tizianocavigliablog
Il camerlengo? Sì, proprio lui.

Una macchina di Rube Goldberg in HTML 06.05.16

Una macchina di Rube Goldberg in HTML

Il designer Sebastian Serena ha progettato una macchina di Rube Goldberg con gli elementi di un form HTML. Ipnotica.

Ronda su ronda 08.03.09

La striscia di Gipi sulle ronde

Via Gipi.

La risposta alle pessime opinioni è più libertà di opinione 08.03.09

"I social network per me sono importanti perché il passaparola aiuta i libri e anche i miei libri. Ma i social network incasinano la corteccia cerebrale. Facebook è la pornografia del sociale. Si nutre di se stesso e di quantità, più che di qualità. Queste cose perdono di senso quando il tuo boss che non sopporti ti chiede di essere tuo amico. E no, non è una buona cosa essere amici di tutti: ci sono anche brutte persone, in giro. Un conto è essere amichevoli, un conto essere amici. Bisogna essere amichevoli e gentili con tutti, ma amici no."

Via Wittgenstein.

Gli ottimisti 27.02.09

Nicola Piepoli vede il Partito Democratico intorno al 30%.

Le cifre dei partiti sono pietrificate e penso che queste saranno quelle delle elezioni europee.

Da tenere e conservare.

BlogMagazine 23.02.09

Un magazine su tecnologia, web e blogosfera. Gratuito. Da sfogliare online o da scaricare in formato PDF.

BlogMagazine.

And the Oscar goes to... 23.02.09

Le previsioni sono andate come sono andate.
Qui i premi.

E comunque Il curioso caso di Benjamin Button era un film noioso all'eccesso.

Discussioni orizzontali 17.09.08

Smettiamo di definire il web 2.0, blogosfera inclusa, un posto in cui le discussioni sono "orizzontali" e le conversazioni provengono "dal basso": sono cazzate buone da raccontare a qualche povero cristo che non ha ancora avuto modo di viverli il web 2.0 e la blogosfera. Perché qui, come nella vita di tutti i giorni, di "orizzontali" o che provengano "dal basso" ci sono solo cazzi pronti ad infilarvisi proprio dove state, in questo momento, immaginando.

Via The Novecento's Post.

Va a finire che si è preso a sprangate da solo 15.09.08

Fausto e Daniele Cristofoli invocano la legittima difesa dopo aver inseguito, armati di spranga, i presunti ladri di biscotti ed aver massacrato Abdoul Salam Guiebre.

Usciranno dal carcere molto presto.
Temo infatti che non sarà difficile dimostrare la loro completa infermità mentale.

Flickr riscopre i midi 12.09.08

Trovo molto più razionale la nuova interfaccia di Flickr, ma la intro in midi* potevano risparmiarsela.

* si tratta di "Garota de Ipanema".

Kokoro no kaze 06.09.08

Fino a pochi anni fa i giapponesi non conoscevano le notevoli sfumature della depressione, che invece sono così ben radicate e abusate nel resto del mondo.

Per i cittadini del Sol Levante l'unico disturbo riconosciuto era l'utsubyo. Il disturbo bipolare, conosciuto ai più come psicosi maniaco-depressiva.
Roba grave quindi, ma nessun termine per tutte le altre mutevoli forme di esurimenti nervosi e disturbi momentanei.
Tanto da doversi inventare una definizione completamente nuova per descrivere questi stati. Kokoro no kaze, traducibile come "raffreddore dell'anima".
Che se ci pensate non suona poi neanche tanto male.

Il paradosso è che se ne deve l'introduzione e la diffusione mediatica solo grazie agli spot delle multinazionali farmaceutiche che pubblicizzano antidrepessivi in terra nipponica.

L'articolo di Kathryn Schulz sul fenomeno kokoro no kaze.

Del Corriere e della citazione delle fonti 26.01.08

Tanto per tenerlo a mente. Della serie il Corriere della Sera non cita mai le sue fonti.
paulthewineguy:

"Grazie ad internet, grazie a Flickr, grazie al cazzo."

Louis Vuitton Cup: Mascalzone ci prova, Luna Rossa al comando 02.05.07

Dopo l'ennesima giornata di stop, ma questa volta per troppo vento, riprende il Round Robin 2 a Valencia.

