25 anni di web 23.08.16

25 cose da sapere sul web nel 25° anniversario della sua apertura al mondo.

1 The importance of "permissionless innovation"
The thing that is most extraordinary about the internet is the way it enables permissionless innovation. This stems from two epoch-making design decisions made by its creators in the early 1970s: that there would be no central ownership or control; and that the network would not be optimised for any particular application: all it would do is take in data-packets from an application at one end, and do its best to deliver those packets to their destination.

It was entirely agnostic about the contents of those packets. If you had an idea for an application that could be realised using data-packets (and were smart enough to write the necessary software) then the network would do it for you with no questions asked. This had the effect of dramatically lowering the bar for innovation, and it resulted in an explosion of creativity.

What the designers of the internet created, in effect, was a global machine for springing surprises. The web was the first really big surprise and it came from an individual – Tim Berners-Lee – who, with a small group of helpers, wrote the necessary software and designed the protocols needed to implement the idea. And then he launched it on the world by putting it on the Cern internet server in 1991, without having to ask anybody's permission.

Essere hacker nei primi anni '80 15.04.16

Paleofuture racconta la storia dei primi hacker adolescenti della storia ritrovandoli oggi a distanza di 30 anni.

The Inner Circle was a motley group of about 15 hackers, almost all teenagers, from Southern California, Detroit, New York, and roughly five other regions of the US. Bill, Chris, and other members of their collective had been accessing all kinds of networks, from GTE’s Telemail—which hosted email for companies like Coca-Cola, Raytheon, Citibank, and NASA—to the Arpanet, which was largely used by university researchers and military personnel until Milnet was completed in the mid-1980s. Chris was fond of boasting on message boards about hacking the Pentagon. The Inner Circle wasn’t the only teen hacking group of the early 1980s, but their interference with both government networks and the email accounts of large corporations put them on the FBI’s radar. Along with the 414s, a group busted around the same time, the raids made national headlines. The Inner Circle’s actions would inspire a complete overhaul in how computer crime was prosecuted, through the introduction of the country’s first anti-hacking laws in 1984.

I profitti dei giganti di internet in tempo reale 05.02.16

I profitti dei giganti di internet in tempo reale

Un live ticker per seguire in tempo reale e a colpo d'occhio profitti e fatturati dei giganti di internet.

L'Aquila di Zuckerberg 31.07.15

Il primo prototipo di drone a energia solare con un'apertura alare paragonabile a quella di un Boeing 737, sviluppato da Internet.org per connettere a internet via laser aree in via di sviluppo sprovviste di infrastrutture di rete, è pronto a prendere il volo.

Umberto Eco non vi ha dato degli imbecilli (almeno non a tutti voi) 11.06.15

I social media danno diritto di parola a legioni di imbecilli che prima parlavano solo al bar dopo un bicchiere di vino, senza danneggiare la collettività. Venivano subito messi a tacere, mentre ora hanno lo stesso diritto di parola di un Premio Nobel. È l'invasione degli imbecilli.

L'indignazione portata al parossismo è parte del problema indicato da Umberto Eco durante la sua lectio magistralis e l'ennesima sterile polemica sull'elitismo degli intellettuali, nata dalla superficialità e dall'incapacità cronica della comprensione di un testo, non fa che corroborare la sua tesi.

Se avete mai frequentato per sbaglio forum di complottisti o avuto contatti con account di leghisti e anti-vaccini saprete di cosa sta parlando.

La tv aveva promosso lo scemo del villaggio rispetto al quale lo spettatore si sentiva superiore. Il dramma di internet è che ha promosso lo scemo del villaggio a portatore di verità.

Navigare su internet come Richard Stallman 20.05.15

Probabilmente nessuno naviga su internet come fa Richard Stallman, pioniere del software libero e del copyleft. Le sue priorità in materia di etica, privacy e sicurezza sono uniche. O quasi.

I am careful in how I use the Internet.

I generally do not connect to web sites from my own machine, aside from a few sites I have some special relationship with. I usually fetch web pages from other sites by sending mail to a program (see git://git.gnu.org/womb/hacks.git) that fetches them, much like wget, and then mails them back to me. Then I look at them using a web browser, unless it is easy to see the text in the HTML page directly. I usually try lynx first, then a graphical browser if the page needs it (using konqueror, which won't fetch from other sites in such a situation).

I occasionally also browse using IceCat via Tor. I think that is enough to prevent my browsing from being connected with me, since I don't identify myself to the sites I visit.

I never pay for anything on the Web. Anything on the net that requires payment, I don't do. (I made an exception for the fees for the stallman.org domain, since that is connected with me anyway.)

I would not mind paying for a copy of an e-book or music recording on the Internet if I could do so anonymously, and it were ethical in other ways (no DRM or EULA). But that option almost never exists. I keep looking for ways to make it happen.

Portare internet su un Macintosh Plus 22.03.15

Jeff Keacher è riuscito ad aggiornare un Macintosh Plus del 1986 per navigare sul web. Un'esperienza lenta ed emozionante.

Reviving an old computer is like restoring a classic car: There's a thrill from bringing the ancient into the modern world. So it was with my first "real" computer, my Mac Plus, when I decided to bring it forward three decades and introduce it to the modern Web.

It's a lowly machine, my Mac. The specs pale in comparison to even my Kindle: 8 MHz CPU, 4 MB RAM, 50 MB hard drive, and 512 x 384 pixel black-and-white screen. My current desktop PC is on the order of 200,000 times faster--not even including the GPU. Still, that Mac Plus was where I cut my computing teeth as a child. It introduced me to C, hard drives, modems, and the Internet.

Yes, in a certain sense, my Mac has already been on the Internet, first via BBSes and later via Lynx through a dial-up shell sessions. (There's nothing quite like erotic literature at 2400 bps when you're 13 years old.) What it never did was run a TCP/IP stack of its own. It was always just a dumb terminal on the 'net, never a full-fledged member.

30 anni di .com 16.03.15

Il dominio di primo livello che forse più di ogni altro è stato sinonimo stesso di internet ha compiuto 30 anni.

La prima foto che ha fatto la storia del web 19.02.15

Les Horribles Cernettes

È impossibile stabilire con certezza quale sia stata la prima foto pubblicata su internet, ma possiamo raccontare con certezza la storia della prima foto che ha cambiato internet.

C'entrano il CERN, Tim Berners-Lee, Silvano de Gennaro, una Canon EOS 650, la seconda versione di Photoshop e una band pronta a esibirsi all'Hadronic Music Festival.

Les Horribles Cernettes, a particle physics parody pop band led by Michele de Gennaro, a 3D graphics artist at CERN. The photo part was taken backstage at the 1992 Hadronic Music Festival by Silvano de Gennaro, Michele's then-boyfriend and an IT developer at CERN, with a Canon EOS 650. He later tricked out the image with those pink Cernettes graphics on the very first version of Photoshop. The comedic, nerd-girl, doo-wop band was a bit of an inside joke at the time. So de Gennaro never expected his janky album cover to change the world.

[...] De Gennaro took that Cernettes photo on July 18, 1992. That was around the same time that Berners-Lee was developing software that would enable the web to handle GIF images. Apparently, Berners-Lee was just bumming around the office, working on his web project, when he asked Silvio de Gennaro, who sat nearby, for a few scanned photos that he could upload.

