-Kit Plugins Generator (http://www.chami.com/html-kit/devtools/) che permette appunto di creare i propri plug-in.

(x)HTML-kit è disponibile a questo indirizzo: http://www.chami.com/html-kit/

Il dizionario di usenet 05.10.04

Screenshot di 40tude DialogSto portando a termine gli ultimi ritocchi al documento "Dizionario di usenet" ([DOC] Dizionario di usenet).

A lavoro ultimato conterrà più del doppio delle voci presenti nell'attuale versione.

Una vera e propria risorsa sia per chi si avvicina per la prima volta a usenet e ai newsgroup sia per chi già ne fa parte, ma che ha bisogno di una semplice, ma completa pocket guide.

Il documento è disponibile sui seguenti newsgroup: it.faq, it.news.aiuto. Le versioni web e testuali (.pdf, .doc, .txt, .rtf) cambieranno indirizzo.

La versione web è possibile reperirla a questo URL (indice dei documenti usenet presenti su Rhadamanth.net):

http://www.rhadamanth.net/com_usenet.php

Il link diriretto, dopo l'uscita dell'ultima vesione sarà:

http://www.rhadamanth.net/doc_usenet.php

Terrorismo logistico 29.10.10

Colpire l'America con pacchi bomba spediti tramite UPS.
La "credibile minaccia" di Al Qaeda consegnata entro 24 ore.

Internet Explorer 7. Cos'è e come funziona 30.09.04

Home page del sito IE7E' cosa risaputa che il browser di casa Microsoft Internet Explorer 6 abbia gravi carenze per quanto riguarda gli standard.

A questo proposito uno sviluppatore inglese, Dean Edwards, sta lavorando ad un progetto chiamato IE7. L'intento, secondo l'autore, è quello di colmare i buchi nel supporto degli standard, realizzando dunque una sorta di versione 7 del browser di Redmond.

IE7 non è un plug-in e non modifica nulla del codice e dell'interfaccia di Explorer. È un insieme di complesse librerie (moduli) da sistemare sul server su cui risiedono le pagine e che vengono collegate alle pagine stesse.

IE7 si basa sull'integrazione di 3 componenti: Javascript, CSS e behavior DHTML (tecnologia proprietaria di Microsoft, introdotta con Internet Explorer 5.5 che consente l'aggiunta di effetti dinamici alle pagine web e agli elementi HTML).

Come funziona quindi IE7? E' presto detto. In pratica traduce di quegli elementi che Microsoft Internet Explorer non è in grado di capire. Effettua dunque di un CSS, ad esempio, il parsing e lo riscrive in una forma che IE riesce a interpretare e rendere correttamente.

Se vi interessa saperne di più questo è il link del progetto (open source): http://dean.edwards.name/IE7/

Bin Laden ambientalista 01.10.10

Osama Bin Laden, nella sua più recente uscita, offre consigli di agricoltura e parla dei cambiamenti climatici.
Nel prossimo video si affronterà l'affascinante mondo dell'uncinetto afghano.

Attacco al consolato USA in Arabia Saudita 07.12.04

Al Qaeda ha rivendicato, con un comunicato pubblicato sul web dalla sua rete saudita, l'attacco di ieri al consolato statunitense a Gedda.

Al momento l'autenticita' del comunicato non e' ancora stata verificata.

La strage nel college di Garissa 02.04.15

Soldati del Kenya intervengono al college di Garissa

Miliziani di Al-Shabaab, cellula somala di Al-Qaeda, hanno fatto irruzione asserragliandosi nel campus del Garissa University College uccidendo 147 persone e ferendone decine. Una battaglia durata 16 ore con le forze di sicurezza keniote che hanno assediato l'istituto nel tentativo di liberare gli ostaggi. Quattro terroristi sono stati uccisi, mentre una taglia di 220mila dollari pende sulla testa di Mohammed Mohamud, conosciuto anche come Dulyadin e Gamadhere, considerato dall'intelligence keniota il capo delle operazioni di Al-Shabaab in Kenya e ritenuto la mente dell'attacco. Il campus di Garissa contava 815 studenti e circa 60 insegnanti. L'attentato è il più sanguinoso avvenuto in Kenya dall'assalto a un centro commerciale di Nairobi nel 2013.

