tizianocavigliablog
Extra omnes.

Hollyweed 01.01.17

L'insegna di Hollywood trasformata in Hollyweed

Qualcuno ha modificato l'iconica insegna di Hollywood in Hollyweed, un chiaro riferimento alla marijuana legale da oggi legale in California.

Qualche dato sulla legge incostituzionale Fini-Giovanardi 13.02.14

L'Italia torna a distinguere tra droghe leggere e droghe pesanti prevedendo pene differenziate per la detenzione e lo spaccio grazie alla bocciatura della legge Fini-Giovanardi da parte della Consulta. Il proibizionismo non ha funzionato e non funziona.

L'enorme divario fra i reati dell'articolo 73 (spaccio e detenzione) e quelli del 74 (relativi al grande traffico) rende evidente che la legge è applicata per colpire più i "pesci piccoli" e i semplici consumatori che i grandi padroni del mercato dello spaccio. Basta vedere che nel 2012 gli ingressi per semplice detenzione sono stati oltre 19mila, mentre quelli colpiti dal ben più grave articolo 74 si sono limitati a 250.

La dipendenza dalla droga si combatte con la conoscenza, non con il carcere.

[...] cresce tra i giovani il consumo di cannabis, passato dal 19,4% del 2011 al 21,43 dello scorso anno. E ancora: stando alle segnalazioni delle forze dell'ordine alle prefetture, la percentuale di segnalazioni per cannabis è in costante ascesa: dal 73% del 2009, al 78,56% del 2012.

L'intervento della Corte Costituzionale è ben lontano dall'aver risolto il problema dell'abnorme numero di detenuti a causa della Fini-Giovanardi e più in generale il tema della sovrappopolazione carceraria. Attenti a cedere a facili entusiasmi.

Antonella Calcaterra, referente della camera penale del carcere di Milano, frena gli entusiasmi di chi pensa che gli istituti penitenziari si svuoteranno dopo la sentenza della corte costituzionale: "Non è affatto sicuro che chi è ora in carcere per la Fini-Giovanardi esca. La corte costituzionale non abolisce il reato, cambia solo il tipo di sanzione".

La marijuana dell'Uruguay 11.12.13

Grazie all'approvazione in senato, l'Uruguay è il primo paese al mondo ad aver legalizzato la coltivazione, la vendita e il consumo di marijuana.

La Cina ha un problema con la ketamina 10.10.13

Motherboard racconta l'abnorme diffusione della ketamina in Cina tanto da rendere il sud del paese l'epicentro mondiale del consumo e della produzione dell'anestetico dissociativo per uso veterinario ed umano, sviluppato dalla Parke-Davis nel 1962 e inizialmente usato per sedare i soldati americani nell guerra del Vietnam.

Il turismo stupefacente 08.03.12

C'è chi sceglie la meta della propria vacanza in base alle sostanze che vi troverà.

Today, tourism is on the rise in Southeast Asia, up 15 percent in 2011 from 2010. And while some argue the opiate haze is clearing, new research shows the infamously drug-friendly lands are only drawing more people experimenting with illicit substances. The choice of drugs is expanding, with magic mushrooms, Ecstasy, prescription drugs, speed, and cannabis readily available for the wanting customer -- and all for a quarter of the cost back home. In some areas, drug menus are presented at restaurants, allowing a visitor to get a fix for any kind of craving.

[...] Psychedelic mushrooms are endemic in parts of Indonesia, including Bali and the Gili Islands. They arrive dried, mixed in smoothies, fried in omelets, or baked into chocolate bars. Opiates and cannabis are also easily obtained in Vietnam, and while Singapore has the strictest drug laws, I heard tales of closed curtain exchanges taking place among the well-to-do there. In Thailand, getting your hands on prescription drugs is as easy as entering the pharmacy and asking for them.

Il periodo della droga e altre sciocchezze 01.08.11

Qualcuno spieghi ad Alberoni che Back to Black andava ascoltato. Non fumato.

Dopo la morte di Amy Winehouse ho ricevuto molte telefonate di persone addolorate che mi chiedevano perché tanti cantanti muoiano così giovani di droga. E, ricordando Jim Morrison, Adam Goldstein, Sid Vicious, Jimi Hendrix fino a Elvis Presley, mi è venuto spontaneo fare un confronto. Puccini per comporre le sue opere stava sul lago di Massaciuccoli, solo e, nel più assoluto silenzio, dava voce alle sue emozioni più intime.

