tizianocavigliablog
Sul lato radical chic dell'Atlantico.

Poi ti domandi perché il PD perde (era la crociata di Giovanardi contro l'Ikea) 25.04.11

Un conto è denunciare il fallimento del governo sulle politiche per la famiglia e per l'infanzia, è appena sufficiente ricordare il pesante taglio deciso dal governo Berlusconi a favore delle famiglie italiane, altra cosa, invece, è ricordare e custodire il valore costituzionale della famiglia.

Su questo terreno il sottosegretario Giovanardi ha ragione. Senza e senza ma. E il messaggio pubblicitario dell'Ikea va denunciato. Almeno per chi crede nel valore costituzionale della famiglia.

Giorgio Merlo (Partito Democratico) sulle follie stile impiallacciato betulla del sottosegretario Giovanardi. Nomen Omen.

Siamo aperti a tutte le famiglie senzienti 24.04.11

Il manifesto Ikea contestato dal sottosegretario alla famiglia Giovanardi

Giudico grave e di cattivo gusto che una multinazionale svedese, a cui il nostro Paese sta dando tanto in termini di disponibilità e che sta aprendo centri commerciali a manetta, venga in Italia e dica agli italiani cosa devono pensare polemizzando contro la loro Costituzione. Credo che molti clienti dell'Ikea non lo riterranno gradevole.

Dimentico di aver acceso il cervello, il sottosegretario alla famiglia Carlo Giovanardi (PdL) ha così commentato la nuova pubblicità dell'Ikea che mostra una coppia gay e la associa all'idea di famiglia.

Giovanardi lascia il Governo 15.03.11

I tagli di Tremonti al fondo per la famiglia sono andati di traverso al sottosegretario Giovanardi.

[17/03 14:00] A due giorni dalla dichiarazione Giovanardi è sempre al suo posto.

Buttare Giovanardi nel ventilatore 21.09.10

Là dove le adozioni da parte di coppie gay sono consentite, come negli Usa, ma anche in Brasile è esplosa la compravendita di bambini e bambine. E' una cosa che almeno con questo Governo non consentiremo mai e che voglio qui denunciare.

Il ministro Giovanardi deve imparare che le cazzate esternate in malafede portano a episodi di violenza ed emulazione contro gli omosessuali.

Una al giorno 09.11.09

Era in carcere perché era uno spacciatore abituale. La verità verrà fuori, e si capirà che è morto soprattutto perché era di 42 chili.
[...]
(La drogra, ndr) Che ha devastato la sua vita, era anoressico, tossicodipendente, poi c'è il fatto che in cinque giorni sia peggiorato, certo bisogna vedere come i medici l'hanno curato. Ma sono migliaia le persone che si riducono in situazioni drammatiche per la droga, diventano larve, diventano zombie: è la droga che li riduce così".

Carlo Giovanardi, sottosegretario alla Presidenza durante la trasmissione "24 Mattino" su Radio 24.