tizianocavigliablog
See you space cowboy...

82.730.460 emendamenti 23.09.15

L'inadeguatezza del senatore Calderoli spiegata con un numero.

[...] per dare la dimensione della goliardata di Calderoli, per contenere il testo di tutti i suoi emendamenti (alla riforma del Senato della Repubblica, n.d.r.) servirebbero 16 mila e 500 volumi da mille pagine l'uno. [...] oltre 41 tonnellate di carta.

La terza repubblica in nuce 28.03.12

Premesso che ci stiamo fasciando la testa su una proposta di riforma elettorale e costituzionale basata su di un accordo per il momento scritto sull'acqua, il superamento delle coalizioni-ammucchiate pre-elettorali mi sembra tutto tranne che una sconfitta per il corpo elettorale.
Compreso che un bipartitismo è inattuabile in Italia e un maggioritario puro non ha speranze di essere approvato, la nuova riforma elettorale ha dalla sua il riportare i partiti e le loro istanze protagonisti a discapito di meri cartelli elettorali creati al solo scopo di conquistare un singolo voto in più dell'avversario.
Per quanto riguarda il temuto rischio di ingovernabilità appare evidente che resterà inalterato con quanto ne consegue.

RIFORMA ELETTORALE
[...] La riforma ipotizzata, che comunque per funzionare avrà bisogno di alcune riforme costituzionali, cancella sia il Mattarellum che il Porcellum. Soprattutto lo spirito che l'animava. L'idea forte è la fine dell'obbligo di coalizione. Nel sistema maggioritario, noto come il Mattarellum, i partiti erano sollecitati a unirsi in coalizione per vincere con un candidato unitario nei collegi uninominali. Nel sistema che lo ha sostituito il premio di maggioranza premiava la coalizione che aveva più voti alla Camera. È un sistema che comunque toglieva agli elettori il potere di scelta degli eletti. Con il nuovo sistema invece il premio di maggioranza andrebbe al partito vincente. Gli elettori avrebbero la possibilità di scelta nei collegi uninominali, che dovrebbero portare all'elezione della metà dei parlamentari. L'altra metà sarebbe scelta con il sistema proporzionale. Ci sarebbe uno sbarramento, probabilmente intorno al 5 per cento. Agli altri verrebbe comnunque garantita una rappresentanza. I partiti non sarebbero costretti a presentarsi in coalizione. Quindi la maggioranza potrebbe nascere dopo il voto, ma centrale resterebbe il partito che ha ottenuto più voti. Questo dovrebbe limitare il potere di veto dei raggruppamenti minori. [...] Chi vince deve andare al governo. Niente più alleanze elettoralistiche, niente alleanze anomale e in prospettiva niente governi deboli e vincolati alla volontà degli alleati più piccoli.

PREMIO DI MAGGIORANZA
In linea con l'asse portante della riforma andrà solo al partito che ottiene più voti e non alla coalizione. Bipolarismo che si regge sulle gambe dei due maggiori partiti.

SCELTA DEI CANDIDATI
Non si tornerà alle preferenze, ma l'idea è quella di riconsegnare agli elettori il potere di scegliere gli eletti che non dovrebbero essere più nominati.

INDICAZIONE DEL PREMIER
E' l'altra riforma proposta che dovrà dare forza di legge a una consuetudine in atto da anni, ma comunque non vincolante fino adesso. Dalle prossime elezioni ogni partito dovrà presentarsi davanti agli elettori indicando il proprio premier. E sarà quello indicato dal partito che ha ottenuto più voti ad essere incaricato di formare il nuovo esecutivo.

La riforma costituzionale di Calderoli 18.07.11

Se le linee guida della proposta di riforma costituzionale possono essere condivisibili, saranno i dettagli a chiarire quanto e se la proposta sarà efficace e applicabile.
Conoscendo i precedenti del ministro Calderoli il testo andrà passato al setaccio due volte. Minimo.

Senato federale. Il Senato diventa "Senato federale della Repubblica". Lo prevede l'articolo 2. Sarà composto da 250 senatori (attualmente sono 315). E verrà "eletto a suffragio universale e diretto su base regionale". Ai suoi lavori, prevede la proposta di legge del governo, potranno partecipare "senza diritto di voto, altri rappresentanti delle Regioni e delle autonomie locali".

