tizianocavigliablog
In piedi, campeggiatori, camperisti e campanari!

Grandi Opere: due risate 22.12.04

Trentasei anni dopo la posa della prima pietra, è stata inaugurata in pompa magna dal premier Berlusconi metà autostrada Palermo-Messina.

Sì, avete letto bene metà, perché a venire aperto è soltanto un senso di marcia.

Non soltanto, ma per il momento i veicoli viaggeranno gratis (un altro impegno raggiunto: meno pedaggi per tutti) perché i caselli non sono stati ancora costruiti.

In compenso l'autostrada-a-metà ha già raggiunto il notevole record di tre cerimonie, quest'anno, per altrettanti mini tratti ultimati.

Non c'è che dire ogni scusa è buona per ritagliarsi uno spazietto sui media anche per opere non concluse o magari già iniziate.

Notevole il caso del Mose, le dighe mobili di Venezia, per il quale, Berlusconi, posò tempo fa la prima pietra. Dimenticancosi però che sedici apri un'analoga cerimonia era già stata celebrata da Gianni De Michelis.

Non ci rimane che attendere sperandosi l'inaugurazione per il secondo senso di marcia e magari anche quella per i vari caselli.

Viene il dubbio che il "Contratto con gli Italiani" sia stato (anche quello) frainteso.
Alla voce Grandi Opere probabilmente si intendeva Grandi Opere Incompiute.