You might expect that the first photo on the web would've something historical, maybe a picture taken by a famous photographer. But instead, de Gennaro handed off that album cover he'd done for the Cernettes. Tim Berners-Lee was a fan of the band, so when it came time to upload the first photo to the web, the Cernettes got the honor of being the first photo on the web.

Un web più veloce 18.02.15

L'Internet Engineering Task Force sta per finalizzare la definizione di HTTP/2. Si tratta del più importante passo avanti da 16 anni di HTTP, il protocollo usato come principale sistema per la trasmissione d'informazioni sul web.

HTTP/2 is a very overdue upgrade to Hypertext Transfer Protocol, the basic protocol that handles connections between a web server and your browser. The original development of HTTP happened way back when Tim Berners Lee first imagined his World Wide Web project in the late 1980s. However the version of the protocol we currently use, HTTP/1.1, was officially introduced in 1999. Needless to say, the web has changed quite a bit in the past 15 years.

HTTP/2, like any good upgrade, will address some issues with the previous version, and as a result, your web browser will load pages more quickly.

20 cose che sono successe su internet nel 2014 13.01.15

20 cose che sono successe su internet nel 2014

20 meme che nel 2014 hanno tenuto occupata internet, raccolti in un poster di Andrew Rae.

I siti più popolari dal 1996 a oggi 17.12.14

Il Washington post ha pubblicato le classifiche anno per anno dei 20 siti web più popolari dal 1996 al 2013. C'è chi è invecchiato bene, chi è diventato padrone del mondo e chi si è trasformato in materia per archeologi digitali.

Il piano del presidente Obama sulla net neutrality 10.11.14

La visione del presidente Obama sulla neutralità della rete per chiedere alla Federal Communications Commission (FCC), l'agenzia federale che regola il settore delle comunicazioni negli Stati Uniti, di proteggere il web da derive che porterebbero ad avere una rete a più velocità.

More than any other invention of our time, the Internet has unlocked possibilities we could just barely imagine a generation ago. And here's a big reason we've seen such incredible growth and innovation: Most Internet providers have treated Internet traffic equally. That's a principle known as "net neutrality" -- and it says that an entrepreneur's fledgling company should have the same chance to succeed as established corporations, and that access to a high school student's blog shouldn't be unfairly slowed down to make way for advertisers with more money.

Una mappa di internet 31.08.14

La mappa di internet

Shodan, un motore di ricerca che analizza il traffico web per localizzare dispositivi connessi a internet, ha pubblicato una mappa che mostra la distribuzione mondiale di tutti i device collegati a internet.

Heartbleed: niente panico, ok panico 10.04.14

Heartbleed è la falla che da due anni mina l'integrità dei dati sensibili archiviati da oltre due terzi dei siti web mondiali. La vulnerabilità minaccia tutti quei sistemi e servizi che si appoggiano a OpenSSL, colpendo le versioni dalla 1.0.1 alla 1.0.1f.
OpenSSL è una implementazione open source di SSL e TSL, i protocolli addetti alla sicurezza delle comunicazioni e transazioni su internet. Per gli utenti indicato con il lucchetto che compare di fianco agli indirizzi web sul vostro browser.

I motivi per disperarsi sono molti,

Heartbleed is a bug in OpenSSL’s implementation of a small part of the T.L.S. protocol, called the heartbeat extension. A "heartbeat," in this context, is like the "beep... beep…" of a hospital heart monitor: a quick way to check that the other end of a secure connection is still there. One side sends the other side a small piece of data, up to sixty-five kilobytes long, along with a number indicating the size of the data that has been sent. The other side is supposed to send back the exact same piece of data to confirm that the connection is still active. Unfortunately, in OpenSSL the replying side looks at the stated size of the data rather than at the actual size, and it always sends back the amount of data that the request asked for, no matter how much was sent. This means that if the stated amount of data is less than the amount actually provided, the response contains the data that was sent plus however much additional data, drawn from the contents of the computer's system memory, is required to match the amount requested.

Here is why this is so bad: the heartbeat response can contain up to sixty-four kilobytes of whatever data happens to be in the server's random access memory at the moment the request arrives. There is no way to predict what that memory will contain, but system memory routinely contains login names, passwords, secure certificates, and access tokens of all kinds. System memory is temporary: it is erased when a computer is shut down, and the data it holds is written and overwritten all the time. It is generally regarded as safe to load things like cryptographic keys or unencrypted passwords into system memory--indeed, there is little a computer can usefully do without temporarily storing pieces of sensitive data in its system memory. The Heartbleed bug allows an attacker to "bleed" out random drops of this memory simply by asking for it. Heartbeat requests aren't usually logged or monitored in any way, so an attack leaves no trace. It's not even possible to distinguish malicious heartbeat requests from authentic requests without close analysis. So an attacker can request new pieces of system memory over and over again; it's almost impossible for the victim to know they've been targeted, let alone to know what data might have been stolen.

Among the items that can be found in a server's system memory are the keys to cryptographically secured connections and the certificates that allow servers to prove they are what they claim to be. An attacker who steals cryptographic keys could use them to decode and read encrypted data that had previously been intercepted; an attacker who steals certificates could use them to mimic a secure site and to intercept communications. In other words, your browser could be tricked into thinking that it’s connected securely to your bank and instead be connected to an intermediary that can read all the data flowing back and forth.

Ma forse, se siamo fortunati, potrebbe risolversi solo con un gigantesco dopo sbornia per i sysadmin.

But before you panic, it is worth remembering that, at this point, we don't know how close we are to the worst-case scenario. It is possible, though improbable, that the security researchers who exposed this flaw were, in fact, the first people to find it, which would mean that it has only been known about, and exploited, for a few days. (It was found, independently, by a team of security researchers at Codenomicon and Neel Mehta, of Google Security.) At the same time the bug was announced, a new, secure version of OpenSSL was released, and updating most of the affected servers is a straightforward task. Major services like Google and Yahoo have already patched the vulnerability. Engineers did not need to stay up all night in a mad scramble to make repairs, but, as one system administrator told me, the nature of the bug made this something more than a routine update. "It's an update, a configuration change, and a notification to your users that there's no way to know if their data was stolen or not," he said. To be safe, identity certificates for servers and users must be revoked and then reissued. The fix, in other words, is both urgent and tedious, which is the worst kind of job for a programmer or system administrator.

La buona notizia è che la vulnerabilità è facilmente risolvibile.

Social media censurati 28.03.14

La mappa dei paesi che censurano i social media

Dalla Corea del Nord alla Turchia, Mother Jones presenta la mappa dei paesi che stanno censurando i social media.

La storia dei gatti su internet per immagini 27.03.14

Il gatto Maru

Mashable racconta la nascita e l'ossessione di internet per i gatti. Dall'ASCII art di Giko nel 1998 alle imprese di Maru, passando per gli sketch di Simon's Cat, le GIF animate, le spose che lanciano gatti e bonsai kitten.

Non mi aspettavo i gattini 12.03.14

L'intervista degli utenti di Reddit a Tim Berners-Lee nel 25esimo anniversario della nascita del World Wide Web.

Tim, What other names did you consider other than the world wide web?