Cinesi che iniziano male. Senza randa, entrano in ritardo nel campo di regata e ottengono una penalità. Regata finita e due punti per Victory.

La vittoria di Desafio Espanolo sui francesi, nel flight 3, elimina aritmeticamente +39 Challange, United Internet Team Germany e China Team dalle semifinali.

Shosholoza replica la regata del primo Round Robin contro BMW ORACLE. Prima nei primi due lati e poi sorpasso degli americani.
Americani che bisseranno il successo anche contro gli svedesi, ma quanta sofferenza. Stupende le manovre nelle due boe di bolina.

Emirates Team New Zealand e Luna Rossa conquistano quattro punti ciascuna. La barca italiana continua a guidare la classifica insieme al team di Larry Ellison.

I tedeschi smuovono il fondo della classifica vincendo la regata contro China Team.

Fligth 3

  • Desafio Espanol 2 0 Areva Challenge
  • +39 Challenge 0 2 Emirates Team New Zealand
  • United Internet Team Germany 0 2 Luna Rossa Challange
  • China Team 0 2 Victory Challange
  • Team Shosholoza 0 2 BMW ORACLE Racing

Fligth 4

  • Mascalzone Latino - Capitalia Team 2 0 Desafio Espanol
  • Emirates Team New Zealand 2 0 Areva Challenge
  • China Team 0 2 United Internet Team Germany
  • Luna Rossa Challange 2 0 Team Shosholoza
  • BMW ORACLE Racing 2 0 Victory Challange

Classifica

01. 27 BMW ORACLE Racing
01. 27 Luna Rossa Challange
03. 24 Emirates Team New Zealand
04. 21 Desafio Espanol
05. 18 Victory Challange
06. 16 Mascalzone Latino - Capitalia Team
07. 14 Team Shosholoza
08. 13 Areva Challenge
09. 06 +39 Challenge
10. 05 United Internet Team Germany
11. 03 China Team

LVC RR1: primi giorni, Flight 1 e 2, nuovo stop, Flight 3, Flight 4 e 5, Flight 6 e 7, Flight 8 e 9, Flight 10 e 11, prima metà, Flight 10 e 11, seconda metà
LVC RR2: Flight 1, prima metà, Flight 1 (seconda metà) e 2
LVC le barche: Victory Challange, United Internet Team Germany, Team Shosholoza, Mascalzone Latino - Capitalia Team

Louis Vuitton Cup - le barche: Victory Challange 25.04.07

Victory ChallangePer Victory Challange questa è la seconda partecipazione consecutiva alla Louis Vuitton Cup e la quinta di sempre per un team svedese.
Il challanger dispone di un solo scafo, SWE 96 varata il 9 Febbraio 2007.
Il progettista è German 'Mani' Frers.

Barca molto forte nelle regate di flotta, ha vinto il Louis Vuitton Act 5, non delude neanche nel match race anche se resta lontana dai big 4.

Yacht Club Gamla Stans Yacht Sällskap - Stoccolma
Numeri Velici SWE 63, SWE 73, SWE 96
Anno di fondazione del Team 2000
Designer German 'Mani' Frers Jr. and German Frers and team
Skipper / Timoniere Magnus Holmberg, Mattias Rahm
Ideatore del progetto Hugo Stenbeck
Pozzetto Johan Barne, Neal McDonald, Stefan Rahm, Santiago Lange, Morgan Larson
Sito web www.victorychallenge.com