Fonte: CNN

Il decimo anniversario dell'11 Settembre 11.09.11

Robert Peraza prega per la scomparsa di suo figlio al WTC di New York

Nel nuovissimo memoriale a Ground Zero migliaia di persone hanno celebrato il decennale degli attacchi terroristici pianificati da Al-Qaeda contro il World Trade Center di New York. Dieci anni dopo, la primavera araba e i colpi mortali inferti dagli USA e dalla NATO alla rete terroristica, hanno donato al mondo la consapevolezza che il fondamentalismo si può battere e la democrazia può prevalere anche in stati dove si riteneva impossibile potesse accadere. Cerimonie analoghe si sono tenute a Washington al Pentagono e a Shanksville in Pennsylvania, luogo in cui precipitò il volo United 93.

Fonte: Guardian

Arrivare a Osama bin Laden 02.05.11

La Situation Room alla Casa Bianca

Dall'ordine dato dalla Casa Bianca all'Afghanistan da cui sono partiti i Navy Seal, da Abbotabad rifugio milionario del terrorista più ricercato al mondo alla portaerei Carl Vinson su cui si è celebrata l'inumazione di Osama bin Laden in mare.

Fonte: TLUC Blog

Strage di cristiani in Egitto la notte di Capodanno 01.01.11

L'autobomba davanti alla chiesa copta di Alessandria

Un'autobomba la notte di Capodanno fa strage di cristiani ad Alessandria d'Egitto. 21 morti il bilancio dell'attentato compiuto davanti alla Chiesa dei Santi (Al-Qiddissine), nel quartiere di Sidi Bishr.

Fonte: Le Monde

Il terrorismo colpisce Stoccolma 11.12.10

Il luogo dell'attentato a Stoccolma

Due esplosioni si sono verificate nel tardo pomeriggio nel centro di Stoccolma. L'attentato ha ucciso il terrorista islamico e ferito altre due persone nei dintorni di Drottniggatan, una delle principali arterie dello shopping nel cuore della città. La prima esplosione si è verificata in una macchina, conteneva una bombola di gas. La seconda, che ha ucciso il terrorista, è stata attribuita ad una cintura esplosiva.

L'attentato sventato a Portland 27.11.10

Mohamed Osman Mohamud

Un diciannovenne di origini somale ha tentato di far esplodere un furgoncino nelle vicinanze della piazza nel centro di Portland gremita di gente per l'accensione dell'albero di Natale. La bomba nel furgone era però stata sostituita dall'FBI che ha poi arrestato l'uomo.

Allarme terrorismo in Germania 22.11.10

Il Reichstag a Berlino

Le autorità tedesche hanno chiuso la cupola del Reichstag a Berlino in seguito alle minacce di attentati terroristici.

Il terrorismo torna a colpire duramente Baghdad 03.11.10

Funerali a Baghdad

La capitale irachena squassata da almeno 14 autobombe e colpi di mortaio. Colpiti i quartieri sciiti. Le vittime sarebbero almeno 63, centinaia i feriti.

Fonte: CNN

Il massacro in chiesa a Baghdad 01.11.10

La notte a Baghdad

E' strage a Baghdad. La polizia irrompe nella chiesa presa in ostaggio da terroristi islamici.

Il terrorismo colpisce Istambul 31.10.10

L'autobus della polizia colpito dall'attentatore suicida

Un morto e decine di feriti. L'attentatore suicida voleva colpire la polizia.

Terrorismo via corriere 29.10.10

Un centro UPS

La "minaccia credibile" agli Stati Uniti arriva con pacchi bomba su aerei cargo.