tizianocavigliablog
Tu vola disinvolto.

Chi ospiterà la prossima America's Cup 20.08.10

San Francisco, sede del Golden Gate Yacht Club detentore della "coppa delle cento ghinee", ha soltanto sei settimane di tempo per presentare la proposta formale per ospitare (nel 2013 o nel 2014) la trentaquattresima America's Cup.
Un tempo assai ristretto per permettere all'amministrazione cittadina di acquisire una deroga alla legge statale sull'ambiente, che al momento impedisce di realizzare le strutture necessarie all'evento. E i gruppi ambientalisti locali sarebbero già sul piede di guerra.

Se San Francisco non dovesse farcela difficilmente le regate si svolgeranno negli Stati Uniti.
Più probabile una sede in Europa, Valencia sarebbe già pronta, o magari tra gli emirati del Golfo.

E c'è anche chi parla dell'Italia. La Maddalena per essere precisi.
Tuttavia giocare in casa del Challenger of Record (il Club Nautico di Roma con Mascalzone Latino) potrebbe essere una cattiva idea.

Ma questa è pura speculazione.
Aspettatevi di vedere le vele delle barche più veloci del mondo sullo sfondo del Golden Gate.

America's Cup day 4 - It's Oracle 14.02.10

Il catamarano Alinghi e il trimarano BMW Oracle Racing

L'America's Cup vola a San Francisco. Dopo dieci anni si compie il sogno di Larry Ellison.

BMW Oracle Racing vince una coppa senza storia.
Unico brivido della giornata, il vantaggio di Alinghi nel primo lato cancellato alla prima boa.
Ancora una penalità in partenza per il team svizzero.

Un bravo timoniere per gli elvetici non avrebbe fatto male.

La coppa che abbandona per la seconda volta l'Europa in 159 anni di storia. Resta l'amaro in bocca per come sono stati gestiti l'evento e le regate da parte di Ernesto Bertarelli.

America's Cup day 3 - BMW Oracle domina 12.02.10

15 minuti e 28 secondi di ritardo. Un abisso.
E' il distacco che il trimarano Oracle, partito disastrosamente con 1 minuto e 45 secondi di ritardo, ha inflitto ad Alinghi. La penalità inflitta al catamarano di Bertarelli - sì non è stata una buona partenza per nessuno - non influirà dunque sul risultato del match.
Nessun errore in regata per la barca svizzera. Solo nodi in meno. Uno. Due. Tre. Costantemente. Per tutto il bastone.

Una nota. Oracle si è permessa di raggiungere Alinghi nel lato di bolina e poi ammainare il genoa e navigare solo con la randa. Dimostrando tutta la superiorità della vela dal profilo alare della barca americana.
Un schiaffo in pieno volto agli svizzeri.

Ripensandoci, la scelta del catamarano non è stata vincente.
Le drammatiche analogie con la sfida del 1988 diventano ogni minuto più reali.

America's Cup day 2 - regata annullata 10.02.10

Ora potete iniziare a maledire Larry Ellison per aver innescato questa pazza edizione dell'America's Cup.
O potete maledire Ernesto Bertarelli per l'ingenuità nell'organizzare il dopo Valencia 2007.

Un altro rinvio. Venerdì sarà il prossimo giorno utile.

America's Cup day 1 - regata annullata 08.02.10

Scegliere Valencia come venue per l'America's Cup significa spaere che si incorrerà in problemi di vento debole e ballerino.
L'annullamento di oggi non è certo un biglietto da visita incoraggiante per gli organizzatori, che volevano lasciarsi alle spalle al più presto i drammi giudiziari degli ultimi anni e spostare l'attenzione sul campo di regata, ma in fondo la vela è anche questo.

33rd America's Cup 06.02.10

33rd America's Cup

Catamarani contro trimarani. Qualcosa di simile al 1988. San Diego. La sfida dei kiwis di Michael Fay su "Big Boat", disegnato da Bruce Farr, contro il catamarano "Stars & Stripes" di Dennis Conner.
Si respira aria di America's Cup. Lunedì si parte.

Dirette e commenti un po' ovunque.

Le regate dell'America's Cup gratis in streaming 26.01.10

Dall'8 febbraio si torna in acqua per la 33esima America's Cup, dopo una battaglia legale che sembrava destinata a durare in eterno e che ha minato lo spirito della competizione e la pazienza degli appassionati di vela.