Tutta la musica italiana, anche negli anni Sessanta, da Modugno a Endrigo a Mina a Battisti, esprime i sentimenti abituali, l'amore. Il rock no. E' americano, nasce dall’espansione di sé, dal superamento delle emozioni normali. E' espressione di esperienze parossistiche possibili solo con la droga. E anche chi ascolta questa musica in concerto o in discoteca, spesso, per viverla, deve fare lo stesso. Tutto è nato negli anni Sessanta negli Stati Uniti e in Inghilterra con una rivoluzione dei valori, del costume, della musica e la contemporanea diffusione dell'Lsd, dell'eroina, della marijuana, della cocaina. Da allora l'uso delle droghe ha continuato a crescere. Oggi ha già cambiato le relazioni fra i sessi e non solo nelle discoteche e nei droga party. E modifica le relazioni sociali perché numerosi professionisti che usano quotidianamente cocaina sono diventati emotivamente indifferenti e mostrano un'esagerata sicurezza. Un giorno gli storici ricorderanno questo periodo come «il periodo della droga», un po' come facciamo noi quando ricordiamo le fumerie d'oppio e la guerra dell'oppio in Cina. Un Paese che fino a quel momento si considerava il centro del mondo e il cui imperatore chiamava «caro vassallo» il re d'Inghilterra. Poi il contatto con la potenza tecnologica occidentale ha scatenato una crisi che durerà 150 anni e l'oppio ne è stata una espressione.

Caro astensionista... 12.06.05

Tralasciamo per un attimo i manifesti che scambiano feti per embrioni, cariche dello Stato che invitano a non votare, ingerenze del Vaticano, il fatto che l'Italia è l'unico paese in Europa a vietare l'eterologa, ecc.

Tralasciamo i buttiglioni e i calderoli che insultano gli scienziati definendoli macellai e concentriamoci per un momento sull'aspetto giuridico e politico del referendum.

Si sa che l'astenuto in democrazia conta come il due di picche.
Non c'è altro modo per dirlo.
Chi si astiene accetta supinamente la volontà di chi si reca nell'urna.

Devi capire caro astensionista che il tuo non voto di oggi potrebbe non salvare la legge 40 da una futura modifica.
E per modifica intendo anche l'abrogazione degli articoli su cui oggi e domani si vota.

Vedi caro astensionista, in via teorica, il parlamento è tenuto a rispettare la volontà popolare.
Ora capirai da solo che una vittoria del sì oltre ad abrogare gli articoli in questione non permetterebbe ai parlamentari di ritornare sull'argomento con leggerezza.
Allo stesso modo una vittoria del no renderebbe quasi impossibile alla prossima legislatura lo stravolgimento di questa legge.

Ma caro astensionista se non si raggiunge il quorum si da carta bianca al parlamento che potrà, a piacimento, modificare ogni singola parola di questa legge.

Tu potrai obiettare:
"Ma io mi sono astenuto perché sono un convinto sostenitore dello status quo!".

E il parlamentare ti potrà rispondere:
"Ma caro astensionista è stato fatto un referendum sulla legge 40 e tale referendum è stato bocciato in quanto non è stato raggiunto il quorum.
Quindi io sono totalmente libero da lacci e lacciuoli e se domani voterò per approvare lo stralcio dei divieti sulla fecondazione eterologa la mia coscienza sarà tranquilla.
Il popolo italiano mi ha emendato dai vincoli ed ora faccio un po' come cazzo mi pare."

Quindi caro astensionista, che ti sei astenuto perché convinto sostenitore del no, ti sei dato una sana mazzata sui gioielli.

Per cui non stupirti se alla prossima legislatura vedrai apporre consistenti modifiche alla legge 40.
Dovevi pensarci prima e andare a votare.

ASCII art 02.03.05

Un sito interamente in ASCII art: Romanm.ch
Da vedere le sezioni film e animazioni.

Straordinario Gollum e molto simpatici Grattachecca e Fichetto.

Il paradiso perduto di Acapulco 30.01.11

La spiaggia di Acapulco

Il reportage della Reuters svela il nuovo volto di Acapulco.
La guerra messicana della droga non ha risparmiato il paradiso di spiagge e divertimenti lasciando un'eredità di guerre tra narcos, scontri con la polizia, omicidi, perquisizioni dell'esercito e degrado.

