tizianocavigliablog
Mastro di chiavi.

De Bortoli al Corriere 08.04.09

Ferruccio De Bortoli si presenta alla redazione del Corriere della Sera.

Scorci liguri (-4) 21.12.08

La Fortezza del Priamar a Savona

La Fortezza del Priamar. Savona.

Calendario dell'Avvento 2008: 1 - 2 - 3 - 4 - 5 - 6 - 7 - 8 - 9 - 10 - 11 - 12 - 13 - 14 - 15 - 16 - 17 - 18 - 19 - 20

Via Idiosincrasia.

Parole e musica 28.09.08

E bravo Ballan. Nonostante Memo.

Non è nata una istella 19.03.13

Si chiama istella il motore di ricerca, o meglio il progetto di indicizzazione e digitalizzazione della storia e della cultura italiana finanziato da Renato Soru, che ha la grafica di Bing e l'autorevolezza dei risultati di Volunia. Con le mappe di Nokia.

Cavallo che vince si cambia 19.06.11

L'addio di Concita De Gregorio, dal primo di luglio, a L'Unità dell'editore Soru.

il giornale è stato in questi anni al centro di un intenso dibattito che ha dato voce - molto spesso anticipandole - alle principali istanze della società, che ha mobilitato sui temi cruciali migliaia di persone, che ha allargato il ventaglio delle sue voci e che attraverso la crescita del sito Internet ha aperto un dialogo fitto e continuo coi lettori. Che ha contribuito infine a sollecitare la nuova volontà di partecipazione dei cittadini alla vita del Paese.

Neppure Soru 17.02.09

D'accordo ci eravamo sbagliati. Adesso che abbiamo bruciato anche Soru nello scontro diretto, non ci resta più nessuno.
No, neanche Bersani. A meno che non si decida a tirare fuori le palle e a uscire, una volta per tutte, dalla crisalide per trasformarsi in un leader.

Non ci resta più nessuno.

Leader auspicabile 10.12.08

Il dopo Walter 27.11.08

Si è fatto e si fa un gran parlare su chi potrebbe essere il nuovo segretario del Partito Democratico. Chi potrebbe avere le capacità e la forza di trascinare il partito fuori dalla fanga.

Negli ultimi mesi la lista dei desiderata è cresciuta, da Letta a Cuperlo, da Cacciari a Chiamparini, dalla Bindi a Bersani.

Personalmente vedrei bene Soru. Un delitto isolarlo in Sardegna.

Una definizione sciagurata. Io non sono contro la ricchezza. Sono per chiamare i ricchi, anche quelli delle barche e delle seconde case, a collaborare al bene comune. Credo sia giusto chiedere in base alla capacità, esigere quanto uno può dare. Per me, questi cinque anni sono stati anche una riscoperta della mia terra. E di beni preziosi, che a Milano avevo perduto, e che pure ai sardi rischiano di sfuggire. Il buio. Il silenzio. Gli spazi vuoti. Perché inquinare la notte con luci superflue e costose? Io non voglio una Sardegna deserta. Ma non voglio neppure una Sardegna trasformata in parco giochi. Voglio una terra laboriosa, dinamica, seria. E intendo governarla ancora.