tizianocavigliablog
Un uomo impossibile.

Il Confuoco di Savona tra le fiamme dell'alloro 17.12.17

Il Confuoco di Savona 2017
Il Confuoco di Savona 2017

La fiamma scaturita dalla pira di alloro sale alta e dritta, nell'insolita cornice del piazzale del Maschio sulla Fortezza del Priamar invece che nella più classica piazza Sisto IV sulla quale si affaccia il Palazzo del Comune.
Si rinnova la plurisecolare tradizione del Confuoco di Savona che legge tra le fiamme del lauro alte e dritte un segno di buon auspicio per il nuovo anno che verrà.

La Corsa dei Babbi Natale 19.12.16

La Corsa dei Babbi Natale 2016 a Savona

Oltre 3.500 partecipanti hanno preso parte all'annuale corsa notturna dei Babbi Natale di Savona.
La gara non competitiva prevede un percorso che si dipana tra le vie del centro storico medievale, della Vecchia Darsena e del quadrilatero ottocentesco per festeggiare il periodo natalizio in compagnia dopo la tradizionale cerimonia del Confuoco.

I buoni auspici tra le fiamme dell'alloro 18.12.16

Il Confuoco 2016 a Savona

Leggere il destino della città tra le fiamme dei rami d'alloro, è la secolare tradizione del Confuoco che ogni anno si svolge a Savona nella domenica che precede il Natale.
La pira di rami d'alloro viene data alle fiamme in piazza Sisto IV, su cui sorge il palazzo del Comune. Se la fiamma sale dritta e alta è segnale di buon auspicio per l'anno venturo.

TizianoCavigliaPuntoBlog 24.06.08

Nomi a dominio in libertà. Presto, grazie all'ICANN.

L'Ipv6 è vicino.

Apre a Savona il più grande museo al mondo dedicato ad Apple 22.01.14

Dopo due anni di traversata nel deserto riaprirà a Savona, nella splendida cornice della Vecchia Darsena, quello che a Cupertino ritengono essere il più fornito museo Apple al mondo: l'All About Apple.
Appuntamento venerdì in piazza De André, a due passi dal Palacrociere, per l'inaugurazione della nuova sede. Per la completa apertura al pubblico bisognerà invece attendere la fine del 2015.

Il più fornito museo Apple al mondo cerca una nuova casa a Savona 14.08.13

All About Apple è secondo Cupertino il più fornito museo di prodotti con la mela morsicata al mondo. Oltre settemila device tutti funzionanti e utilizzabili dai visitatori che oggi rischiano di non avere più una casa.
Tramontata l'ipotesi di una sede fissa all'interno del Campus universitario di Savona, dopo il trasloco da Valleggia, si cercano soluzioni che potrebbero portare il museo nelle splendidi cornici della Vecchia Darsena o nel complesso museale sulla Fortezza del Priamar, ma bisogna fare in fretta. Savona e la Liguria richiano di perdere una risorsa culturale e turistica che il mondo ci invidia.

Miracoli 16.10.07

Ah Wojtyla, che sagoma!

Oggi in Liguria nevicava 11.02.13

La neve a Savona nel 2013

E' stata chiamata la grande nevicata. Big snow titolavano i media locali.
Niente a che vedere con quella dell'81, ma oggi sulla Liguria da ponente a levante, dai monti alle spiagge ha nevicato ininterrottamente per ore. Il risultato è scenografico (anche quando è ripreso da un drone elicottero).

Il responso del Confuoco 2012 23.12.12

Fiamma alta e dritta. Fumo chiaro e abbondante. La previsione del tradizionale Confuoco di Savona per un 2013 finalmente positivo.

La neve in Liguria 14.12.12

Oggi la Liguria si è svegliata così.

Prevedere il futuro tra le fiamme dell'alloro 18.12.11

Figurante al Confuoco di Savona

Il tradizionale rito del Confuoco a Savona.

Molto fumo, molto vento e una fiamma che a fatica sale dritta. La previsione è un 2012 transitorio con outlook positivo.