Mine of Information, The Information Mine, The Mesh None had quite the right ring. I liked WWW partly because I could start global variable names with a W and not have them clash with other peoples' (in a C world) ...in fact I used HT for them)

L'Europa del roaming 11.09.13

Il piano della Commissione Europea per avvicinare l'Europa entro il 2014 e rilanciare lo sviluppo di un mercato comune delle telecomunicazioni e dei servizi internet, estendendo i diritti degli utenti e impegnandosi nel difendere il principio della neutralità della rete.

In sostanza, il piano propone una singola autorizzazione per poter operare nel settore delle tlc nei 28 stati dell'unione (invece di 28 autorizzazioni), con una ulteriore armonizzazione delle regole per l'accesso alle reti di società concorrenti. Per quanto riguarda il roaming, Bruxelles propone invece di eliminarne i costi per gli utenti a partire dal primo luglio del 2014 all'interno dell'Unione Europea. Le società avrebbero due possibilità: offrire un unico piano tariffario valido in tutta l'Unione, oppure consentire ai loro clienti di poter optare per un fornitore di roaming che offra tariffe più convenienti.

Per le telefonate tra gli stati europei, Bruxelles propone di eliminare i costi aggiuntivi. In tal modo una telefonata costerebbe con una chiamata domestica a lunga distanza e comunque a un prezzo non superiore a 0,19 euro (più iva) al minuto. Su internet, la Commissione intende vietare il blocco e la limitazione di contenuti dando la possibilità agli utenti di un accesso a internet completo e aperto a prescindere dal costo o dalla velocità del loro abbonamento. Sul fronte dei diritti dei consumatori, la Commissione propone la stesura di contratti con linguaggio più semplice e con la possibilità di maggiore comparazione e di avere contratti di lunga limitata anche a 12 mesi. Infine, sul fronte della concorrenza tra operatori, la Commissione propone nel piano che le tariffe di accesso alla rete banda larga vengano stabilite dal mercato e non dalle autorità di regolamentazione nazionali.

Cosa succede su internet in 60 secondi 30.07.13

Cosa succede su internet in 60 secondi in infografica

Per darci un'idea di quanto è grande e veloce internet Qmee ha realizzato un'infografica che analizza le attività online svolte ogni 60 secondi.

20 anni di web per il resto di noi 30.04.13

In occasione del ventennale della nascita del world wide web libero, geniale intuizione di Tim Berners-Lee, il CERN ha restaurato la sua originale homepage.

Internet in un poster 11.04.13

Internet meme poster

I meme degli ultimi 15 anni di internet raccolti in un unico poster da Caldwell Tanner.

Il più grande attacco di sempre a internet non è vero 28.03.13

L'attacco DDoS tra Cyberbunker - l'host olandese noto per ospitare numerosi siti di spam - e il gruppo anti-spam Spamhaus ha avuto effetti nulli sull'ecosistema internet.
Gizmodo racconta l'ubriacatura dei media riguardo l'improbabile crollo dell'intera rete descritta con paragoni apocalittici.

"[Gli attacchi DDoS] Sono bombe atomiche digitali", diche Matthew Prince di Cloudflare: "Possono causare facilmente danni incredibili". Come ad esempio il crollo di tutta la Rete. Uno scenario un tempo da romanzo fantascientifico. E oggi così vicino alla realtà.

Ogni minuto su internet 20.03.13

Cosa succede su internet in un minuti in infografica

Il traffico internet generato in un solo minuto in infografica. Si spende molto tempo sui social network.

19 gradi di separazione 18.02.13

Il fisico Albert-László Barabási ha calcolato che ogni pagina su internet è separata da un'altra da non più di 19 link.
Il totale delle pagine attualmente presenti su internet supera i 14 miliardi.

Il primo banner di internet 14.02.13

Il primo banner di internet

Il primo banner di internet fu realizzato da Joe McCambley, co-fondatore di The Wonderfactory, per una campagna pubblicitaria di AT&T sul sito HotWired.com nell'ottobre del 1994.

Il giorno in cui Facebook ha oscurato internet 08.02.13

Screenshot di una pagina di errore su Facebook

A causa di un bug di Facebook Connect questa notte metà dei siti internet del pianeta, per pochi minuti, sono stati rediretti a una pagina di errore su Facebook.

For a short period of time, there was a bug that redirected people logging in with Facebook from third party sites. The issue was quickly resolved and Login with Facebook is now working as usual.

20 cose che sono successe su internet nel 2012 01.02.13

20 cose che sono successe su internet nel 2012

20 meme che nel 2012 hanno invaso internet raccolti in un poster di Sébastien Feraut.

La regina Elisabetta II inviava email nel 1976 26.12.12

La regina Elisabetta II su Arpanet

Il 26 marzo 1976 la regina Elisabetta II inviò la sua prima email attraverso Arpanet, la rete di computer progenitrice di internet, dal centro di ricerca del Royal Signals and Radar Establishment della RAF a Malvern.
L'account della regina, HME2, fu configurato da Peter Kirstein, pioniere della rete nel Regno Unito.

L'Europa a banda larga 18.12.12

Neelie Kroes, commissario per l'agenda digitale della Commissione Europea, ha annunciato che il 72% delle abitazioni dell'Unione sono connesse a internet in banda larga.

Europe on average has come a very long way in broadband penetration. Whereas in 2006 only 30% of the population had broadband access, now that figure is at 72%. Some countries like Denmark and Finland are now at 85% and significantly no country is at less than 50% penetration.

Internet nella Corea del Nord 11.12.12

La BBC racconta la realtà di internet nel paese dove la censura è parte integrante della vita di ogni cittadino.

During his leadership, Kim Jong-il would parade hundreds of tanks through the streets to show himself as a "military genius".

Many observers say that his son, Kim Jong-un, must in contrast show himself to have an astute technological mind, bringing hi-tech enhancements to the lives of his citizens.

But each step on this path brings the people of North Korea something they've not had before - honest information, which can have a devastating effect on secretive nations.

"I don't see an open door towards an Arab Spring coming that way any time soon," Mr Bruce says.

"But I do think that people are now expecting to have access to this technology - and that creates an environment of personal expectation that cannot be easily rolled back."

Il Parlamento Europeo a favore della neutralità della rete 27.11.12

I rappresentati di Bruxelles hanno votato e approvato una risoluzione, proposta dall'europarlamentare olandese Marietje Schaake, per rimarcare che l'International Telecommunication Union o altre istituzioni internazionali non rappresentano l'organismo appropriato per sostenere una autorità regolatoria su internet.
Nelle prossime settimane i rappresentanti dell'ONU discuteranno a Dubai la proposta di un passaggio dei poteri di controllo, gestione e regolamentazione da ICANN all'ITU e ad altre organizzazioni non indipendenti, con evidenti rischi di censura per la libertà di espressione e la libera circolazione delle informazioni in rete.

Come funziona internet nello spazio 11.11.12

La NASA e l'ESA hanno testato con successo un nuovo tipo di protocollo internet, spina dorsale di un futuro web interplanetario, telecomando dalla Stazione Spaziale Internazionale un robot Lego sulla Terra. Ecco come funziona:

In a nutshell -- we'll get down and dirty with the tech lower in the piece -- DTN allows a standard method of communication over long distances and through time delays, agency officials said. Its centering tech is similar to the IP protocol (that is the TCP/IP protocol) that is the building block of the Internet we use on Earth. That's called the Bundle Protocol (BP).

