tizianocavigliablog
Habemus blogger.

Fattore Bersani 03.12.12

Le spread tra BTP decennali e Bund oggi è sceso sotto i 300 punti base. Ai minimi da marzo.

P.S.: sul fattore Bersani si scherza, ma neanche troppo.

Un altro incidente petrolifero nel Golfo del Messico 02.09.10

L'incendio sulla Mariner Energy

Incidente sulla piattaforma petrolifera Mariner Energy nel Golfo del Messico, davanti alle coste della Louisiana.

Salvi i tredici dipendenti. Nessun rischio ambientale.
Questa volta è andata bene.

L'Australia divisa in due 21.08.10

Pareggio. Testa a testa. Parlamento in bilico. Questa la situazione in Australia a seguito del voto di oggi, dopo la fulminea campagna elettorale seguita all'allontanamento del primo ministro Kevin Rudd.
Julia Gillard che ne ha preso il posto ha fatto male i suoi calcoli, basati su un'iniziale euforia dei sondaggi nei suoi confronti.
Spingendo il paese al voto ne ha di fatto consegnato la metà alla Coalizione, guidata dal liberale Tony Abbott.

Quattro cose sono ora chiare a tutti.
Nessun partito ha conquistato i 76 seggi necessari per una maggioranza stabile. Non succedeva dalla Seconda Guerra Mondiale.
Il Labor ha perso la maggioranza ed è l'unico partito che è arretrato.
Tony Abbott ha saputo sfruttare la sua innata indole populista per far breccia tra gli australiani. Si è già dichiarato vincitore forte del successo elettorale, anche se la carenza di seggi lo costringerà a dover trovare scomode alleanze.
Gli indipendenti e i Verdi saranno l'ago della bilancia. Il partito ambientalista di Bob Brown conquista oltre l'11% dei voti scrutinati, decidendo di fatto l'esito delle consultazioni.
In Senato tutti guarderanno a lui.

Quella volta che Charlie Brown fece un home run 13.02.10

L'ultima striscia domenicale dei Peanuts

Dieci anni fa veniva pubblicata l'ultima striscia domenicale dei Peanuts. Charles Monroe Schulz moriva il giorno prima.

La prima striscia dei Peanuts

Una striscia ininterrotta dal 2 ottobre del 1950. Senza contare le strisce dei Li'l Folks degli anni quaranta.

La striscia dei Peanuts del 29 marzo 1993
La striscia dei Peanuts del 30 marzo 1993

Bisognerà aspettare il 30 marzo 1993 per vedere Charlie Brown compiere il suo primo home run al nono inning e vincere la partita (partita iniziata nella striscia del 23 marzo). In una serie che si concluderà solo il 21 agosto di quello stesso anno con una seconda partita vinta, un secondo fuoricampo...

La striscia dei Peanuts del 28 giugno 1993
La striscia dei Peanuts del 29 giugno 1993
La striscia dei Peanuts del 30 giugno 1993
La striscia dei Peanuts del 1 luglio 1993
La striscia dei Peanuts del 2 luglio 1993

... e un colpo di scena finale.

La striscia dei Peanuts del 18 agosto 1993
La striscia dei Peanuts del 19 agosto 1993
La striscia dei Peanuts del 20 agosto 1993
La striscia dei Peanuts del 21 agosto 1993

Sempre due ce ne sono 27.09.09

Né più né meno. Un maestro e un apprendista.

La prima pagina del Manifesto che ritrae il Papa e Berlusconi, dal titolo Papi

Giallo-neri 27.09.09

L'articolo su Spiegel Online

Altri quattro anni di Merkel.

Non facciamo scherzi 04.08.08

Mi domando se "Il cavaliere oscuro" non inizi a portare rogna.

Il tempo delle scelte coraggiose 09.02.08

Impegnamoci affinché la pratica delle primarie diventi la norma all'interno del Partito Democratico.

Lasciamo che la decisione presa a Pisa resti un caso, magari fisiologico durante la nascita di un nuovo grande soggetto politico, ma pur sempre isolato.

Il Natale arcobaleno in Grecia 23.12.15

Comunità LGBT festeggia sotto il parlamento greco

Se la Slovenia ha appena abrogato la legge che legalizzava il matrimonio omosessuale con un discusso referendum, la comunità LGBT europea può festeggiare per la votazione del Parlamento ellenico con cui sono state create le unioni civili tra persone dello stesso sesso.

Fonte: ABC News

Il base jumping alla KL Tower 05.10.15

Base jumper si lanciano dalla KL Tower

Base jumper da tutto il mondo si sono dati appuntamento a 421 metri di altezza, sulla torre per le telecomunicazioni della metropoli malese, per la 15esima edizione del Kuala Lumpur Tower International Base Jump.

Oltre il muro del default 05.07.15

Sostenitori del sì al referendum greco sull'euro

Rotta verso l'ignoto. È il risultato uscito dalle urne con la vittoria a valanga del "no" nel referendum greco. Lo scenario di totale incertezza, a partire dal destino di milioni di correntisti greci, è una sconfitta per tutti. La Grecia, nonostante la retorica di Syriza, alle prese con la mancanza di liquidità delle banche (che resteranno chiuse anche lunedì) e con la nuova deadline del 20 luglio, quando Atene dovrebbe rimborsare 3,6 miliardi di euro alla BCE, si ritroverà al tavolo europeo a carte scoperte e senza nulla in mano. Diviso tra l'incubo del ritorno alla dracma o il limbo della sospensione dall'eurozona il paese dovrà per forza scendere a patti con le istituzioni poco propense a concedere qualcosa, consapevoli ormai del bluff di Syriza. Oggi Atene, in attesa di un terremoto politico, festeggia per una morte rapida, ma non meno dolorosa. Gli evasori fiscali ellenici, gli armatori e i baby pensionati ringraziano per il nuovo breve sogno venezuelano nel cuore del Mediterraneo. L'Europa sarà inflessibile. Un avvertimento anche per gli altri partiti nazionalisti e antieuropeisti in giro per il continente.