Il Giro di Padania nel caos 07.09.11

Savona si rivolta al passaggio del Giro di Padania in Liguria. Un enorme tricolore sventola dalla Torretta, simbolo della città, affisso dalla giunta comunale.
Decine di persone hanno impedito il passaggio della corsa lungo via Gramsci a ridosso della Vecchia Darsena, costringendo gli organizzatori a deviare più volte il percorso. I manifestanti hanno poi cercato di sfondare anche il cordone della polizia in via Paleocapa.

Ciclisti sperduti sulle alture e il secondo poliziotto in due giorni investito da una macchina dell'organizzazione completano il quadro di questa farsa voluta dalla Lega Nord, con il beneplacito della federazione ciclistica italiana.

Un Papa mistico 03.04.05

Papa Giovanni Paolo IIAlla notizia del decesso del Santo Padre mi sono commosso.
La notizia della sua morte, per un attimo, mi ha lasciato un grande vuoto.

Per un attimo. Perché ciò che ha fatto resterà per sempre e il suo ricordo, come la sua anima sarà immortale.

Oggi il mondo, perché tutto il mondo cattolici e non sono accomunati dallo stesso sentimento, piange un leader spirituale e politico. Un poeta, un mistico.

Quel Karol che voleva farsi monaco ha sempre vissuto in comunione con Cristo.

Un uomo di pace, coerente. Sempre.
Il primo Papa che si è aperto interamente alle altre fedi e alle chiese cristiane non cattoliche.
I suoi mea culpa hanno riavvicinato posizioni che parevano inamovibili.

E' stato un artefice del crollo dei regimi comunisti dell'Europa dell'Est e colui che con altrettanta forza si è scagliato contro la frenesia del capitalismo selvaggio.

Mai un Papa è stato pianto da tutto il mondo, da tutte le fedi, dagli atei e dai credenti. Ciò che ha fatto per il mondo non verrà dimenticato facilmente.

E' stato il Pontefice rivoluzionario, colui che ha dato un volto giovane, un volto mediatico alla Chiesa.
Il Santo Padre dei giovani e proprio i giovani lo hanno amato così tanto, come mai era avvenuto prima.
Come dimenticare quelle immagini delle giornate mondiali della gioventù a Parigi.

E' stato un pensatore critico, uno scrittore prolifico.

Il mondo ha perso qualcosa di grande.
Adesso la sua anima può avere la pace meritata dopo il calvario della sua lunga malattia. Una malattia che ha saputo sopportare e vivere con una dignità invidiabile.

Ha trascorso la vita nella sofferenza a partire dalla perdita della madre a soli nove anni. Ma è sempre riuscito a infondere l'amore della vita e la speranza della rinascita.
Quel suo sguardo così unico è ancora rivolta verso il mondo e il mondo non lo scorderà.

Ciao Karol.

Il giorno del Confuoco 19.12.10

La città di Savona si è svegliata sotto un cielo nuvoloso con una temperatura di 2 gradi, destinati ad accompagnare il Confuoco di quest'anno.
L'assenza di vento è un buon segno perché la fiamma si sviluppi alta e dritta dalla pira di alloro.

A un'ora dalla partenza del corteo storico medievale gustatevi le foto dell'anno scorso.

Figurante al Confuoco di Savona
[9:55] Il corteo si prepara in piazza del Brandale diretta qui. Si è alzato il vento. Si parte a minuti alla volta di via Pia.

La giara di ceramica
[10:39] Attraversata via Pia il corteo lascia la città medievale per percorrere l'ottocentesca via Paleocapa. A metà corteo la giara di ceramica ideata da Torido Mazzotti, foggiata da Claudio Mandaglio e dipinta da Michi Rastello è stata realizzata presso la Casa Fabbrica Museo G.Mazzotti 1903 di Albissola Marina.

[10:52] Il corteo raggiunge piazza Sisto IV. La pira di alloro è pronta. Spunta un timido sole. I figuranti si posizionano attorno alla pira d'alloro e il sindaco saluta la cittadinanza in lingua ligure.

La giara di ceramica
[11:02] Freddo intenso - il termometro continua ad essere fissato sui 2 gradi - e vento, ma è un vento buono. La fiamma dell'alloro sale dritta e alta.
Buon auspicio per un ottimo 2011.

[13:00] Le foto del Confuoco 2010.

