tizianocavigliablog
Cappello di Maglia.

Rivoluzione Lomo 23.05.18

The Lomo Camera: Shoot from the Hip racconta la storia e l'evoluzione del fenomeno di culto della lomografia e della fotografia analogica a basso costo.
Nata dalla riscoperta negli anni '90 delle macchine fotografiche sovietiche, prodotte dalla Leningradskoye Optiko-Mekhanicheskoye Obyedinenie, la lomografia fa del motto non pensare, scatta! la sua ragione d'essere, assieme a immagini sature e dalla insistente vignettatura, il marchio di fabbrica delle lenti Lomo che decenni dopo verrà riproposto in chiave digitale dai filtri di Instagram.

E si vede 27.03.09

Delegati al congresso della PDL

La destra è di Berlusconi. Quale la novità?

America's Cup: Alinghi vince ancora 29.06.07

Ieri la Giuria ha rigettato a maggioranza la protesta presentata da Emirates Team New Zealand contro Alinghi dopo la quarta regata.
La Giuria ha sentenziato che Alinghi non ha infranto la Regola 31.6 dell’America’s Cup Class Rule che recita: “Le rande devono poter essere ammainate in coperta senza bisogno di mandare un membro dell’equipaggio a riva”.
I neozelandesi avevano presentato la protesta dopo aver visto le immagini televisive che mostravano Pete Van Niewenhuyzen, prodiere di Alinghi, entrare in contatto con la randa.

Il prestart è finalmente molto combattuto con ETNZ in controllo di Alinghi, attorno alle barche spettatori.
I kiwi entrano centrali mure a dritta, mentre Alinghi compie una virata in più e taglia in barca comitato mure a sinistra, con un ritardo di 5 secondi.
Alla prima boa le due barche sono viinissime, ma i kiwi sono all'interno e riescono a girare avanti con 12" di vantaggio.
Nella poppa equipaggi ancora molto vicini, Team New Zeland rompe lo spi e Alinghi effettua il sorpasso.
I guai per il team kiwi non sono finiti: l’issata della seconda vela non riesce e la terza s’incaramella, in una sequenza di errori mai visti prima sulla barca dell’ex Defender.
Alinghi allunga nonostamte i ripetuti tentativi dei kiwi. E' 3 a 2.

Race 5

  • Alinghi batte Emirates Team New Zeland

America's Cup

3 Alinghi
2 Emirates Team New Zeland

LVC RR1: primi giorni, Flight 1 e 2, nuovo stop, Flight 3, Flight 4 e 5, Flight 6 e 7, Flight 8 e 9, Flight 10 e 11, prima metà, Flight 10 e 11, seconda metà
LVC RR2: Flight 1, prima metà, Flight 1 (seconda metà) e 2, Flight 3 e 4, Flight 5 e 6, Flight 7 e sfida Mascalzone - Desafio, Flight 8, Flight 9, Flight 10, Flight 11
LVC semifinali: Race 1, Race 2, Race 3, Race 4, Race 5, Race 6, Race 7
LVC finale: Race 1, Race 2, Race 3, Race 4, Race 5
America's Cup: Race 1, Race 2, Race 3, Race 4
LVC le barche: Victory Challange, United Internet Team Germany, Team Shosholoza, Mascalzone Latino - Capitalia Team, Luna Rossa Challange, Emirates Team New Zeland, Desafio Espanol, China Team, BMW ORACLE Racing, Areva Challange, +39 Challange
Il defender: Alinghi

TLUC ... Store 21.05.07

La maglietta 'Palms Riviera Savona' su TLUC ... StoreAvete comprato i pantaloni di lino bianco.
Sfoggiate i vostri occhialoni D&G.
Ma se non avete ancora acquistato una di queste magliette non siete nessuno.

Campagna: "Un soldino per Tizi. Aiutaci ad aiutarlo".

Louis Vuitton Cup: Luna Rossa chiude il RR1 al secondo posto 28.04.07

Giornata caratterizzata dai salti di vento.
Nel derby italiano, Luna Rossa trionfa su Mascalzone Latino e sugli spagnoli. Da segnalare lo spinnaker dei mascalzoni finito in acqua.

Straordinaria vittoria di Desafio Espanol ai danni degli americani. Gli spagnoli si confermano un team temibile. La sfida per le semifinali si accende.
Vittoria anche per Emirates Team New Zealand su Victory.

Nel big match tra neozelandesi e americani, il team di Ellison va a vincere e mantiene il primo posto in classifica grazie ad un'ottima rimonta.

Luna Rossa chiude il primo Round Robin al secondo posto, Mascalzone Latino al quinto (a tre punti dalle semifinali) e +39 al nono posto (2 vittorie all'attivo).