Un passo oltre il default 30.06.15

A piazza Syntagma la Atene del sì al referendum voluto dal governo Tsipras sulla bozza di accordo con i creditori manifesta nel giorno più lungo della recente storia greca. Il giorno che precede il default tecnico dello stato. Una manciata di ore che separa la Grecia dall'annuncio ufficiale del Fondo Monetario Internazionale che confermerà il mancato versamento del rimborso di 1,6 miliardi in scadenza.

Fonte: Politico

La via della feta 29.06.15

Manifestazione a favore del no al referendum greco sull'euro

La manifestazione, promossa da Syriza davanti al parlamento greco di Atene, per promuovere il fronte del no al referendum di domenica prossima che deciderà il destino economico della Grecia nell'area euro e nell'Unione Europea per gli anni a venire.

Fonte: Reuters

L'aeroporto abbandonato 16.07.14

Ellinikon International Airport

Per sessant'anni è stato l'aeroporto internazionale di Atene sina al 2001, quando fu inaugurato l'Elefthérios Venizélos. L'Ellinikon è stato l'hub della Olympics Airways, oggi è abbandonato divantando meta di fotografi che cercano panorami post-industriali.

L'ora di buio che salva la Terra 29.03.14

Earth Hour 2014 al Partenone

Spegnere le luci per un'ora. È il gesto simbolico rappresentato da Earth Hour che coinvolge ogni anno cittadini, istituzioni e imprese in tutto il mondo per sensibilizzare l'opinione pubblica sulle tematiche della sostenibilità e sulle sfide poste dal cambiamento climatico. Oltre 7.000 città in 154 paesi hanno partecipato all'iniziativa annuale del WWF spegnendo la luce ai loro simboli più rappresentativi.

Il governo greco spegne la tv di stato 12.06.13

Dipendente di ERT

Il governo greco ha deciso di spegnere i tre canali tv e le stazioni radio locali della ERT, l'emittente radiotelevisiva di stato. La drammatica decisione, a cui seguirà un ridimensionamento dei canali e dell'offerta, arriva dopo anni di bilanci in rosso e continua perdita di audience non più sostenibili nell'attuale politica di tagli e austerity. I giornalisti dell'emittente proseguono le trasmissioni in streaming davanti agli studi di Atene, protestando contro i previsti esuberi che si prevede riguarderanno migliaia di dipendenti.

Fonte: Adnkronos

L'alluvione di Atene 22.02.13

Fulmini su Atene

Un violento nubifragio ha colpito la capitale ellenica provocando numerosi danni e la morte di una giovane donna. La pioggia caduta in poche ore ha superato i 60 mm quando in media in un mese non ne cadono più di 50 mm.

Fonte: Guardian

Merkel di Atene 09.10.12

Manifestante greco contro la cancelliere Merkel

La cancelliere Merkel in visita ad Atene sfidando le proteste dei suoi abitanti per portare un messaggio di sostegno al paese sull'orlo della bancarotta e al centro della crisi della zona euro.

Atene brucia 13.02.12

Teppista greco si nasconde dietro un distributore automatico

Il parlamento greco approva il nuovo piano di austerity mentre Atene brucia sotto i colpi di migliaia di manifestanti. Il governo annuncia le elezioni anticipate per aprile, giusto in tempo per tentare di completare le riforme attese da Bruxelles e dai mercati.

Fonte: Guardian

Gli scontri durante lo sciopero in Grecia 10.02.12

Manifestanti violenti lanciano molotov alla polizia

Violenti scontri tra manifestanti e polizia stanno caratterizzando lo sciopero di 48 contro i piani di austerity previsti dal governo di Atene per evitare il default.

Fonte: Guardian

Il referendum greco spaventa l'Europa 01.11.11

Il premier greco George Papandreou

Il premier Papandreou forza la mano alle opposizioni, al PASOK e alla troika europea proponendo un referendum popolare per accettare o meno il piano di salvataggio della Grecia proposto da UE, BCE e FMI. Un terremoto politico che si è trasformato in un giorno di passione per i mercati finanziari di tutto il mondo.

Proteste greche 22.09.11

Sciopero in Grecia

La Grecia è stata paralizzata oggi da uno sciopero generale dopo le notizie di massicci licenziamenti tra gli statali e tagli alle pensioni, misure necessarie per far fronte alla crisi del debito.

Fonte: Guardian

Gli scontri ad Atene contro l'austerity 29.06.11

Scontri tra polizia e manifestanti ad Atene

Scoppia la rabbia dei manifestanti contro il drammatico piano di austerity del governo greco studiato per salvare il paese dal rischio default e convincere Bruxelles a non interrompere i finanziamenti.

Fonte: Guardian

Tensioni e austerità segnano la Grecia 16.06.11

Con il Governo Papandreou appeso a un filo e la crisi economica che minaccia il default dello stato, migliaia di greci sono scesi in piazza per protestare contro la nuova manovra all'insegna di lacrime e sangue.

Nuovi scontri ad Atene contro le misure di austerity 15.12.10

L'ex ministro Costis Hatzidakis ferito

Migliaia di persone sono scese in strada ad Atene per protestare contro le misure di austerity decise dal Governo per porre un freno al debito pubblico e permettere alla Grecia di uscire dalla crisi finanziaria. L'ex ministro Costis Hatzidakis è stato ferito negli scontri.

Fonte: Lens