Aspettando il Confuoco 18.12.10

Il Confuoco a Savona

Domani questo blog (e su Twitter) seguirà in diretta l'evento di Savona a partire dalle 10 da piazza del Brandale e lungo le vie del centro medievale e ottocentesco, seguendo il percorso del corteo storico, fino all'accensione della pira in piazza Sisto IV.

Il Confuoco (O Confêugo;go - Cunfögu - Confeugo nelle diverse declinazioni in ligure) è un'antica manifestazione culturale e religiosa della Liguria celebrata tradizionalmente il fine settimana che precede il 25 dicembre. Sabato a Genova e domenica a Savona.
Evento storico legato alla Repubblica di Genova, viene ancora oggi commemorato anche in altri comuni liguri anticamente sede di podesterie e capitaneati. Pietra Ligure, Varazze, Arenzano, Uscio, Recco, Santa Margherita Ligure, Rapallo, Chiavari, Lavagna e Riva Trigoso (Sestri Levante).

La tradizione nacque a Genova, come attestano alcune fonti storiche, nei primi anni del XIV secolo anche se molto probabilmente tale usanza storica risale a tempi più antichi. Nata per omaggiare la massima carica del Comune, il podestà, e in seguito della Repubblica di Genova (i Capitani del popolo e dal 1339 il doge) la cerimonia popolare consiste nel donare all'autorità pubblica un grosso tronco d'alloro coperto da rami e adornato di nastri bianchi-rossi, i colori del vessillo della Repubblica, e nella relazione dei diversi problemi cittadini ai quali l'amministrazione locale deve porre rimedio.

La commemorazione storica vuole che sia il Consiglio degli Anziani per Savona e per Genova l'abate del popolo (il rappresentante delle tre podesterie del Bisagno, del Polcevera e di Voltri) o il governatore di una zona della città ad officiare tale manifestazione.

Il confuoco fu celebrato annualmente fino al 1499 quando fu abolito durante la dominazione francese del re Luigi XII; ripristinato nel 1530 fu nuovamente soppresso dal Senato della Repubblica di Genova il 30 dicembre del 1637 poiché, secondo il testo del senato, causava gran confusione e una grave spesa per la popolazione della val Bisagno.
La cerimonia, celebrata in seguito con toni minori e più in forma "privata", fu comunque eseguita fino al 24 dicembre 1796 dove l'ultimo abate di San Martino di Struppa, Antonio Bazzorao, consegnò l'augurio di inizio d'anno al doge. Storicamente fu l'ultimo omaggio alla massima carica repubblicana poiché il 22 maggio del 1797 la nuova dominazione francese di Napoleone Bonaparte decretò la soppressione della Repubblica di Genova e della manifestazione popolare.

Il giro della Riviera delle Palme - Percorsi ciclabili in Liguria 09.08.10

Percorso ciclabile della Savona - Borghetto - Savona 69,1 km

Savona - Borghetto - Savona 69,1 km

Tipico percorso da fine settimana. Poco più di 69 chilometri percorrendo l'Aurelia lungo la costa della Riviera delle Palme.

Un percorso veloce che prevede solo pochi strappi nell'attraversamento di Torre del Mare a Bergeggi e durante la strada panormaica scavata nella roccia tra Noli e Varigotti (Finale Ligure).

Le strade sono in gran parte a carreggiata larga. Molti punti permettono la doppia fila.
A Savona è presente un lungo tratto di pista ciclostradale in via Nizza.
Occhio alle possibili raffiche di vento forte tra la fine di Porto Vado (Vado Ligure) e Bergeggi.

Variazioni al percorso prevedono giri più corti, arretrando il punto intermedio a Pietra Ligure o Finale Ligure.

Partenza

Negozio Olmo. Corso Vittorio Veneto. Savona.

Partenza del percorso

Punto intermedio

Rotonda di via IV Novembre. Borghetto Santo Spirito.

Punto intermedio del percorso

Arrivo

Corso Colombo. Savona.

Arrivo del percorso

Durata del percorso

2 ore e 45 minuti. Media 25 km/h.
2 ore e 18 minuti. Media 30 km/h.
1 ora e 58 minuti. Media 35 km/h.
1 ora e 43 minuti. Media 40 km/h.