The big difference between BP and IP is that, while IP assumes a more or less smooth pathway for packets going from start to end point, BP allows for disconnections, glitches and other problems you see commonly in deep space, Younes said. Basically, a BP network -- the one that will the Interplanetary Internet possible -- moves data packets in bursts from node to node, so that it can check when the next node is available or up.

Lo stato del web 06.09.12

Lo stato del web

Web Index è l'indice, realizzato dalla World Wide Web Foundation, per misurare l'impatto economico, politico, sociale e di internet in tutto il mondo. Il sito valuta anche la qualità delle infrastrutture di rete e combina questi dati con altri indicatori per classificare lo stato del web in ogni paese.

The Web Index compiles country-level data pertaining to three general spheres: web usage, readiness, and human impact. Usage is measured by the percentage of web users within a given country, as well as the content available to them. Web readiness is determined according to a country's communications infrastructure, regulatory climate, and censorship policies. Human impact, meanwhile, is gauged according to a variety of economic, political, and social indicators, including the penetration of social networks and business web usage.

La mappa navigabile di internet 31.07.12

The Internet Map

Ruslan Enikeev ha creato una mappa navigabile che mostra i 350.000 maggiori siti web del mondo in base al loro traffico e alla link popularity.

Il World IPv6 Day 05.06.12

Vint Cerf racconta la prossima rivoluzione di internet.
Facebook, Google, Bing, Yahoo!, i principali Internet Service Provider, a partire da mezzanotte del 6 giugno eseguiranno la migrazione permanente al protocollo IPv6, assicurando 340 trilioni di trilioni di trilioni di indirizzi IP e consentendo di connettere permanentemente miliardi di persone e dispositivi online negli anni a venire.

Internet prima di Facebook 18.05.12

Facebook è stato lanciato nel 2004, ma com'era internet appena 8 anni fa?
L'Atlantic racconta un web pre social network molto diverso da oggi.

Back in 2004,
- the web had some 50 million sites. (Today, it has more than 600 million.) 
- the most popular brand on the World Wide Web was Microsoft's MSN.
- Google was the fifth most popular brand on the World Wide Web, ranking below Yahoo and AOL.
- people still talked about the "World Wide Web."
- "blog" -- defined as "a Web site that contains an online personal journal with reflections, comments and often hyperlinks" -- was chosen as Merriam-Webster's word of the year.
- Britney Spears was Google's most popular search query -- followed by Paris Hilton, Christina Aguilera, and Pamela Anderson. (Yes! Pamela Anderson!)
- Janet Jackson's Super Bowl wardrobe malfunction was the most searched term to date on Lycos.
- people still used Lycos. 
- The Howard Dean campaign was pioneering grassroots organizing and fundraising on the Internet.
Time magazine was recommending Friendster.com as one of the best websites of the year.
the BBC was recommending Encyclopedia.com as one of the web's "most useful websites." (Wikipedia launched in early 2001.) 
- trojan viruses were a pernicious problem.
- Mapquest was the Internet's third most-searched brand name.
- MySpace, having launched in January 2003, hoped to become the web's dominant social network. (Which it was for a while, if you recall.)
- Friendster, launched in 2002, hoped to become the same. (Which it did not.)
- The brand-new photo-sharing site Flickr boasted about its "outrageously simple" drag-and-drop capabilities. ("Post to your weblog!")
- you could still ask questions of Jeeves.
- "Wallpaper' ranked number one on Google's list of most searched-for "tech stuff."
- Kazaa ranked number two.

Il 2011 su internet in un'immagine 24.01.12

Tutti i meme su internet nel 2011 in un'immagine.

La grande migrazione verso IPv6 18.01.12

Facebook, Google, Bing e Yahoo!, tra gli altri, prevedono di completare la migrazione a IPv6, la nuova generazione del protocollo internet, entro il 6 giugno 2012.

Nella vita reale 09.01.12

Alexandra Samuel ci invita a riflettere su quanto sia diventato sfumato e labile il confine tra mondo virtuale e vita reale. E su quanto possiamo guadagnare dal considerare reale la nostra presenza su internet.
L'internet delle cose ha abbattuto l'ultimo muro e usare l'acronimo IRL (in the real life, nella vita reale) appare ormai anacronistico quanto considerare virtuale una conversazione telefonica o un rapporto epistolare.

Internet non è un diritto 06.01.12

La condivisibile tesi di Vint Cerf.

La tecnologia può favorire i diritti, ma non è un diritto essa stessa.

Perché non serve un ministro di internet 16.11.11

Scrive il Corriere della Sera,

Mentre si consumano le consultazioni per il nuovo governo Monti sembra lecito lanciare un seme per il futuro dell'Italia e della crescita del Pil, la cui debolezza è il vero cancro del bilancio pubblico, dell'occupazione e della speranza: anche se la bulimia dei prodotti tecnologici a cui ci ha abituati il consumismo 2.0 ci trasmette l'idea di un settore più che altro merceologico, l'economia digitale ha ormai uno status nobile di cui vale la pena interessarsi. Secondo le più recenti analisi di McKinsey l’industria del web in Italia rappresenta ormai il 2% del Pil, cioè oltre 30 miliardi di euro, e per Marc Vos, managing director di Boston Consulting Group, si stima un solido 4% entro il 2015. Poco? Oggi l'Agricoltura – che ha un proprio ministero – rappresenta il 2,63% del Pil (dati Istat). E dunque è probabile che nella prossima legislatura avvenga il sorpasso: più Internet, meno cabernet, rielaborando un vecchio e famoso graffito popolare.

Perché allora non iniziare a pensare a un ministro di Internet, anche senza portafoglio? In vista delle prossime elezioni potrebbe essere una bella provocazione. Se verranno rispettate le condizioni migliori prospettate dal rapporto Bcg tra il 2009 e il 2015 il tasso di crescita del settore in Italia potrebbe essere del 18% annuo.

E' un'idea tanto stupida quanto la proposta di un nobel a internet.
Internet non è un industria. E' una piattaforma neutra, transnazionale e indipendente. E' un insieme di protocolli e infrastrutture che veicola un'universalità di prodotti e servizi non omogenei o obbligatoriamente a scopo di lucro.
Internet non è nemmeno un settore economico come invece lo è l'esempio portato a sproposito dell'agricoltura. Semmai è un metamedium che indirettamente permette a settori non complementari pubblici e privati di agire come potenziali competitor mondiali senza il bisogno di creare necessariamente reti di distribuzione capillari.

Dovrebbe essere inutile ricordare che sia il sostegno alle start up - che agiscano su internet, in tv, alla radio o con reti di distribuzione fisiche - sia lo sviluppo delle linee guida per le infrastrutture di rete sono già materia per il ministro dello Sviluppo Economico. Mentre l'eventuale grado di neutralità della rete viene garantito a livello internazionale da un insieme di attori non soltanto politici.

La crescita non si risolve proponendo di mettere in piedi l'ennesimo carrozzone ministeriale. Nel paese si tornerà a parlare di sviluppo quando serietà e competenza incideranno più di demagogia e pressapochezza.