Per la prima volta le regate (8 e 10 febbraio, più l'eventuale match race di spareggio il 12) verranno trasmesse in streaming gratuitamente sul sito del consorzio e con aggiornamenti costanti via Twitter.

Louis Vuitton Cup - le barche: BMW ORACLE Racing 07.05.07

BMW ORACLE RacingBMW ORACLE Racing è l'unico team americano; è composto da 150 persone provenienti da 16 paesi diversi.
L'obiettivo dichiarato è uno, riportare la Coppa negli Stati Uniti.

Nell'edizione 2002/03 ad Auckland, BMW ORACLE Racing è arrivata sino alla finale della Louis Vuitton Cup, dove però è stata battuta da Alinghi, in seguito vincitrice della 31/a America's Cup.
Nel 2006 gli americani hanno chiuso la stagione al terzo posto, secondi nella Louis Vuitton Ranking, subito dietro ETNZ. Gli allenamenti invernali di BMW ORACLE Racing si sono svolti ad Auckland dove è stata anche varata la seconda nuova barca USA 98.

Yacht Club Golden Gate Yacht Club
Numeri Velici USA 71, USA 76, USA 87, USA 98
Anno di fondazione del Team 2000
Designer ORACLE BMW Racing Design Team
Skipper / Timoniere Chris Dickson, Lawrence Joseph Ellison
Capo del sindacato Lawrence Joseph Ellison
Pozzetto Bertrand Pacé, Gavin Brady, Rod Dawson, Eric Doyle, Peter Isler, Sten Mohr, Ed Smyth
Sito web www.bmworacleracing.com

Sailing team
Lawrence Joseph Ellison (Team manager, Afterguard)
Chris Dickson (Skipper, Afterguard)
Gavin Brady (Afterguard)
Rod Dawson (Afterguard)
Eric Doyle (Stratega, Afterguard)
Peter Isler (Afterguard)
Sten Mohr (Afterguard)
Bertrand Pacé (Afterguard)
Ed Smyth (Navigator, Afterguard)
Mark Bradford (Trimmer)
Sean Clarkson (Trimmer)
Noel Drennan (Trimmer)
Ross Halcrow (Trimmer)
Zachary Hurst (Trimmer)
Robbie Naismith (Trimmer)
Morgan Trubovich (Trimmer)
Paul Westlake (Trimmer)
Jon Ziskind (Trimmer)
Ian Baker (Grinder)
Stuart Clarke (Grinder)
Scott Crawford (Grinder)
Haydon Goodrick (Grinder)
Brian Maclnnes (Grinder)
Craig Monk (Grinder)
Joe Spooner (Grinder)
David Blanchfield (Mast/Pit)
David Brooke (Mast/Pit)
Julien Cressant (Mast/Pit)
Rodney Daniel (Mast/Pit)
Jamie Gale (Mast/Pit)
Jann Neergaard (Mast/Pit)
Carl Williams (Mast/Pit)
Phil Jameson (Foredeck)
Tony Kolb (Foredeck)
Nick Partridge (Foredeck)
Kazuhiko Sofuku (Foredeck)
Brad Webb (Foredeck)
Kelsey Berry (Chase Boats)
Craig Christensen (Chase Boats)
Nicholas Cookson (Chase Boats)
Michael Heffer (Chase Boats)
Chris Robertson (Chase Boats)
Aimee Daniel (Support)
Richard Slater (Support)
Paul Wallbank (Support)
Chris Bedford (Weather)
Jeffrey Clark (Weather)
Doug Rastello (Weather)
Nathan Williams (Weather)

LVC RR1: primi giorni, Flight 1 e 2, nuovo stop, Flight 3, Flight 4 e 5, Flight 6 e 7, Flight 8 e 9, Flight 10 e 11, prima metà, Flight 10 e 11, seconda metà
LVC RR2: Flight 1, prima metà, Flight 1 (seconda metà) e 2, Flight 3 e 4, Flight 5 e 6, Flight 7 e sfida Mascalzone - Desafio, Flight 8
LVC le barche: Victory Challange, United Internet Team Germany, Team Shosholoza, Mascalzone Latino - Capitalia Team, Luna Rossa Challange, Emirates Team New Zeland, Desafio Espanol, China Team