Punto più basso del percorso

Livello del mare.

Punto più elevato del percorso

Torre del Mare (a/r). Bergeggi. 60 metri slm.

Piste ciclabili

Via Nizza (a/r). Savona.

Criticità

Finale Ligue. Via Torino, tra salita del Grillo e rotonda di via Mazzini. Strada stretta, molto trafficata. In discesa per chi viene da Savona.

Pietra Ligure. Rotonda tra via Aurelia e via Messina (a/r). Carreggiata limitata, rotonda in salita per chi viene da Savona.

Sto con McDonald's, ma anche con la panissa 28.04.10

Si sa il rapporto tra junk food e slow food è da sempre complicato dalle peggiori chiusure ideologiche al limite della guerra di religione. Negli ultimi decenni la battaglia si è spostata anche nel campo della politica.
Chiarirsi sul concetto di "sostenibilità", "territorio", "tradizioni culinarie", "biodiversità" ed "ecosistemi agricoli" diventa fondamentale se vogliamo coniugare salute e piaceri della tavola.
Abbandonare le ristrette visioni ideologiche forse aiuterà ad impugnare meno torce e forconi contro i fast food e a difendere la proverbiale qualità alimentare del made in Italy con meno paraocchi.
La qualità non stà da una parte sola. Metanolo, formaggi avariati riciclati e mozzarelle di bufala contaminate doc vi fanno suonare dei campanelli?
Sul tema si interroga Antonio Pascale, commentando il saggio di Luca Simonetti "L'ideologia di Slow Food".

Aggiungerei solo una chiosa: il mondo muta, per fortuna. E non esistono prodotti e tradizioni immutabili. A noi piace credere nei prodotti tipici, come risultati di antichissime tradizioni. Ma sono mitologie. Di stampo creazioniste. E fatte proprie dalla Lega. Che ha inventato, lo sappiamo, un territorio che mai è esistito solo per ragioni di marketing politico. La tristezza è che su molti aspetti la sinistra ha preparato questa tendenza, inventando una tradizione alimentare – e i mores conseguenti – che non esisteva. Andando sul pratico, il pomodoro Pachino è un prodotto tipico, da tempo immemorabile coltivato sulla costa siciliana da bravi contadini arcaici e incorrotti, oppure è un'ottima cultivar ottenuta da un incrocio ottenuto in Israele e arrivato in Sicilia negli anni '80?
La seconda che ho detto. E il pomodoro Pachino ha sconvolto le tradizioni locali, i mores, ecc, o ha creato nuove opportunità e dunque dobbiamo ringraziare anche i genetisti che in laboratorio hanno realizzato quella cultivar? Non è che questo discorso sulle tradizioni alle fine riguarda pure i nostri migranti? Loro, arrivando in Italia, sconvolgono o non sconvolgono i mores? Tra l'altro sono i principali consumatori di fast food o di kebab. E ci credo, costano poco. Che si fa in questi casi? Si mettono barriere? Si grida al barbaro consumista e omologato? Insomma, l'ideologia di Slow Food non sembra diversa dalle tante che ci circondano, e che si basano tutte su un trucco: contestare la modernità e i prodotti da questa ottenuti e nello stesso tempo sfruttarne i vantaggi.

Scrive Luca Simonetti:

Nel "sistema" di Slow Food hanno grande importanza la critica dell'agricoltura industriale e l'elogio di quella "tradizionale". Innanzitutto, la storia dell'agricoltura occidentale viene vista dal movimento come un graduale ma continuo, e da ultimo rapidissimo e inarrestabile, passaggio dalla "naturalità" all'"innaturalità". Purtroppo però il concetto di "naturalità", applicato all’agricoltura, risulta quanto mai problematico. Se, infatti, la "storia dell’agricoltura è stata la storia dell’umanità fino al diciannovesimo secolo", è inevitabile concluderne che l'agricoltura è – come molte altre attività umane – un intervento artificiale sulla natura, una modifica di questa, magari anche una violenza. Qualcosa di profondamente innaturale, dunque; e la consapevolezza dell’intrinseca artificialità dell’agricoltura è costante nella cultura occidentale. [...]
Questo non vuol dire, naturalmente, che siccome ogni attività agricola è "innaturale" ognuna è lecita: significa però che la "naturalità" non può rappresentare il discrimine tra ciò che in agricoltura si può e non si può fare, proprio perché la naturalità, in agricoltura, non esiste. Viceversa, per Slow Food l'agricoltura sarebbe divenuta "innaturale" sono in tempi assai recenti: precisamente con la green revolution, cioè col trionfo della chimica (fertilizzanti, pesticidi) e degli "input estranei agli ecosistemi millenari", e con la rinuncia a coltivare e allevare solo le "varietà e le razze autoctone", che, in quanto "inserite nell'ecosistema che le ha viste nascere ed evolvere, sono la garanzia di mantenimento di quell’ecosistema". La verità è che non esistono prodotti agricoli "ben inseriti negli ecosistemi originali", per la semplice ragione che non esistono "ecosistemi agricoli originali".