All'Italia non serve un ministro di internet semmai una maggiore conoscenza della stessa, che si risolve con un corso di due ore settimanali in reti informatiche. E sì da introdurre anche al liceo classico.

La contesa dei trailer 10.11.11

Tra i tanti problemi della SIAE uno è quello di riconoscere i passi falsi solo a cose fatte e a volte neanche allora. E questo è uno di quei casi.
La Società Italiana degli Autori e degli Editori fa una parziale marcia indietro, ma pur sempre ipocrita e insufficiente, sulla cosiddetta tassa sui trailer, distinguendo in maniera più dettagliata chi ne sia soggetto e chi no.

La tassa sui trailer online 27.10.11

Secondo la SIAE i siti che pubblicano regolarmente trailer cinematografici dovrebbero pagare un licenza mensile di 450 euro per continuare a farlo legalmente e comunque mai in numero superiore ai 30 al mese.
La pazzesca vicenda è raccontata dal Corriere della Fantascienza.

Come mai questa cosa salta fuori adesso? Pare che tutto nasca da un accordo tra Agis e SIAE firmato all'inizio dell'anno, in cui Agis avrebbe messo sul piatto di una bilancia più complessa anche la concessione che i siti delle sale cinematografiche pagassero per poter pubblicare i trailer. La cosa però veniva evidentemente redatta in modo abbastanza generico da renderla allargabile a ogni tipo di sito web. Del resto sulla base di quale principio un sito di una sala cinematografica sarebbe obbligato a pagare qualcosa che un sito di tipo diverso pubblica gratis? Ora a quanto sembra la SIAE ha deciso che l'interpretazione corretta della norma è quella di chiedere soldi a tutti. E ci ha telefonato intimandoci di sottoscrivere una licenza, minacciandoci di chiudere il sito e definendoci "illegali".

Non tanto per le minacce - siamo pur sempre una testata giornalistica registrata in tribunale, farci chiudere non è poi così facile - quanto per l'assurdità della richiesta, abbiamo deciso di chiudere completamente il reparto video. Soldi da noi con richieste che - dal nostro punto di vista - sono del tutto ingiustificabili non ne avranno.
Sappiamo di altri siti che stanno prendendo misure analoghe. Plausibilmente molti seguiranno, se la SIAE non affronterà la faccenda. Alla fine i trailer cinematografici saranno visibili solo su siti stranieri. Questo non piacerà molto, probabilmente, all'AGIS e alle agenzie di promozione dei film.

Ora è possibile che alla cara anacronistica SIAE abbiano preso troppo alla lettera quel siate folli citato dal compianto Steve.

Google, Europa 24.10.11

Dopo l'esperienza di Topeka, Google potrebbe continuare la sperimentazione della sua rete in fibra ottica a 1 Gbps nell'Unione Europea.

Le regole della net neutrality 25.09.11

La FCC ha pubblicato ufficialmente le regole per la neutralità della rete.
Dal 20 novembre la Federal Communications Commission avrà potere sanzionatorio sui provider americani di rete fissa che mettano in atto pratiche scorrette e discriminanti verso servizi e applicazioni web.

The Commission adopts three basic protections that are grounded in broadly accepted Internet norms, as well as our own prior decisions.

First, transparency: fixed and mobile broadband providers must disclose the network management practices, performance characteristics, and commercial terms of their broadband services.
Second, no blocking: fixed broadband providers may not block lawful content, applications, services, or non-harmful devices; mobile broadband providers may not block lawful websites, or block applications that compete with their voice or video telephony services.
Third, no unreasonable discrimination: fixed broadband providers may not unreasonably discriminate in transmitting lawful network traffic.

Internet nel 1995 24.08.11

Il servizio su MTV è illuminante.

Il primo sito web della storia 06.08.11

Screenshot di World Wide Web

Venti anni fa Tim Berners-Lee pubblicava il primo sito web accessibile attraverso il protocollo HTTP e con indirizzo www.
Una rivoluzione che ha radicalmente cambiato il rapporto con l'informazione.

Solo un italiano su due naviga su internet 13.07.11

Sarebbe stato un titolo più corretto per descrivere il Nono Rapporto del Censis-Ucsi sulla comunicazione in Italia.
La buona notizia è quell'87,4% di giovani che vive il web come uno strumento basico di comunicazione e informazione.

Come AGCOM controllerà internet 06.07.11

Le anticipazioni di Alessandro Longo sul caso AGCOM.

Dopo aver parlato con i due commissari relatori, posso anticipare i contenuti della nuova delibera. Si può dire che si ammorbidisce il rischio censura del web, ma resta la grossa novità che Agcom interverrà direttamente sui singoli contenuti del web ritenuti illeciti, senza passare dalla magistratura. Rinuncia però a oscurare i siti. Il tutto sarà comunque sottoposto a consultazione pubblica per 60 giorni.

[...] I pericoli adesso restano due. C’è una forte responsabilità a carico dei provider (per via degli avvisi), che potrebbero oscurare lo stesso il sito per evitare che poi la magistratura li consideri corresponsabili della violazione del copyright. Agcom inoltre intende mandare una segnalazione al governo, dai contenuti ancora non definiti; una delle possibilità è che chieda nuovi strumenti per agire contro i siti esteri.

La diretta della notte della rete 05.07.11

La diretta contro il bavaglio dell'AGCOM sulla internet su Il Fatto Quotidiano.

La notte della rete 04.07.11

Domani dalle 17:30 alle 21 alla Domus Talenti a Roma si manifesterà contro la decisione di consegnare all'AGCOM le chiavi di internet, facendo sì che l'autorità per le comunicazione decida in via esclusiva quali siti web potranno essere visti e quali dovranno essere censurati per violazioni di copyright.

Le mani di AGCOM sulla rete 29.06.11

Prende il nome di "tutela del diritto d'autore sulle reti di comunicazione elettronica", la raccomandazione di AGCOM - l'Autorità per le Garanzie nelle Comunicazioni - presentata al Parlamento che ha come scopo primario quello di imbavagliare internet con la scusa della difesa della proprietà intellettuale.

La solita minestrina riscaldata servita con regolarità ogni anno.
Una voglia di censura che puzza di incompetenza e malafede.

Il giorno di IPv6 08.06.11

Come annunciato a inizio anno oggi i principali protagonisti del web al mondo - tra i quali Google, Microsoft, Facebook, Cisco e Yahoo - testeranno il grado di preparazione delle infrastrutture al graduale passaggio dall'attuale protocollo internet IPv4 a IPv6.

Il nuovo protocollo semplifica la configurazione e la gestione delle reti IP e amplia lo spazio di indirizzamento da 32 a 128 bit, il che consentirà a device di ogni genere di avere il loro indirizzo IP permanente mettendo a disposizione 3,4x10ˆ38 indirizzi anziché i soli 4 miliardi attuali ormai agli sgoccioli.

Il G8 di internet 25.05.11

Il vertice - che anticipa il G8 di Deauville - sulla governance di internet, fortemente voluto dal presidente francese Sarkozy, si è rivelato come da previsioni inconcludente e sconclusionato.
Una imbarazzante mossa propagandistica che ricorda nella sua completa demenzialità e inutilità la boutade del premio Nobel alla rete.