Sailing team
Magnus Holmberg (Skipper)
Morgan Larson (Strategist and Tactician)
Alicia Ageno (Navigator)
Johan Barne (Navigator)
Simon Fisher (Navigator)
Santiago Lange (Traveller)
Neal McDonald (Traveller)
Mattias Rahm (Second helmsman/stratega)
Stefan Rahm (Tactician)
Martin Strandberg (Weather/strategist)
Oscar Angervall (Backstay trimmer/traveller)
David Carr (Mainsail grinder)
Anders Dahlsjö (Mastman/boat captain)
Jens Dolmer (Mainsail grinder)
David Endean (Pitman/boat captain)
Thierry Fouchier (Spinnaker trimmer)
Morten Halkier (Spinnaker trimmer)
Thomas Hallberg (Mastman)
Nathan Hislop (Port grinder)
Keats Keeley (Midbowman)
Andrew Lewis (Backstay grinder)
Lars Linger (Genoa trimmer)
Oskar Ljung (Spinnaker trimmer)
Richard Mason (Backstay grinder/boat captain)
Andy Meiklejohn (Midbowman)
Anthony Merrington (Mastman)
Luke Molloy (Mainsail trimmer)
Gustav Morin (Starboard grinder)
Ben Morrison-Jack (Midbowman)
Tony Mutter (Backstay/genoa trimmer)
Mal Parker (Genoa/spinnaker trimmer)
Pepe Ribes (Bowman)
Matt Smith (Pitman)
Mark Strube (Starboard grinder)
Richard Sydenham (Backstay trimmer)
Sebastian Tenghage (Port grinder)
Kasper Vang (Backstay grinder)
Jonas Wackenhuth (Bowman)
Henrik Walderyd (Mainsail trimmer)
Ian Weighell (Starboard grinder)

LVC RR1: primi giorni, Flight 1 e 2, nuovo stop, Flight 3, Flight 5 e 6

Louis Vuitton Cup: la disfatta di Luna Rossa 24.04.07

Dopo la nuova sosta forzata di ieri, oggi torna la brezza sugli specchi d'acqua di Valencia.
Brutta sconfitta di Mascalzone Latino contro gli spagnoli nel primo flight.
Dopo uno stupendo match race, serratissimo nella prima bolina, la barca italiana non è mai riuscita a recuperare lo svantaggio da Desafio.
Vincenti nel secondo, nel derby italiano contro +39.

Senza storia la regata tra i tedeschi e i cinesi, con i primi che hanno saputo portare a casa i primi due punti nella Louis Vuitton Cup.

Male anche Luna Rossa, che perde entrambe le regate, la prima regata contro i sudafricani di Shosholoza. Sempre dietro il team italiano, ha pagato probabilmente il primo lato di bolina e il poco vento.
La seconda per pochi secondi contro BMW ORACLE.
BMW ORACLE che continua guidare la classifica imbattuta, anche grazie al successo, nel primo flight, sugli svedesi di Victory Challange.

Victory Challenge che si riprende immediatamente vincendo contro i tedeschi.
Ottima giornata pe Team New Zealand che guadagna quattro punto contro Areva Challange e Desafio Espanol.

Fligth 4

  • United Internet Team Germany 2 0 China Team
  • Team Shosholoza 2 0 Luna Rossa Challange
  • Victory Challange 0 2 BMW ORACLE Racing
  • Areva Challenge 0 2 Emirates Team New Zealand
  • Desafio Espanol 2 0 Mascalzone Latino - Capitalia Team

Fligth 5

  • +39 Challenge 0 2 Mascalzone Latino - Capitalia Team
  • Emirates Team New Zealand 2 0 Desafio Espanol
  • Victory Challange 2 0 United Internet Team Germany
  • Luna Rossa Challange 0 2 BMW ORACLE RacingAreva Challenge
  • China Team 0 2 Team Shosholoza

Classifica

01. 13 BMW ORACLE Racing
02. 10 Emirates Team New Zealand
03. 09 Luna Rossa Challange
04. 08 Mascalzone Latino - Capitalia Team
04. 08 Victory Challange
04. 08 Team Shosholoza
07. 07 Desafio Espanol
08. 05 Areva Challenge
09. 03 United Internet Team Germany
10. 02 +39 Challenge
11. 01 China Team

LVC RR1: primi giorni, Flight 1 e 2, nuovo stop, Flight 3

Signora mia la destra è uguale alla sinistra... 09.04.06

Se dovesse vincere voi-sapete-chi e qualcuno di quelli che dicono "io rimango a casa tanto sono tutti uguali" o "Prodi proprio non riesco a votarlo" si lamentesse del nuovo governo, vi prometto che gli tirerò un calcio nel culo che l'impronta della scarpa gli rimarrà a vita.

Technorati Tags: , , .

Ho detto troppe volte addio 09.04.06

Questa mattina mi sono alzato con in testa il ritornello di una vecchia canzone di Bon Jovi...

