tizianocavigliablog
Nerdvana.

L'ultima salita di Moser 08.09.11

La Padania esiste, è inutile far finta di niente, quindi è giusto che la corsa si chiami così.
I comunisti organizzano da una vita corse ciclistiche come il Giro delle Regioni o il Gran premio della Liberazione e nessuno ha mai detto niente. Perché anche gli altri non dovrebbero farlo? Mi hanno criticato perché ho partecipato alla presentazione, ma quando ho corso il Gp della Liberazione, dove i compagni favorivano i russi, nessuno ha detto niente.

Francesco Moser sulle proteste al Giro di Padania.
Dispiace sempre vedere un campione ridotto in questo stato.

Il Giro di Padania nel caos 07.09.11

Savona si rivolta al passaggio del Giro di Padania in Liguria. Un enorme tricolore sventola dalla Torretta, simbolo della città, affisso dalla giunta comunale.
Decine di persone hanno impedito il passaggio della corsa lungo via Gramsci a ridosso della Vecchia Darsena, costringendo gli organizzatori a deviare più volte il percorso. I manifestanti hanno poi cercato di sfondare anche il cordone della polizia in via Paleocapa.

Ciclisti sperduti sulle alture e il secondo poliziotto in due giorni investito da una macchina dell'organizzazione completano il quadro di questa farsa voluta dalla Lega Nord, con il beneplacito della federazione ciclistica italiana.

Basso padano 06.09.11

Poter iscrivere il proprio nome, per primo nell'albo d'oro di una corsa è un'occasione che non capita tutti i giorni: il Giro di Padania, poi, è una gara che sento particolarmente perché attraverserà anche la mia terra. Vincerlo sarebbe un onore.

Ivan Basso, condannato a due anni di squalifica per doping dalla Commissione disciplinare della Federciclismo italiana, testimonial d'eccezione per la corsa verde della Lega Nord sponsorizzata da Alitalia.

Il Giro della Lega Nord contestato a Savona 07.09.11

Cinque pirla al Giro della Padania

Disordini nella città della Torretta al passaggio del Giro di Padania, corsa ciclistica voluta dal partito indipendentista della Lega Nord. Il comune fa affiggere un'imponente bandiera italiana sul simbolo della città, mentre decine di cittadini sventolando tricolori impediscono alla corsa di seguire il percorso stabilito. La manifestazione prosegue non prima che un'auto dell'organizzazione investa un poliziotto. E' il secondo episodio in due giorni.

Fonte: TLUC Blog