Viene "soppressa" la circoscrizione Estero. "All'articolo 48 della Costituzione, il terzo comma è abrogato", si legge nel testo, con riferimento alla norma costituzionale che attualmente prevede l'esercizio del diritto di voto per l'elezione dei parlamentari, da parte dei cittadini residenti

all'estero. Inoltre l'indennità che i deputati e i senatori federali riceveranno sarà "corrispondente alla loro effettiva partecipazione ai lavori". La misura è contenuta nella bozza di ddl di riforma costituzionale che domani sarà esaminata in preconsiglio dei ministri e che in settimana potrebbe essere approvato in prima lettura dall'esecutivo.

Cancellati i 5 senatori a vita. Altra novità riguarda gli ex presidenti della Repubblica. "E' deputato di diritto e a vita, salvo rinunzia, chi è stato Presidente della Repubblica" si legge nella bozza. Il testo sostituisce integralmente l'articolo 59 della Costituzione e, vista la nascita del Senato federale, trasforma gli ex capi di Stato da senatori a 'deputati' a vita. Ma, eliminando il secondo comma dell'articolo 59, cancella anche la figura dei cinque senatori a vita che ad oggi il presidente della Repubblica può scegliere tra coloro che abbiano "illustrato la Patria per altissimi meriti nel campo sociale, scientifico, artistico e letterario".

Iter più veloce.Il procedimento legislativo diventa più semplice e tempestivo: solo per poche materie (come ad esempio la revisione costituzionale) si procederà con il bicameralismo perfetto. Negli altri casi la competenza sarà o della sola Camera o del solo Senato, con la possibilità dell'altra camera di formulare un parere entro trenta giorni. Secondo il ddl, spetta ai regolamenti parlamentari definire più incisivi poteri del governo in parlamento e predisporre adeguate garanzie per le opposizioni parlamentari.

Cala l'età per essere eletti. Scende a 21 anni l'età per essere eletti sia alla Camera, sia al nuovo Senato federale. Mentre può essere eletto presidente della Repubblica ogni cittadino che abbia compiuto quaranta anni d'età e goda dei diritti civili e politici.

Premier può sciogliere le Camere. Il Presidente della Repubblica può sciogliere la Camera dei deputati, sentiti il suo Presidente e i rappresentanti dei gruppi parlamentari, anche su richiesta del Primo Ministro". Viene modificata la parte dell'articolo 88 della Costituzione che attualmente recita: "Il Presidente della Repubblica può, sentiti i loro Presidenti, sciogliere le Camere o anche una sola di esse".

Presidente Camera supplente Quirinale. "Le funzioni del Presidente della Repubblica, in ogni caso che egli non possa adempierle, sono esercitate dal Presidente della Camera dei deputati". Dopo la nascita del Senato federale, la funzione di supplenza del capo dello Stato, oggi in capo al presidente del Senato, passerebbe dunque all'inquilino di Montecitorio. "In caso di impedimento permanente o di morte o di dimissioni del Presidente della Repubblica - si legge nella bozza di riforma - il Presidente della Camera dei deputati indice la elezione del nuovo Presidente della Repubblica entro quindici giorni, salvo il maggior termine previsto se la Camera è sciolta o manca meno di tre mesi alla sua cessazione".

La sfiducia costruttiva. Sarà la Camera dei deputati a dover votare la fiducia al governo. E potrà avvalersi anche di un meccanismo di "sfiducia costruttiva". "La riforma - si legge nella relazione illustrativa - mantiene il rapporto di fiducia esclusivamente fra il Governo e la Camera dei Deputati". Ma l'approvazione di una mozione di sfiducia nei confronti dell'esecutivo, "non comporta lo scioglimento necessario della Camera. Infatti, è possibile che il Presidente della Repubblica, sulla base dei risultati delle elezioni, nomini un nuovo Primo ministro oppure che la Camera dei Deputati stessa, nell'ambito della medesima maggioranza, individui un nuovo Primo Ministro".