tizianocavigliablog
Sensei.

La tragica morte di praticamente tutto 19.08.10

De Biase segnala - dopo la sparata di Wired sulla fine del web - il divertente post di Harry McCraken sulle presunte morti annunciate di media, software e device tecnologici.

Un Google News tutto nuovo 01.07.10

La versione americana di Google News si rinnova per permettere agli utenti di personalizzare completamente le notizie da leggere e la loro impaginazione.
Largo spazio alle notizie locali e una organizzazione più efficiente per le notizie di prima pagina e per l'attualità

Una spinta verso la destrutturalizzazione dei servizi di news come sono stati intesi sino ad oggi.
E sembra fatto apposta per iPad.

Information overload 16.02.10

A respected Swiss scientist, Conrad Gessner, might have been the first to raise the alarm about the effects of information overload. In a landmark book, he described how the modern world overwhelmed people with data and that this overabundance was both "confusing and harmful" to the mind. The media now echo his concerns with reports on the unprecedented risks of living in an "always on" digital environment. It's worth noting that Gessner, for his part, never once used e-mail and was completely ignorant about computers. That's not because he was a technophobe but because he died in 1565. His warnings referred to the seemingly unmanageable flood of information unleashed by the printing press.

Via Slate.

Political divide 07.07.09

Appuntamento per domani pomeriggio, alle 17:30 nel Campus di Savona, per il talk su politica e comunicazione al tempo dei nuovi media.
L'incontro è organizzato da Roberta Milano. Conduce le danze Antonio Sofi.

L'intervista mai fatta a Grillo 09.01.08

"Grillo ha una paura fottuta del confronto."

Non fiori, ma opere di bene 30.12.07

Scorrendo Xirr apprendo da Pandemia che un gruppo di volontari trascorrerà il Capodanno in Libano per educare all'uso dei media il popolo libanese.

Il campo vedrà i 19 volontari italiani, affiancati da operatori sociali locali, impegnati nella creazione di tre laboratori: un laboratorio fotografico, uno audio-video e un laboratorio di interviste. Luogo di azione saranno i cinque campi di aggregazione giovanile nei villaggi di: Ayta Ashaab, Dibil, Bint Jubayl, Srifa e del campo profughi Palestinese Burj Shamali.

Le attività prevedono la creazione di un blog per ogni centro di aggregazione, ognuno dei quali rispecchierà le varie confessioni religiose ed etnie presenti sul territorio libanese: sunniti, drusi, sciiti, cristiani e profughi palestinesi. Tutto il materiale creato dai ragazzi andrà a confluire all'interno di una Net-TV libanese on-line che darà una visione trasversale della situazione del paese, concorrendo a instaurare un dialogo basato sulla percezione delle diversità esistenti tra i gruppi di ragazzi.

Non nego che l'iniziativa mi lascia vagamente perplesso.

PiùBlog, il blog dei blog 04.10.06

Il logo dell'evento PiùBlogDopo InEdita a Genova, si ripresenta l'occasione per parlare di blog e blogosfera in Italia.
PiùBlog, ospitato al palacongressi dell'EUR a Roma dal 7 al 12 Dicembre, sarà il palcoscenico per discutere e interrogarsi sul mezzo blog, sui rapporti con i media tradizionali, su aspetti tecnici e più in generale sulla comunicazione multimediale.

Un evento da non perdere al quale è stato invitato anche SocialDust.
Ci incontriamo?