La censura su misura 16.05.11

L'autorità turca per le telecomunicazioni ha messo a punto un sistema per filtrare contenuti e ricerche su internet basato su quattro livelli. Si va dalla censura più bieca a sfumature meno repressive. Il tutto scelto a pagamento dall'utente al momento della stipula del contratto.
Il provvedimento entrerà in vigore il 22 agosto.

Centinaia di migliaia di cittadini turchi si stanno mobilitando per preservare la neutralità della rete.

Il secondo Pulitzer a ProPublica 18.04.11

La Columbia University ha assegnato venti, dei ventuno premi Pulitzer.
L'ambito riconoscimento premia il lavoro di giornalisti e fotoreporter distintisi in vari settori dell'informazione e nella documentazione audiovisiva dei principali avvenimenti dell'anno, autori di testi di narrativa e non, storici, drammaturghi e compositori. In venti di queste categorie ogni vincitore riceve un certificato e una ricompensa in contanti di 10.000 dollari. Il vincitore nella categoria di pubblico servizio nel giornalismo riceve una medaglia d'oro che va sempre al giornale.

Per il secondo anno consecutivo ProPublica, l'agenzia informativa su internet, porta a casa l'ambito premio.

Il prodotto sei tu (ovvero come parlare della rete in tv in Italia) 11.04.11

Le pesanti e malevole critiche che si leggono oggi riguardo puntata divulgativa di Report su internet e i social network sono in gran parte prive di fondamento.

L'approfondimento ultra tecnico, tanto agognato dalle masse dei commentatori compulsivi, si infrange contro lo scoglio dell'ignoranza, l'incapacità di compredere il mezzo televisivo e l'ingenua tentazione di pendere dalle labbra dell'ottima Gabanelli.
In un paese in cui l'80% - mi tendo largo - dei suoi abitanti ha difficoltà a spiegarvi con parole semplici cosa siano una VPN, un browser o Flickr, il programma di ieri sera ha aiutato a gettare le basi per discutere un fenomeno che, per la sua complessità intrinseca, non può essere approfondito in una manciata di ore a meno di soprassedere a un'infinità di aspetti.

Questo è lo scopo di Report. Portare alla luce tematiche poco chiare della società e dell'attualità analizzandole a partire da esempi concreti e di facile comprensione per la massa.
Lo stesso accade quando la trasmissione si occupa di mafia, appalti o problemi energetici.

Tenete a mente che una trasmissione per soli addetti ai lavori si rivelerebbe un fiasco drammatico sia per quanto riguarda lo share sia per il rilevante aspetto della comprensione minima.
Per gli esperti esistono conferenze ad hoc, che con ogni probabilità saranno al di fuori della portata di oltre la metà - continuo a tenermi largo - dei commentatori infuriati odierni.
La televisione generalista ha banalmente altri target, senza che per forza questo debba passare per un demerito.

[18:00] La risposta di Milena Gabanelli.

Invece di potenziare la rete si limita la banda 05.04.11

La geniale trovata di operatori telefonici in crisi d'ossigeno, alle prese con l'esplosione del traffico internet in mobilità.

Esportare internet 26.03.11

Un decennio a discutere su come e se fosse giusto o meno esportare la democrazia per poi scoprire che bastava un blog, 140 caratteri e Facebook per sovvertire la stabilità di decenni di regimi impermeabili ad ogni riforma.

Intanto nel mondo là fuori i ribelli libici, grazie all'intervento delle Nazioni Unite e della NATO, avanzano riconquistando città e posizioni alle truppe lealiste del colonnello Gheddafi.
In Siria la protesta divampa, minacciando ora direttamente il regime baatista e portando con se la folle e feroce repressione di un terrorizzato Bashar al-Assad.

Il New York Times dietro il paywall 17.03.11

A partire dal 28 marzo, con qualche novità su quanto annunciato, la versione digitale del New York Times diventerà a pagamento (in Canada si inizia domani). Abbonamenti a partire da 15 dollari, per arrivare sino a 35.

I primi 20 articoli al mese saranno gratuiti, 25 per chi raggiungerà il sito da Google. Accesso illimitato per quegli articoli raggiunti tramite link pubblicati su blog e social network.

151 siti fotografici imperdibili 04.03.11

Sia che siate fotografi professionisti o semplici amatori non dovreste perdere i 151 siti web sulla segnalati da Pixiq.

La mente accresciuta 23.02.11

La mente accresciuta è l'ambiente cognitivo, attivo sia a livello personale sia collettivo, che le tecnologie intessono attorno a noi e dentro di noi, attraverso Internet in particolare e l'elettricità in generale. Funziona sia come memoria estesa sia come intelligenza di elaborazione per ogni individuo che usa tecnologie elettroniche, dal telegrafo, al "cloud computing", a Twitter. Unisce le persone invece di dividerle, come è successo con l'alfabeto, e tiene conto di qualsiasi quantità di voci singole all'interno di uno spazio di informazione fluido, definibile in base agli individui e alla comunità che lo abitano, seguendo i bisogni collettivi.

De Kerckhove, intervistato dalla Stampa, analizza l'evoluzione di internet e il legame cognitivo sviluppato dai nativi digitali.

La fine del deserto digitale 21.02.11

L'Africa abbraccia la rivoluzione internet tra cavi sottomarini e reti mobili.

Tous ces problèmes sont-ils insolubles? Si l'Internet fixe progresse difficilement, les réseaux de téléphonie 3G semblent pouvoir prendre le relais. Avec plus de 400 millions d'abonnements en 2010, l'Afrique utilise largement la téléphonie mobile. Et selon les dernières statistiques de l'IUT, 29 millions de personnes sont déjà abonnées à des services d'Internet à haut débit sur mobile en Afrique. Il n'y en avait que 7 millions en 2008... "Compte tenu du faible pouvoir d'achat de la majorité de la population, il est à prévoir que sous peu, l'essentiel du trafic Internet se fera à travers les réseaux mobiles plutôt qu'à travers les réseaux fixes", analyse le chercheur Boubakar Barry. Mais pour Jean-Louis Fullsack, si le mobile "constitue sans doute une 'chance' pour l'Afrique, (...) c'est une erreur de penser que cela signifie la fin du câble. Pour rendre accessibles les débits 3G aux utilisateurs, ce ne sont pas des réseaux radio, mais bel et bien de fibre optique qui sont nécessaires".

Quella non è satira 14.02.11

A Savona è stato sequestrato il sito della giornalista pubblicista Valeria Rossi in seguito ad un articolo da lei scritto in cui comparivano minacce di morte al premier. La titolare si difende invocando il diritto di satira.
Dovrebbe essere evidente a tutti che non basta scrivere "cara buona vecchia satira" su una tag per far passare qualunque stupidaggine venga pubblicata su internet.

Fatti salvi la buonafede della Rossi e forse l'eccessivo zelo di chi è preposto ad indagare, la vicenda non ha risvolti da censura di regime anche se a qualcuno fa comodo pensarlo.

Il concetto di responsabilità delle proprie azioni è un'arma a doppio taglio.
Sempre pronti a invocarlo per sottolineare gli eccessi degli avversari politici e così miopi a scorgerlo quando a sbagliare siamo noi.