Fligth 10

  • Luna Rossa Challange 2 0 Mascalzone Latino - Capitalia Team
  • Emirates Team New Zealand 2 0 Victory Challange
  • BMW ORACLE Racing 0 2 Desafio Espanol

Fligth 11

  • Mascalzone Latino - Capitalia Team 0 2 Victory Challange
  • Luna Rossa Challange 2 0 Desafio Espanol
  • Emirates Team New Zealand 0 2 BMW ORACLE Racing

Classifica

01. 21 BMW ORACLE Racing
02. 19 Luna Rossa Challange
03. 18 Emirates Team New Zealand
04. 17 Desafio Espanol
05. 14 Victory Challange
05. 14 Mascalzone Latino - Capitalia Team
07. 12 Team Shosholoza
08. 09 Areva Challenge
09. 06 +39 Challenge
10. 03 United Internet Team Germany
11. 01 China Team

LVC RR1: primi giorni, Flight 1 e 2, nuovo stop, Flight 3, Flight 4 e 5, Flight 6 e 7, Flight 8 e 9, Flight 10 e 11, prima metà
LVC le barche: Victory Challange, United Internet Team Germany

Web design e tendenze 03.01.06

Un paio di notizie sulle tendenze in fatto di design web per l'anno appena iniziato e i migliori articoli e strumenti sul web dell'anno passato.

Rachel Cunliffe segnala le 7 per il web design che del 2006:

  • Font di grande dimensione, in particolare per i titoli;
  • Bordo superiore dello spessore di 5 / 6 pixel;
  • Header e footer di grandi dimensioni;
  • Colori vivaci;
  • Commenti-fumetto;
  • Angoli arrotondati;
  • Link evidenziati attraverso un differente colore di sfondo.

web-graphics.com ha invece pubblicato una lista contenente gli articoli, i post, gli strumenti e le realizzazioni che hanno caratterizzato il design e lo sviluppo web del 2005.

Technorati Tags: , , , , , , , .
Crosspost su Rhadamanth.net Weblog.

LomoKino 03.11.11

LomoKino

La videocamera analogica di Lomo.

Lomo wall 14.03.11

Lomo wall

Lomo wall

Lomo wall

Una selezione di straordinari Lomo wall.

Serence Klipfolio 30.11.04

Serence Klipfolio si presenta come una L rovesciata ed una serie di clip.

Ogni clip e' un software indipendente. Si va dal meteo alle quotazioni di borsa, dalle caselle di posta alle ricerche con Google.

Ogni clip e' una finestra indipendente. E' possibile scaricarle gratuitamente dal sito o crearsene delle proprie.

Utilissimo, ad esempio, per tenere sott'occhio le ultime notizie o il nostro blog preferito tramite news feed.

Wikipedia 15.01.01

Ehi, vogliono mettere in piedi un'enciclopedia online scritta dagli utenti.
Il tutto completamente gratis.

Quattro o cinque anni e se il progetto funziona potremo dire addio alla Treccani.

Non pensare, scatta! 23.02.08

Questa è la storia di come la passione e la moda abbiano salvato, o meglio santificato, un prodotto che le rigide leggi di mercato avevano consegnato all'oblio.

La fotografia è un mondo affascinante. L'attesa della luce perfetta, l'immediatezza dell'attimo, il cogliere lo scorrere del tempo, la scoperta del soggetto perfetto, l'attesa dello sviluppo o la rapidità della condivisione digitale.
Se avete quell'immagine dell'Unione Sovietica fatta di grigiore e palazzoni tutti indistinguibili vi sembrerà strano, ma anche a Leningrado (l'attuale San Pietroburgo) quella passione di immortalare oggetti, momenti di vita e paesaggi su carta fotografica non era argomento sconosciuto.

E così veniamo alla LC-A (LOMO Compatta Automatica) dove LOMO è l'acronimo di Leningradkoje Optiko Mechanitscheskoje Objedinenie che poi era, ma sarebbe più corretto dire è, il prodotto di punta della ditta sovietica.
Questa macchina fotografica compatta ha un obiettivo con una focale di 32mm, paragonabile ad un grandangolare medio.
Ed è proprio l'obiettivo a renderla unica. Progettato dall'ingegnere ottico Radionov, nomen omen dirà qualcuno, ha la sua particolarità nella relativa luminosità f/2.8, che unita alle piccole dimensioni della lente fornisce immagini estremamente sature e con una vignettatura di sottoesposizione tutto intorno, che crea una sorta di effetto tunnel.
Radionov aveva inventato l'autofocus, il che permetteva di eliminare occhi rossi e sfondi neri anche in condizione di luce scarsa e senza flash.

In URSS fu un successo, dovuto in massima parte al costo originalmente molto contenuto. Il resto del mondo non se la filò di striscio, al meno sino al 1992.

A Praga due studenti Matthias Fiegl e Wolfgang Stranzinger trovano, in un mercatino underground, una piccola macchina fotografica nera. I due ne cercano altre e iniziano a scattare foto a raffica, poi le portano a stampare in un minilab di un supermercato nel formato più piccolo ed economico 7x10 (che diventerà presto il formato standard dei lomografi).
Le foto risultavano particolarmente ravvicinate e sproporzionate, eccessive e sfacciate, ed era esattamente quello che gli occhi dei due ragazzi avevano visto.
La capacità delle macchine fotografiche LOMO è invertire il punto di vista, il farti cadere dentro la foto. Se poi ci aggiungete l'effetto grandangolo e quella luce sempre bizzarra, autonoma ed inaspettata unita ai colori saturi, brillanti, contrastati dalla vignettatura, i contorni a volte nitidissimi e a volte indefiniti, capirete perché nel mondo è possibile trovare una comunità attiva di mezzo milione di lomografi.

La LOMO è movimento e colore. Imperfetta e affascinante. Di culto.
Senza fronzoli, ma con una personalità capace di renderla immortale nonostante i suoi evidenti difetti.

Una LOMO è presente al MoMA di New York, per dire.