tizianocavigliablog
Megaceffone copernicano.

La sedia vuota di Liu Xiaobo 10.12.10

La sedia vuota per Liu Xiaobo

Una sedia vuota riceve il Nobel per la Pace, per la prima volta nella storia, al posto di Liu Xiaobo tuttora detenuto in Cina.

L'essenza dello scrivere 30.11.04

"Meglio scrivere per se stessi e non avere un pubblico, che avere un pubblico senza essere se stessi."

Cyril Connoly

Gli intellettuali cinesi sostengono Liu Xiaobo 15.10.10

Sassolini che rotolano a valle dalla granitica montagna cinese.

More than 100 Chinese writers, lawyers and activists have released a letter urging the government to release the Nobel peace prize winner Liu Xiaobo and other political prisoners.

The letter, issued late last night, comes amid the detention and monitoring of dissidents, which they believe reflects the government's anxieties about the award as well as a major political meeting that begins today.

It calls for the government to approach the award with "realism and reason" and follows a spate of angry denunciations of the prize. Yesterday a foreign ministry spokesman said the Nobel committee was "encouraging crime" in China by giving the award to Liu, who is serving 11 years for incitement to subvert state power.

Chi è Liu Xiaobo 08.10.10

E' l'unico premio che la Cina non avrebbe voluto vedersi consegnare.
Liu Xiaobo è il premio Nobel per la pace 2010.

Dissidente del regime comunista, è agli arresti per scontare una condanna a 11 anni per il reato di sovversione.
Liu ha preso parte al movimento piazza sfociato nell'evento di Tiananmen nel 1989 ed è stato tra i firmatari di Manifesto 08, il documento che rivendicava una maggiore democrazia in Cina.
Negli anni novanta è stato detenuto per tre anni in un campo di lavoro.

His activities in 1989 can be seen as formative in the entirety of his following writings and other works, characterised by an unwavering bravery and refusal to back down in the face of danger and suppression, by the pursuit and defence of human rights, humanism, peace and other universal values and, finally, adherence to the practice of rational dialogue, compromise and non-violence.

Se non trovate un senso al Nobel di Obama 11.12.09

La pace bisogna conquistarla tutti i giorni, bisogna combattere per essa e non darla mai per scontata.
Non basta desiderarla. Non è mai bastato.

Barack Obama conosce perfettamente cosa comporta impegnarsi per la pace e ha ben chiaro quali e quanti sforzi e sacrifici siano necessari per perseguirla. E questo gli viene riconosciuto.
Aver dato la speranza al mondo che una pace giusta e condivisa può essere un obiettivo reale, abbandonando la disastrosa visione unilaterale della guerra preventiva.

L'Europa e gli europei, che hanno subito e generato il male più grande, forse più degli altri dovrebbero aver imparato la lezione che per poter vivere liberi e costruire una società democratica e in pace è a volte necessario ricorrere all'orrore della guerra.

For make no mistake: evil does exist in the world. A non-violent movement could not have halted Hitler's armies. Negotiations cannot convince al Qaeda's leaders to lay down their arms. To say that force is sometimes necessary is not a call to cynicism - it is a recognition of history; the imperfections of man and the limits of reason.

So yes, the instruments of war do have a role to play in preserving the peace. And yet this truth must coexist with another - that no matter how justified, war promises human tragedy. The soldier's courage and sacrifice is full of glory, expressing devotion to country, to cause and to comrades in arms. But war itself is never glorious, and we must never trumpet it as such. So part of our challenge is reconciling these two seemingly irreconcilable truths - that war is sometimes necessary, and war is at some level an expression of human feelings. Concretely, we must direct our effort to the task that President Kennedy called for long ago. "Let us focus," he said, "on a more practical, more attainable peace, based not on a sudden revolution in human nature but on a gradual evolution in human institutions."

Il discorso di Obama alla cerimonia del Nobel per la pace 10.12.09

Il discorso di Barack Obama alla cerimonia di assegnazione del Nobel per la pace, a Oslo.

Wind of change 10.12.09

Il Presidente Obama accetta il Premio Nobel per la pace a Oslo

The belief that peace is desirable is rarely enough to achieve it. Peace requires responsibility. Peace entails sacrifice.

Barack Obama.

La sedia vuota di Liu Xiaobo 10.12.10

La sedia vuota per Liu Xiaobo

Una sedia vuota riceve il Nobel per la Pace, per la prima volta nella storia, al posto di Liu Xiaobo tuttora detenuto in Cina.

Fonte: BBC News