Entrando a gamba tesa annuncio che questo blog appoggia la petizione per l'apertura di un McDonald's nella Vecchia Darsena a Savona.
Appoggia altresì la diffusione dei panini con le fette (di panissa, n.d.r.).

La Processione del Venerdì Santo a Savona 03.04.10

La Processione del Venerdì Santo a Savona

La cassa del XVII secolo "Cristo cade sotto la croce" nella tradizionale Processione del Venerdì Santo a Savona.

Bike sharing a Savona 24.02.10

Al via, entro fine marzo, il servizio Savona Bike Sharing che andrà ad arricchire l'offertà di mobilità sostenibile del comune ligure.

Non mi dimetto resto ai miei posti 23.02.10

Quello di sindaco di Loano e quello di presidente della provincia di Savona.
Già indagato nella vicenda delle firme false per la lista elettorale del PdL nelle elezioni provinciali e ora nuovamente indagato per violenza privata, Angelo Vaccarezza uomo-del-fare, si tiene ben stretto la sua poltrona. Anzi due.

Vaccarezza for president 22.02.10

Il presidente della mia provincia, tra le altre, è indagato anche per violenza privata.

Tra via Stalingrado e via Gramsci 16.12.09

Succede che qui a Savona, nell'anfiteatro della Vecchia Darsena, nascerà tra non molto una nuova piazza che si è deciso di intitolate a Guido Rossa, il sindacalista ucciso dalle BR. Adiacente a via Gramsci.
Ieri l'assessore ai lavori pubblici Tuvé - IdV - ha posto la stupida obiezione che segue.

Il punto è che di fatto, come succede per tutte le piazze, finirà per essere solo Piazza Rossa – chiarisce Tuvé – e così il significato nobile che noi come Comune abbiamo voluto dare, per ricordare la storia e il sacrificio di un grande sindacalista caduto per la libertà, finirà per essere brutalizzato e sembreremo una città antistorica che continua ad inneggiare all'ex Unione Sovietica e al suo simbolo, la piazza Rossa di Mosca.

Sfidare il vento 12.10.09

Manifestazione di aquiloni a Savona

La manifestazione One Sky One World a Savona.

Via Lens on Riviera.

La Cappella Sistina di Savona 08.09.09

La Cappella Sistina di Savona

In via del tutto straordinaria la Cappella Sistina di Savona ha aperto le porte fuori dall'orario di visite, concedendomi in esclusiva qualche scatto in libertà.

Political divide 07.07.09

Appuntamento per domani pomeriggio, alle 17:30 nel Campus di Savona, per il talk su politica e comunicazione al tempo dei nuovi media.
L'incontro è organizzato da Roberta Milano. Conduce le danze Antonio Sofi.

Piacevoli sorprese 08.06.09

Dopo un parto lungo 25 ore l'ultima scheda scrutinata regala un responso inatteso, la Provincia di Savona andrà al ballottaggio.
Il super favorito Vaccarezza (PdL) non riesce a sfondare la soglia del 50% più uno, dopo una drammatica campagna elettorale.
E Boffa (PD) può tornare a sperare.

Riammessi 28.05.09

Succede che il TAR della Liguria, alla fine, ha riammesso, nella competizione per le provinciali di Savona, la lista del PdL che era stata esclusa a causa di irregolarità formali nelle firme dei presentatori.