[...] Remember how we used to talk
About busting out - we'd break their hearts
Together - forever

Never say goodbye, never say goodbye
You and me and my old friends
Hoping it would never end
Never say goodbye, never say goodbye
Holdin' on - we got to try
Holdin' on to never say goodbye [...]

E mi sono davvero reso conto di come è facile dire "per sempre" e ritrovarsi con un "addio".
E non è vero che il tempo aiuta.
Solo un altro amore o un'altra amicizia sanano davvero le ferite.

Non le rimarginano del tutto, ma in fondo le cicratici servono per formare il carattere.
E forse per diventare un po' più cinici e a perdere quel velo di romanticismo che troppo spesso fa perdere la via.

D'altra parte non tutto ciò che si perde può essere ritrovato...

[...] Remember when we used to park
On Butler Street out in the dark
Remember when we lost the keys
And you lost more than that in my backseat, baby [...]

Ma dopo aver pronunciato per l'ennesima volta "addio", presto o tardi, si tornerà a urlare "per sempre"...

Technorati Tags: , , .

Scripta manent 15.03.06

Grande scoop di Diario.it che è entrato in possesso del foglio su cui ieri sera Berlusconi ha preso appunti, durante il dibattito con Prodi.

Technorati Tags: , .
Crosspost su BlogFriends.

Tutto risolto! E te pareva... 20.02.06

Come volevasi dimostrare il penultimatum si è dimostrato tale.
Torna la serenità all'interno della Cdl. Almeno a parole.

Tutti gli alleati accettano i 5 punti della Lega, senza discussioni.

I moderati del centro destra come al solito finiscono in minoranza. Tabacci su tutti.
E se poi AN deve piegarsi ad accettare il punto sullo sfaldamento dell'Italia, poco male.
Tanto l'elettore medio continuerà a mettere la sua crocetta sulla faccia di Fini.

E il teatrino quinquennale prosegue. Portandosi nel baratro anche il bel paese...

Technorati Tags: , , .
Crosspost su BlogFriends.

Coalizioni che vai, programmi che trovi 12.02.06

Per mesi è stato un cavallo di battaglia della destra:

"La sinistra non ha un programma!"

Beh il programma adesso c'è.
Non mi dispiacerebbe leggere anche quello della destra, così tanto per dimostrare una volta per tutte che in fondo qualche idea ce l'hanno.

E poi meglio sapere in anticipo di che morte morire.

A proposito, presupponendo che L'Unione strappi la maggioranza dei suffragi, considererò le elezioni vinte solo con un margine di almeno 9 punti percentuali dal centro destra.
In ogni altro caso per me le elezioni saranno perse.

Technorati Tags: , , .

Allo zoo di Kamerovo nascono due ligri 08.12.04

Allo zoo di Kemerovo, vicino a Novosibirsk, sono nate due ligri: incrocio tra una tigre indiana e un leone africano.

Una ligre nasce appunto dall'incorcio di una tigre femmina e di un leone, nel caso la coppia sia invertita ovvero una tigre maschio e una leonessa allora si avrebbe un tigone.

Questa nascita rappresenta un fatto eccezionale. La ligre ha infatti una testa e una coda di tigre e un corpo a strisce modellato come quello del leone.

Italian Web Awards 22.11.04

Il vincitore della terza edizione dell'Italian Web Awards e' stato Etro, sito dell'omonimo marchio della moda.

Primo classificato anche nella categoria ''Impresa, economia e finanza''.

Vincenzo Cerami ha invece ottenuto il premio della giuria.

Si erano iscritti 5046, siti di cui 2962 sono arrivati alla candidatura e solo 1331 quelli ritenuti eccellenti. 35 i finalisti.

HTML5Rocks 05.07.10

Google ha preparato una sandbox in cui condividere risorse, esperimenti e tutorial su HTML5. Un'evoluzione dello showcase di Apple.
La strada per il prossimo standard del web sembra essere tracciata.

Siamo pronti per HTML5 23.04.10

TLUC Blog sta migrando verso HTML5.

Lo spirito dell'early adopter ha preso il sopravvento.
Il desiderio di anticipare il futuro del web mi ha spinto verso questo esperimento.

Qui si è già pronti, ora tocca a voi.

Il futuro del web passa da HTML5 15.03.10

Mac Slocum: How is HTML5 different than HTML as we currently know it?