Ripristinare internet con la forza 09.02.11

L'esercito degli Stati Uniti ha la capacità di ripristinare in ogni momento la connettività di aree tagliate fuori da internet, come nel recente caso avvenuto in Egitto.
Resta il problema politico di una simile azione. Lo stato che ha negato l'accesso alla rete potrebbe interpretare il suo ripristino come un'intollerabile ingerenza, un autentico atto di guerra.

Ricontrollare le fonti 31.01.11

Screenshot di Linkiesta

Parte oggi l'avventura di Linkiesta, il quotidiano senza carta.
Ottima iniziativa per un panorama informativo online sempre più ricco in Italia.

Poi l'occhio cade sul riquadro che elenca le letture della redazione e mi si alza più di un sopracciglio.

Cosa sta succedendo a internet in Egitto 28.01.11

Crolla il traffico internet in Egitto.
Mubarak ha deciso di usare il pugno duro contro le opposizioni bloccando direttamente gli ISP nel tentativo di limitare le comunicazioni tra i manifestanti in previsione della grande protesta in programma oggi dopo la preghiera del venerdì

What's different in this case as compared to other 'similar' cases is that all of the major ISP's seem to be almost completely offline. Whereas in other cases, social media sites such as facebook and twitter were typically blocked.  In this case the government seems to be taking a shotgun approach by ordering ISP's to stop routing all networks.

When looking at the data it's clear that many Egyptian networks have fallen off the Internet. Let's start by looking at a quick summary. Yesterday there were 2903 Egyptian networks, originated from 52  ISP's. Transit was provided via 45 unique isp's.
Today at 2am UTC, the numbers look quite different, there were only 327 Egyptian networks left on the Internet. These were originated 26 by ISP's.
So 88% of the Egyptian networks is unreachable!

Il paywall del New York Times 25.01.11

Ad un anno di distanza dall'annuncio l'edizione online del New York Times si appresta a passare a pagamento.

Dopo aver letto i primi articoli gratis sarà necessario registrare un abbonamento da 19 dollari e 99 cent per godere di tutte le altre notizie su ogni dispositivo.
Prevista anche la possibilità di abbonamenti a prezzi scontati per la sola versione web o per l'edizione dedicata agli ebook reader, come Kindle.
Infine un occhio di riguardo per chi raggiungerà le pagine del prestigioso quotidiano dai motori di ricerca. In questo caso la lettura degli articoli dovrebbe rimanere gratuita per non perdere una fetta consistente di lettori, un po' come avviene per il Financial Times.

Il paywall dovrebbe vedere la luce nel mese di febbraio.

Auguri.

In nomine social network 24.01.11

Stupisce come l'analisi sulle reti sociali di Benedetto XVI, da tanti considerato alla guida di un'istituzione fondamentalista e antistorica, sia molto più attenta, precisa e attuale di quelle proposte dalla maggioranza degli esponenti politici e dalla gran parte degli editorialisti della carta stampata.

Come la rivoluzione industriale produsse un profondo cambiamento nella società attraverso le novità introdotte nel ciclo produttivo e nella vita dei lavoratori, così oggi la profonda trasformazione in atto nel campo delle comunicazioni guida il flusso di grandi mutamenti culturali e sociali. Le nuove tecnologie non stanno cambiando solo il modo di comunicare, ma la comunicazione in se stessa, per cui si può affermare che si è di fronte ad una vasta trasformazione culturale. Con tale modo di diffondere informazioni e conoscenze, sta nascendo un nuovo modo di apprendere e di pensare, con inedite opportunità di stabilire relazioni e di costruire comunione.

[...] Nel mondo digitale, trasmettere informazioni significa sempre più spesso immetterle in una rete sociale, dove la conoscenza viene condivisa nell'ambito di scambi personali. La chiara distinzione tra il produttore e il consumatore dell’informazione viene relativizzata e la comunicazione vorrebbe essere non solo uno scambio di dati, ma sempre più anche condivisione.

[...] Vorrei invitare, comunque, i cristiani ad unirsi con fiducia e con consapevole e responsabile creatività nella rete di rapporti che l'era digitale ha reso possibile. Non semplicemente per soddisfare il desiderio di essere presenti, ma perché questa rete è parte integrante della vita umana. II web sta contribuendo allo sviluppo di nuove e più complesse forme di coscienza intellettuale e spirituale, di consapevolezza condivisa.

Internet si prepara a testare IPv6 12.01.11

Google e i principali siti web del mondo l'8 giugno testeranno per 24 la nuova generazione del protocollo internet, IPv6.
La giornata è già stata definita World IPv6 Day.

The story begins in 1977, when Vint Cerf, the program manager for the ARPA Internet research project (and now one of the driving forces behind Google's IPv6 efforts), chose a 32-bit address format for an experiment in packet network interconnection. Who would have thought that the experiment would evolve into today's Internet: a global network connecting billions of people, some using handheld devices faster than the mainframes of the 1970s?

For more than 30 years, 32-bit addresses have served us well, but now the Internet is running out of space. IPv6 is the only long-term solution, but as the chart below shows, it has not yet been widely deployed. With IPv4 addresses expected to run out in 2011, only 0.2% of Internet users have native IPv6 connectivity. [...]

On World IPv6 Day, we'll be taking the next big step. Together with major web companies such as Facebook and Yahoo!, we will enable IPv6 on our main websites for 24 hours. This is a crucial phase in the transition, because while IPv6 is widely deployed in many networks, it's never been used at such a large scale before. We hope that by working together with a common focus, we can help the industry prepare for the new protocol, find and resolve any unexpected issues, and pave the way for global deployment.

The good news is that Internet users don't need to do anything special to prepare for World IPv6 Day. Our current measurements suggest that the vast majority (99.95%) of users will be unaffected. However, in rare cases, users may experience connectivity problems, often due to misconfigured or misbehaving home network devices. Over the coming months we will be working with application developers, operating system vendors and network device manufacturers to further minimize the impact and provide testing tools and advice for users.

Le società di VOIP straniere non potranno più operare in Cina? 30.12.10

Secondo il People's Daily il ministro cinese dell'industria e delle comunicazioni avrebbe dichiarato tutti i servizi VOIP, non offerti dalle due aziende statali China Telecom e China Uniom, illegali.
Una stretta che comporterebbe una rete internet, all'ombra del Grande Firewall, ancora più chiusa e recintata in Cina.

Skype tuttavia ha negato al momento problemi riguardanti l'utenza cinese.

Users in China currently can access Skype via TOM Online, our majority JV partner. TOM Online offers local versions of Skype for Windows, MAC as well as mobile platforms such as Symbian and Windows Mobile. More details can be found at skype.tom.com.
Our folks in Asia have... not received any notification to this point.

La neutralità della rete in quattro punti 25.12.10

La Federal Communications Commission ha approvato le regole sulla neutralità della rete.
Il Sole 24 Ore spiega cosa cambia per gli utenti e i provider e in che modo,

Principio della trasparenza. Tutti gli operatori banda larga (fissi e mobili) dovranno dire agli utenti e agli innovatori (cioè aziende di servizi web) come gestiscono il traffico, le caratteristiche prestazionali del servizio e i termini commerciali dell'offerta. Al momento, gli operatori (americani ed europei) lasciano oscuri alcuni di questi aspetti.