Corsi per l'astinenza sessuale negli USA 02.12.04

Il Washington Post ha pubblicato nei giorni scorsi un'inchiesta denuncia sui corsi federali per l'astinenza sessuale, fortemente voluti e finanziati dall'amministrazione Bush e reputati falsi e fuorvianti.

Ecco alcune "perle" insegnate durante le lezioni:
metà dei gay americani hanno l'Aids;
l'aborto può portare al suicidio e alla sterilità;
toccare i genitali può portare alla gravidanza;
un feto di 45 giorni è una persona pensante (badate non cosciente, ma "pensante");
l'Hiv, può essere trasmesso dal sudore o dalle lacrime.

Nel paese di Ned Flanders 05.02.10

Siete voi che togliete la musica a Sanremo.

Morgan a Porta a Porta.

Artista raro 05.02.10

Conosco Morgan da abbastanza tempo per poter dire che non si tratta soltanto di un musicista bravo quanto altri possono esserlo, ma di un artista raro e prezioso, inciampato certamente in alcune dichiarazioni inopportune e infelici. Se chi ne parla e lo giudica avesse una più precisa idea della sua portata musicale e artistica, lo guarderebbe con altri occhi e comprenderebbe forse meglio i suoi sbandamenti e il suo essere indifeso. Ho visto Morgan con i miei occhi suonare e poi spiegare frammenti della musica di Rachmaninov a migliaia di ragazzi a bocca aperta durante un suo concerto estivo e mi domando se questo può essere un cattivo maestro. Forse la sua riammissione al Festival di Sanremo porterebbe migliori risultati che non il suo allontanamento.

Ivano Fossati.

Etica spicciola 04.02.10

Siamo aperti al perdono, e seguiremo con attenzione un ravvedimento autentico e non strumentale di Morgan.

Diego Masi, direttore generale della RAI.

Basi ipocrite 03.02.10

Morgan, a naso, al Festival di Sanremo era il più pulito.
E' stato escluso.

Allucinazione immensa 02.02.10

Grande scalpore nel club delle anime vergini alla notizia che artisti del calibro di Luzzatto Fegiz e Morgan sono strafatti da mattina a sera.

Sempre sul pezzo 06.10.08

La redazione di Repubblica torna (ne saltassero mai una) sulla bufala di iDoser e le "droghe virtuali".

Il prossimo passo sarà offrire la direzione a Giacobbo.

Il senso del ridicolo 02.07.08

Sul web ora ci si «droga» con onde sonore

Il Corriere con questo articolo ha saltato lo squalo.
D'ora in poi vale tutto.

Io c'entro 29.07.07

Mele Cosimo, anni 50. Deputato UDC.
Sposato. Moralista. Si rifà alla tradizione cristiano democratica e ai valori della famiglia.
Arrestato ed in seguito rinviato a giudizio per tangenti, è contrario alle coppie di fatto. Proibizionista.
Eletto deputato per ripescaggio alla Camera nelle elezioni politiche del 2006.

Nel tempo libero si dedica, grazie ai soldi dei contribuenti, a fastini a base di coca e puttane.

Crosspost su BlogFriends.

La guerra della droga vista dal Guatemala 28.06.11

Poliziotti in Guatemala

Il Guatemala stretto nella morsa della guerra della droga cerca una via di uscita per contrastare le violenze dei narcotrafficanti.

Fonte: Guardian

La guerra messicana alla droga 08.04.11

Sospetti trafficanti di droga in Messico

Il traffico di droga tra Messico e Stati Uniti costituisce una piaga endemica per il paese centro americano con migliaia di morti ogni anno.

Il premier kosovaro Thaci coinvolto nel traffico di organi 15.12.10

Hashim Thaci

Il capo del governo del Kosovo, Hashim Thaci, sarebbe il boss di un racket che ha iniziato le sue attività criminali nel corso della guerra del Kosovo proseguendole nel decennio successivo. Secondo il rapporto stilato dalla commissione d'inchiesta del Consiglio d'Europa sul crimine organizzato il premier kosovaro sarebbe a capo di un gruppo mafioso albanese responsabile del traffico di armi, di droga e di organi umani nell'Europa dell'Est.

Fonte: CNN