tizianocavigliablog
Trova Waldo.

Campiglio 1999 14.03.16

Non so come, ma il pelatino non arriva a Milano. Fidati.

La nuova rivelazione sul caso Pantani svela l'ombra della Camorra sul Giro d'Italia 1999 e sull'inizio della spirale autodistruttiva del pirata.

"Sì", ripetuto cinque volte, come risposta alla domanda se è vero che ci fu un complotto della Camorra per far perdere il Giro d'Italia a Marco Pantani nel 1999.

L'affermazione è contenuta alla fine di un'intercettazione, diffusa da Premium Sport: una telefonata di un detenuto vicino alla Camorra e ad ambienti legati alle scommesse clandestine con un parente. L'intercettato sarebbe la persona che, secondo Renato Vallanzasca, gli confidò in prigione quale sarebbe stato l'esito del Giro del '99, ovvero che Pantani non avrebbe finito la corsa. Sul presunto complotto indagano la Procura di Forlì e atti sono stati trasmessi anche alla Dda di Bologna.

Il presidente Napolitano e la trattativa tra Stato e mafia in sei punti 29.10.14

Martedì il presidente Giorgio Napolitano ha deposto al Quirinale come testimone al processo sulla presunta trattativa tra Stato e mafia che sarebbe avvenuta tra il 1992 e il 1993.
Internazionale ha riassunto la vicenda in sei punti.

L'onorevole società 08.09.12

Un affiliato alla Yakuza

La Yakuza fotografata da Anton Kusters.

Iperbole grillina 29.04.12

La mafia non ha mai strangolato le proprie vittime, i propri clienti, si limita a prendere il pizzo. Ma qua vediamo un'altra mafia [i provvedimenti per fronteggiare la crisi] che strangola la propria vittima.

Beppe Grillo a Palermo.

L'ex governatore siciliano Cuffaro condannato per Mafia 22.01.11

L'Italia è quel paese dove un condannato in via definitiva, a sette anni di reclusione, per favoreggiamento aggravato alla Mafia riceve solidarietà da esponenti dell'arco parlamentare.
Da Casini a Cicchitto, passando da Follini e Quagliariello.

Dell'Utri mediatore tra la Mafia e Berlusconi 19.11.10

Con Mangano a fare da garante per l'incolumità di Silvio Berlusconi.
Il premier che l'Italia si pregia di scegliere sin dal 1994.

Sentiti ringraziamenti.

Il senatore Marcello Dell'Utri avrebbe svolto una attività di «mediazione» e si sarebbe posto quindi come «specifico canale di collegamento» tra Cosa nostra e Silvio Berlusconi. Lo scrivono i giudici della Corte d'Appello di Palermo nelle 641 pagine, depositate venerdì e in possesso dell'Ansa, della sentenza con la quale il senatore del Pdl Dell'Utri è stato condannato il 29 giugno scorso a sette anni di reclusione per concorso esterno in associazione mafiosa. Il parlamentare era stato condannato per i fatti avvenuti fino al 1992 e assolto per quelli successivi. Il collegio presieduto da Claudio Dall'Acqua, a latere Sergio La Commare e il relatore Salvatore Barresi, gli hanno ridotto la pena dai nove anni subiti in primo grado a sette anni.

Lo spettro della mafia serba dietro i disordini di Genova 17.10.10

I teppisti serbi sarebbero stati pagati da boss mafiosi balcanici; i quali avrebbero tutto l'interesse a mantenere il paese più lontano possibile dall'Unione Europea in modo da agire indisturbati.
E' la tesi del quotidiano serbo Politika.

Liguria corrotta 28.09.10

La Liguria ha un evidente problema di malaffare che riguarda le pubbliche amministrazioni. Un malaffare che incide sulla politica in maniera trasversale da destra a sinistra.
Da i casi di Bordighera e Ventimiglia, dove le amministrazioni comunali sono in odore di mafia, al recente terremoto giudiziario che ha colpito le Cinque Terre e il direttore dell'omonimo parco nazionale, Franco Bonanini.

Un vero bubbone di corruzione, truffe e attività mafiose normalmente estraneo, e per questo ancora più sconvolgente, alla vita pubblica ligure.

Mafia? Quale mafia? 24.02.10

Il senatore del PdL Di Girolamo alla sua festa di compleanno, in compagnia del boss della 'ndrangheta Franco Pugliese

Non ho mai avuto contatti la 'ndrangheta o la camorra.

Il senatore Di Girolamo, PdL, nega di avere mai avuto contatti mafiosi.
Nella foto Di Girolamo, alla sua festa di compleanno, in compagnia del boss della 'Ndrangheta Franco Pugliese.


Il senatore Di Girolamo, alla sua festa di compleanno, in compagnia di Gennaro Mokbel

Se t'è venuta la senatorite è un problema tuo Nico'... A me non me ne frega un c... di quello di quello che dici tu... Puoi diventa' pure presidente della Repubblica, per me sei sempre il portiere mio... Tu sei uno schiavo mio.

Eletto grazie alle cosche. E' quanto emerge dalle intercettazioni telefoniche fra Di Girolamo e Gennaro Mokbel, sopra alla stessa festa di compleanno del senatore.

Buttafuoco intervista Saviano 28.12.09

Game. Set. Match.

Però i conformisti di sinistra non le perdonerebbero una "cantata stonata". Sono peggio di certi casalesi, loro: sono vendicativi. Pensi se solo lei dicesse: è vero, questo è il governo che più di tutti ha fatto contro la criminalità organizzata. Che cosa accadrebbe?

Lo direi, se fosse vero, e non avrei alcun problema.