Eric Meyer: It's really the HTML we're all used to plus more elements. But that's the 80/20 answer. HTML5 adds new elements for things like sections of a document and articles, and figures and captions for figures. So it covers things that a lot of us do all the time, like create «div class="figure"» and then «p class="caption"» inside of that to go along with an image. Now there's just an element called "figure" and you insert an image and you have an element after that called "caption." There's been an attempt to look at what people are doing. What class names are people using over and over again? What structures are they setting up over and over again? Because HTML doesn't have elements that directly address those. The HTML5 spec also attempts to very precisely and exhaustively describe what browsers should do in pretty much any given circumstance. Older HTML specifications would simply say: "These are the elements. These are the attributes. Here are some basic parsing rules. Here is what you're supposed to do if you encounter an error." HTML5 has these really long algorithms that say: "Do this, then this, then this, then this. And if you hit a problem, here, do this other thing." There's a lot of debate as to whether that's even a good idea. But if the vision that's encoded in those algorithms is brought out -- I'm not saying it will be, but if it is, then browsers will be a lot more interoperable. But that's the base level answer. As you push further into the more obscure corners, then the answer to "how is HTML5 different?" becomes much more complicated.

Via O'Reilly Radar.

I super amici di HTML5 02.09.09

We, the undersigned, wish to declare our support for the direction in which the HTML5 specification is heading. Its introduction of a limited set of additional semantic elements, its instructions on how to handle failure, and its integration of application development tools hold the promise of richer and more consistent user experiences, faster prototyping, and increased human and machine semantics.

HTML5 is not perfect in our estimation, not that any markup language could be. In particular, we have significant concerns about some aspects of the specification. But we are optimistic that the official channels provided by the working group will offer a sufficient and fair hearing of our concerns.

Via HTML5 Super Friends.

Web developer 12.07.07

Perché bisogna abbandonare i frame? 30.09.04

Home page del sito: Rhadamanth.netIniziamo con un po' di storia. I frame sono nati per permettere all'HTML di evolversi da semplice linguaggio marcatore di testi statico ad aspetti di dinamicità.

L'introduzione dei frame permetteva per la prima volta di includere altri documenti HTML senza dover ricorrere a linguaggi lato server.

Occorre ricordare inoltre che tematiche quali l'accessibilità ancora non erano prese in considerazione. Non stupisce dunque che presero così piede nell'ambito della comunità di sviluppo web.

Tuttavia il web ed il codice negli anni si è evoluto, mentre i frame no. Questo ha trasformato i frame in uno strumento obsoleto e dannoso.

Altro aspetto importante è dovuto al W3C ed allo sviluppo di XHTML. XHTML è la rielaborazione di HTML secondo le specifiche XML. Questo dunque rende XHTML molto più inflessibile rispetto ad HTML 4.01. Il W3C ha inoltre deciso, per motivi che spiegherò più avanti, di incorporare i frame, e quindi il doctype di tipo Frameset, soltanto nella versione XHTML 1.0 per retrocompatibilità ed eliminarli totalmente dalla versione successiva, la 1.1. Questo già sarebbe un buon motivo per non utilizzare più tag non standard.

Analizziamo le cause che hanno spinto il W3C a deprecare i frame. I frame non rispettano l'accessibilità. Il motivo risiede nel fatto che gli screen reader non riescono ad interpretare correttamente una struttura di tipo frameset.

Ulteriore motivo è l'impossibilità di separare i contenuti dalla grafica. Utilizzando i frame è inoltre impossibile creare layout complessi e la modifica alla struttura risulta lunga e laboriosa, in quanto le modifiche andranno apportate ad ogni pagina del sito.

Anche sotto il profilo dell'indicizzazione i frame causano problemi. Gli spider infatti si comportano come screen reader. Indicizzano ogni pagina separata senza risalire al frameset, per cui potrà capitare di vedersi indicizzato solo il menu, solo il titolo, o solo i contenuti ma senza il menu. Non è piacevole vero?

I CSS ormai sono abbastanza maturi da poter permettere l'impiego di tecniche di inclusione lato server estremamente efficaci.

E' venuto il momento di abbandonare i frame, hanno fatto il loro tempo.