L'Europa che trolla Donald Trump 05.02.17

Tutto è cominciato con un programma satirico olandese che ha prodotto un video per introdurre il paese al neo presidente degli Stati Uniti imitando la dialettica e gli slogan così cari a Donald Trump.
Ora in tutta Europa iniziano a circolare video analoghi che vengono raccolti dal sito itsgreat.eu.

America first. Europe second.

Missione Europa 18.11.15

La gelida luna di Giove con il suo gigantesco oceano sotto la superficie di ghiaccio è uno dei luoghi del Sistema Solare potenzialmente in grado di sostenere la vita.
Ars Technica racconta i piani della NASA per esplorare Europa nel prossimo decennio.

First, the bad news. Adding a lander to the Clipper will require additional technical work and necessitate a launch delay until late 2023. At that time, the massive Space Launch System rocket NASA is developing could deliver it to Jupiter in 4.6 years. Once there, the lander would separate from the Clipper, parking in a low-radiation orbit.

The Clipper would then proceed to reconnoiter Europa, diving into the harsh radiation environment to observe the moon and then zipping back out into cleaner space to relay its data back to Earth. Over a three-year period, the Clipper would image 95 percent of the world at about 50 meters per pixel and three percent at a very high resolution of 0.5 meters per pixel. With this data, scientists could find a suitable landing site.

The JPL engineers have concluded the best way to deliver the lander to Europa's jagged surface is by way of a sky crane mechanism, like the one successfully used in the last stage of Curiosity's descent to the surface of Mars. With four steerable engines and an autonomous system to avoid hazards, the lander would be lowered to the moon's surface by an umbilical cord.

Although the SLS rocket has been designed to lift as much as 70 tons into low-Earth orbit, it can only propel a small fraction of that across the 800 million kilometers of space to Jupiter, and fuel and the Clipper will consume most of that mass. The engineers have calculated they can spare a total of about 510 kg for the sky crane and lander, and of the 230 kg lander, about 20 to 30 kg can be given over to scientific instruments. That may seem slight, but it's equivalent to what the Spirit and Opportunity rovers had to work with on Mars.

That payload would contain a mass spectrometer to identify any complex biological molecules. The engineers are also trying to add a second type of spectrometer, based on Raman scattering, to provide independent confirmation of any significant findings. "Honestly," Culberson said, "if you're going to go all that way to determine if there's life on another world, why wouldn't you double-check it?"

To gather samples for the spectrometers, the lander will have a scooper and sampling arm with at least one set of counter-rotating saw blades that could penetrate to a depth of about 10 cm. At Europa's low surface temperatures, its ice is harder than steel.

Obama è troppo europeo 11.01.12

La posizione di Mitt Romney, neo vincitore anche alle primarie in New Hampshire, si trasforma incidentalmente in un complimento per il presidente Obama.

1. Obama "wants to turn America into a European-style entitlement society. We want to ensure that we remain a free and prosperous land of opportunity."

2. "This President takes his inspiration from the capitals of Europe; we look to the cities and small towns of America."

3. "I want you to remember when our White House reflected the best of who we are, not the worst of what Europe has become."

Nessuno ha intenzione di costruire un muro 13.08.11

Muro di Berlino

Nella notte tra il 12 e il 13 agosto 1961 chilometri di filo spinato vennero dispiegati attorno ai tre settori occidentali di Berlino. La cortina di ferro diventava fisica e reale.
Nel corso dei suoi 28 anni l'antifaschistischer Schutzwall, il muro antifascista come veniva chiamato ufficialmente nella DDR, diventò la più sofisticata trappola per topi mai inventata.
155 km. 3,6 metri di altezza. 1,5 metri di larghezza. Una striscia della morte si estendeva per decine di metri sul versante orientale. 105,5 km di fossato anticarro. 302 torri di guardia difese da cecchini armati della Vopos. 20 bunker. 177 km di strada illuminata per il pattugliamento.

Circa 5.000 persone riuscirono nell'impresa di attraversarlo. Quasi 200 morirono nel tentativo. Giovani, anziani, donne incinte e bambini.

L'obiettivo del muro: evitare che il popolo della Germania socialista potesse scappare nel mondo normale. Il muro fu costantemente perfezionato e rinforzato, trasformato da un normale muro in un sistema insormontabile di ostacoli, trappole, segnali elaborati, bunker, torri di guardia, tetraedri anti carro e armi a sparo automatico che uccidevano i fuggitivi senza bisogno di intervento da parte delle guardie di confine. Ma più lavoro, ingegnosità, denaro e acciaio i comunisti mettevano per migliorare il muro, più chiaro diventava un concetto: gli esseri umani possono essere mantenuti in una società comunista solo con costruzioni impenetrabili, filo spinato, cani e sparandogli alle spalle. Il muro significava che il sistema che i comunisti avevano costruito non attraeva ma repelleva.

La sua costruzione fu rapida quanto la sua caduta.
Bastò una velina confusa sul rilascio di permessi di viaggio e il ministro della propaganda Günter Schabowski preso alla sprovvista dalla domanda del corrispondente ANSA da Berlino Est, Riccardo Ehrman, su quando le nuove misure sarebbero entrate in vigore.

Per accontentare i nostri alleati, è stata presa la decisione di aprire i posti di blocco.
[...] Se sono stato informato correttamente quest'ordine diventa efficace immediatamente.

Erano le 18:53 del 9 novembre 1989. Nella notte migliaia di berlinesi si affollarono i checkpoint chiedendo di poter entrare a Berlino Ovest.
L'onda della libertà si era messa in moto e non sarebbe più stato possibile fermarla.

L'Europa vista da Berlusconi 24.02.11

Il Belgio deve morire 09.05.10

Il Belgio è oggi lo specchio più drammatico della situazione sociale e politica in cui versa l'Europa.
Diviso, insicuro, terrorizzato dal futuro, paralizzato da interessi egoisti, incapace di confrontarsi con se stesso e i suoi cittadini, ostaggio di formazioni xenofobe e anti europeiste. Debole.

Un paese senza più speranza e che ha barattato ogni ideale di unità e rinascita per rifugiarsi nell'effimera sicurezza dell'identità linguistica.
Una spinta alla balcanizzazione, quella del Belgio, che in un mondo governato da un'economia senza confini presenta un solo finale. La morte.

I'm Flemish, not Belgian. There's no loyalty to a country called Belgium. There has never been a country that has lasted so long in conditions like this.

C'erano proprio tutti sotto quel muro 09.11.09

Nicolas Sarkozy mentre martella il muro di Berlino

La storia di Sarkozy che il 9 novembre 1989 era lì sotto ad abbattere il muro di Berlino o forse no.

La foto proviene dal profilo Facebook del presidente francese.

Effetto domino 09.11.09

La caduta del Muro di Berlino celebrata con uno spettacolare effetto domino.

Il muro di Berlino, vent'anni dopo 08.11.09

Il muro di Berlino e la Porta di Brandeburgo 1989 - 2009

Lo splendido speciale del New York Times sulla caduta del muro di Berlino e la riunificazione europea.

© 2017 Tiziano Caviglia. Anno XVI. Powered by Rhadamanth. Cookie policy. Abbracciamo HTML5 e il responsive webdesign.