Resta da vedere quanto questa vicenda abbia danneggiato il candidato del centro destra e, viceversa, quale vantaggio ne ha tratto Boffa (PD).

Il Secolo XIX e il complotto Scandroglio 20.05.09

Il Secolo XIX risponde alle accuse complottiste di Michele Scandroglio (coordinatore regionale del Popolo della Libertà) sull'affair dell'esclusione del PdL dalle provinciali a Savona.

Non voglio banalizzare l'impianto complottardo dell'onorevole della Repubblica, ma le cose sono assai più semplici. Mercoledì 13 maggio, di buon mattino, il giornalista del "Secolo XIX" Paolo Crecchi si presenta all'Ufficio centrale elettorale e chiede di consultare le liste. Gli viene concesso (sono un atto pubblico) dopo aver sentito il parere del presidente Giovanni Zerilli.

Non può fotocopiarle, ma scrivere a penna i nomi su un suo foglio sì. Poi Crecchi contatta i firmatari e scrive l'articolo che giovedì 14 occupa l'apertura del giornale. Perché il Pdl non riesce ad avere le liste?

Perché le chiede solo venerdì 15, dopo che la Procura ha aperto un’inchiesta per falso e ha ordinato il sequestro probatorio. È davvero sgradevole che Scandroglio scambi un normale lavoro giornalistico per l'espressione di un metodo che non appartiene a questo giornale. È l'abitudine di farsi strumento di questo o di quello, di partecipare direttamente alla contesa politica, di essere la sponda consapevole e solerte degli interessi propagantistici dei potentati politici.

Il "Secolo XIX" non fa giornalismo militante, cerca (fra molti errori) di fare soltanto del buon giornalismo. Ed è tanto più sgradevole in quanto il centrodestra ha, nel caso di Savona, molti buoni motivi per leggere con malizia quello che è successo.

Provinciali Savona: il Tar respinge il ricorso del PdL 18.05.09

Il Tar della Liguria conferma la decisione del tribunale di Savona, la lista del PdL non potrà partecipare alle elezioni provinciali di Giugno, in seguito alle irregolarità riscontrate sulle firme raccolte. Il ricorso al Consiglio di Stato sembra dunque inevitabile.

I sondaggi intanto riportano il candidato del centro destra, Angelo Vaccarezza, al di sotto del 50%; speculare la risalita di Michele Boffa, candidato del Partito Democratico.

Il PdL sotto inchiesta a Savona per falso 15.05.09

La vicenda dell'esclusione del PdL dalle elezioni provinciali di Savona si complica.
Non solo le firme raccolte (503 su 590) non presentano la necessaria indicazione del luogo in cui è avvenuta l'autenticazione, ma addirittura ci sarebbero fondati dubbi sull'autenticità delle stesse.
La Procura della Repubblica ha aperto un'inchiesta; l'ipotesi di reato è falso in atto pubblico aggravato.

PdL escluso dalle provinciali a Savona 13.05.09

Succede che in provincia di Savona il candidato appoggiato dal centro destra, Angelo Vaccarezza, era nettamente in testa nella corsa elettorale contro il suo sfidante, Michele Boffa del PD.

I sondaggi davano Vaccarezza vicino alla soglia del 50%. Con buone probabilità di rovesciare l'attuale giunta di centro sinistra addirittura al primo turno. Un risultato dirompente, in previsione delle regionali del prossimo anno, in una provincia da sempre decisiva nella battaglia per il controllo della Liguria.

L'imprevisto è arrivato nel momento della verifica delle firme presentate dagli schieramenti. Le liste del PdL, della Lega e del Partito Comunistra dei Lavoratori sono risultate non conformi ai protocolli.
Un vizio di forma, che tuttavia comporta l'esclusione di queste liste dalle schede elettorali (la Lega verrà poi riammessa).

Ora passerà tutto nelle mani del TAR. Si ventila anche l'ipotesi di uno slittamento delle elezioni, a tutto vantaggio di Boffa e del PD.

In attesa del verdetto definitivo gli esclusi si lamentono delle leggi italiane; a loro giudizio escludere un grande partito nazionale dalla competizione elettorale per vizi di forma sarebbe antidemocratico.
Dimenticando che la democrazia si fonda proprio sul rispetto delle regole. Di tutte le regole.

