tizianocavigliablog
Fa il quarto uomo a mahjong.

FON e British Telecom 04.10.07

Questa la notizia.
British Telecom e FON hanno stipulato un accordo che permetterà agli utenti BT di trasformarsi un foneros. Gratuitamente.

Aghenor è molto ottimista anche per quanto riguarda il nostro paese.
Incrociamo le dita.

Crosspost su PiùBlog.

Le mappe di FON 15.09.06

Logo FONOggi è un buon giorno per i foneros di mezzo mondo.
FON ha infatti attivato le nuove mappe per segnalare ed individuare la copertura del servizio.

Non più un semplice puntatore su una Google Maps, ma un vero e proprio pannello di ricerca.
La nuova FON Maps non si limita a segnalare la sola presenza degli access point sul territorio, ma adesso identifica anche se sono attivi oppure no.

Inoltre sono state migliorate le funzioni di ricerca che adesso prevedono oltre alla ricerca semplice e per ZIP (il nostro CAP), anche la possibilità di configurare il tipo di risultati ottenuti, la possibilità di effetuare ricerche mirate e scaricare le mappe nei formati .ov2, .kml, .csv e .gpx.

Crosspost su Rhadamanth.net Weblog, Voice over IT.

Prime community di aiuto per i Foneros italiani 07.07.06

Logo del movimento FonAnche i Foneros italiani possono usufruire di un forum e di un wiki, per districarsi nell'universo FON.
In attesa del forum ufficiale...

Crosspost su Voice over IT.

Un Fonero in Riviera 07.06.06

Logo del movimento FonDa oggi, per la prima volta, la Provincia di Savona, e il suo capoluogo in particolare, entra nella comunità FON grazie a questa offerta che non potevo lasciarmi scappare.

Per chi ancora non lo conoscesse, il movimento FON si propone l'obiettivo di condividere l'accesso alle connessioni WiFi tramite gli access point messi a disposizione dai Foneros.

A oggi il principale problema delle reti wireless è la mancanza di hot spot e quindi la scarsità di aree dove poter navigare senza fili.
Il movimento FON utilizza una terapia d'urto per risolvere questa mancanza.
Ogni Fonero mette a disposizione un po' della sua banda gratuitamente, grazie ad un hot spot WiFi correttamente configurato, e il gioco è fatto.

FON è nato in Spagna alcuni mesi fa e oggi vanta già migliaia di utenti sparsi in tutto il mondo.
La regola è semplice, "condividi il tuo accesso WiFi e potrai usufruire degli accessi messi a disposizione dagli altri Foneros".
L'obiettivo è ambizioso: raggiungere un milione di hot spot gratuiti in tutto il mondo.

All'interno della comunità possono esistere tre profili di Foneros:

  • Linus, è l'utente che condivide la sua banda gratuitamente;
  • Bill, è colui che a fronte dell'accesso alla connessione WiFi chiede un contributo ai Foneros che ne usufruiscono;
  • Alien, chi non intende condividere la propria connessione, ma soltanto accedere a pagamento a quella degli altri Foneros (Linus e Bill). Le tariffe previste sono di 5 euro per 24 ore di connessione, e di 40 euro per un mese di accesso.

Google, Skype, Sequoia Capital e Index Ventures hanno già deciso di partecipare all'iniziativa investendo parecchi soldi.
Ci sono anche dei contro, molti ISP ad esempio non permettono la condivisione della banda ai propri utenti e il decreto Pisanu non semplifica di certo la vita ai Foneros italiani.