Lui è un mio grande fan 18.05.08

Ieri il Papa è venuto a farmi visita.

Stallman 05.05.08

Richard "free" Stallman sarà a Savona il 7 maggio all'interno del seminario intitolato "Copyright vs Community in the Age of Computer Networks".

Appuntamento alle 15 nell'aula AN4 del Campus universitario di Savona.

LostCamp nei fatti 11.04.08

Il barcamp che si doveva svolgere a Savona, già precedentemente rinviato, è stato cancellato.
Nomen omen.

Global warming 06.03.08

Per dire, oggi nevicava. A Savona.

San Valentino è nostro 14.02.08

A quanto sembra la cattedrale di Savona conserva le reliquie del santo.

LostCamp (rinviato) 29.08.07

Il barcamp savonese LostCamp è stato rinviato alla seconda metà di Maggio 2008.
Eccone i motivi:

Abbiamo deciso di dedicare maggior tempo per preparare un barcamp più ricco e completo, dedicato non solo alle serie televisive più famose, ma all'evoluzione della media televisivo in generale.
Per questo abbiamo pensato di spostarci in un periodo più vicino al finale di stagione di molti programmi TV, comprese i telefilm cult (a maggio, ad esempio, terminerà la quarta season di Lost).

Un libro val bene un post 04.08.07

Hanno aperto una nuova libreria a Savona, nella centralissima Corso Italia.
Il mio nuovo e prossimo motivo di svago fa parte della catena Ubik.

Il negozio sorge nei locali precedentemente occupati da un conosciuto e stimato sarto e successivamente da una poco fortunata libreria, chiusa per far spazio ad un ufficio turistico della Regione Liguria.

Ubik Savona ha anche un blog (in prova), tenuto grazie allo zampino di Roberta Milano.

Se siete in zona fateci un salto, altrimenti entrate in una qualsiasi altra libreria.
Male non potrà farvi.

Crosspost su Savona Web Blog, GBC.

Una serata perfetta 29.07.07

Prima fuochi d'artificio, tra i migliori della Riviera. Più precisamente a Savona.
Poi ancora fuochi d'artificio, splendidi velieri e notte bianca. Questa volta a Genova.

La compagnia di una persona speciale in una notte di luna piena di un Sabato di mezza estate.

Grillo all'80% 20.06.07

Iera sera a Savona c'era Grillo.
Spettacolo coinvolgente. Si è riso e si è riflettuto.
Una folla delirante, che pendeva letteralmente dalle labbra del comico/predicatore. Che neanche Milingo dei tempi migliori.
Si è parlato un po' di tutto. Contro tutti.
A freddo è arrivato pure il commento politico del belinone locale della Lega Nord: "C'erano troppe poche sedie".

Dicevo ottimo spettacolo. Però (perché c'è sempre un però) il problema atavico dell'Italia permane. La voglia di populismo, neanche troppo strisciante.
Ecco, io ai MeetUp preferisco iMille.

E' che io e Grillo andiamo d'accordo solo 4 volte su 5.

BarCamp a Savona(?) 18.05.07

Qui ci si augura che il LostCamp possa svolgersi a Savona.
Chiunque fosse interessato può lasciare una traccia.

Savona 2.0 09.05.07

Valdemarin e FormentoAlla fine ieri sono riuscito ad assistere alla conferenza di Paolo Valdemarin al Campus universitario di Savona.
Si è parlato di social network dal punto di vista delle intranet aziendali.
E si sono gettate le basi per un futuro barcamp tutto savonese.

Pochi, ma buoni i presenti.
Un ringraziamento particolare va sicuramente a Roberta Milano per aver saputo organizzare l'evento.

Il web 2.0 a Savona 04.05.07

Segnalo che Martedì 8 Maggio, al Campus Universitario di Savona, Paolo Valdemarin approfondirà i temi legati al web 2.0.
Marco Formento vestirà i panni del moderatore.

Ulteriori informazioni, qui.

Crosspost su Savona Web Blog.

Savona nel '300 24.02.07

Molto di più di una rievocazione storica.
Una riga di pattoni.