Niente blocchi. Gli operatori banda larga fissi non potranno bloccare applicazioni, servizi, terminali non dannosi alla rete e contenuti legali. Fcc vuole così evitare due situazioni: che gli operatori impediscano agli utenti di accedere a certi contenuti; oppure che chiedano ai fornitori un pedaggio per traghettare i loro dati fino agli utenti.
Per gli operatori mobili il divieto di blocco è più leggero. Riguarda solo siti legali e applicazioni che vanno in concorrenza con i loro servizi voce e video. Tra l'altro, quindi, non possono bloccare la telefonia via internet, cosa però che ora fanno molti operatori negli Usa e in Europa.

Gli operatori fissi non potranno fare "discriminazioni irragionevoli" sul traffico legale degli utenti. Per gestione "ragionevole" della rete, Fcc intende quella "appropriata o calibrata per ottenere uno scopo legittimo di gestione del network, in base alla particolare architettura della rete e alla tecnologia banda larga". Sembra un po' tautologico, ma Fcc fa qualche esempio: è legittimo la gestione del traffico (accelerazioni, rallentamenti di pacchetti, prioritizzazioni) per tutelare la sicurezza e l'integrità del network; per evitare la congestione della rete; per consentire agli utenti di filtrare certe applicazioni o contenuti (a scopo di parental control o sicurezza). Non è legittimo, per i fissi, invece chiedere un dazio al fornitore del servizio in cambio di priorità sulla rete.
Gli operatori mobili possono fare invece discriminazioni di qualsiasi tipo, accelerando e rallentando (ma non bloccando) qualsiasi servizio, in base alla sua tipologia o a quanto pagato dall'utente o dal fornitore.

Fcc dichiara che "per ora" lascerà "fare al mercato" e non vieterà i "servizi specializzati". Cioè la possibilità, per i fornitori di servizi futuri (distinti da quelli della normale internet), di pagare gli operatori per farli andare più veloci, con qualità garantita. Fcc cita ad esempio sistemi di sicurezza domestica, smart grid ma anche future forme di intrattenimento e comunicazione. E' il punto più oscuro, che potrebbe inaugurare una internet a due velocità. Fcc promette però che vigilerà su questi servizi specializzati, per assicurarsi che non minino l'innovazione e l'internet aperta. Non deve accadere insomma- scrive Fcc- che soppiantino la normale internet e creino condotte anti competitive.

Segni della fine del giornalismo per come lo conoscevamo 29.11.10

Screenshot di La Repubblica

Screenshot di Huffington Post

La Repubblica si vanta per essere finita sulla home page di Huffington Post.

E' il più celebrato e autorevole sito del 'nuovo giornalismo': quello nato con il web 2.0 e caratterizzato da un nuovo concetto di informazione sociale, diffusa e di qualità. Nasce dalle intuizioni di Arianna Huffington e del suo staff, che hanno saputo trasformare un blog in una testata in grado competere con l'aristocrazia dell'informazione mondiale.

Aristocrazia dell'informazione. Mi fermo qui.

L'albo degli installatori di router 26.11.10

Nel decreto del Consiglio dei Ministri del 22 ottobre 2010 si legge che se si vuole installare un device e collegarlo alla rete di comunicazione pubblica, occorre chiamare un installatore iscritto all'albo. In altre parole: se sei deve installare un router, uno switch, qualsiasi dispositivo che si colleghi in Rete, occorre chiamare un tecnico iscritto all'albo: prevista, in caso contrario, una sanzione da 15.000 a 150.000 euro.

Quando si parla di regolamentazione di internet in Italia la competenza lascia il posto all'idiozia.

Lo stato della blogosfera italiana 11.11.10

I grafico che rappresenta lo stato della rete in Italia

I gestori di blog sono 1,7 milioni (nel 2009 erano 1,2 milioni)

Lo stato della rete e della blogosfera italiana nello studio di Human Highway e Liquida.

Quando qui era tutta campagna virale 11.10.10

Riguardo la campagna di Wired "Internet 4 Peace", per promuovere la rete come candidata all'assegnazione del premio Nobel per la pace ne ho parlato lo scorso anno. E non ho cambiato idea a riguardo.

I luddisti della carta stampata 01.10.10

In questi mesi abbiamo compiuto significativi passi avanti nell'arricchire la nostra informazione, non solo sulla carta, ma anche e in particolar modo sul web. Sono state lanciate nuove iniziative. Edizioni del giornale sono disponibili, per la prima volta anche a pagamento, su iPhone e smartphone. A due mesi dal lancio degli abbonamenti al giornale su iPad, abbiamo già toccato la soglia delle settemila adesioni, la metà delle quali per un periodo di sei mesi o un anno. Gli streaming di Corriere tv sono ormai largamente superiori a molti, e importanti, canali televisivi. L'industria alla quale apparteniamo e la nostra professione stanno cambiando con velocità impressionante. In profondità. Di fronte a rivolgimenti epocali di questa natura, l'insieme degli accordi aziendali e delle prassi che hanno fin qui regolato i nostri rapporti sindacali non ha più senso. Questo ormai anacronistico impianto di regole, pensato nell'era del piombo e nella preistoria della prima repubblica, prima o poi cadrà. Con fragore e conseguenze imprevedibili sulle nostre ignare teste.

Non è più accettabile che parte della redazione non lavori per il web o che si pretenda per questo una speciale remunerazione. Non è più accettabile che perduri la norma che prevede il consenso dell'interessato a ogni spostamento, a parità di mansione. Prima vengono le esigenze del giornale poi le pur legittime aspirazioni dei giornalisti. Non è più accettabile che i colleghi delle testate locali non possano scrivere per l'edizione nazionale, mentre lo possono tranquillamente fare professionisti con contratti magari per giornali concorrenti. Non è più accettabile l’atteggiamento, di sufficienza e sospetto, con cui parte della redazione ha accolto l'affermazione e il successo della web tv. Non è più accettabile, e nemmeno possibile, che l'edizione Ipad non preveda il contributo di alcun giornalista professionista dell’edizione cartacea del Corriere della Sera. Non è più accettabile la riluttanza con la quale si accolgono programmi di formazione alle nuove tecnologie. Non è più accettabile, anzi è preoccupante, il muro che è stato eretto nei confronti del coinvolgimento di giovani colleghi. Non è più accettabile una visione così gretta e corporativa di una professione che ogni giorno fa le pulci, e giustamente, alle inefficienze e alle inadeguatezze di tutto il resto del mondo dell’impresa e del lavoro.

De Bortoli sulla vertenza che sta paralizzando il Corriere della Sera.

Ho letto sul web che il web è morto 17.08.10

Il grafico sullo stato del web

L'articolo provocatorio di Chris Anderson e Michael Wolff sulla morte del web ha raggiunto il suo scopo, far parlare di Wired più di quanto già non si facesse.

Su BoingBoing si cerca di fare chiarezza sulle sorti del web e soprattuto si cerca di osservare con occhio più analitico i dati raccolti.
E il risultato appare alquanto differente. A fronte di una crescita vertiginosa dei contenuti video, il web non se la passa affatto male.

Il grafico sullo stato del web

Cosa è davvero successo tra Google e Verizon 14.08.10

L'accordo tra Google e Verizon, che minerebbe le fondamenta della neutralità della rete mobile, riletto da Kara Swisher.

Did you ever do the Hokey Pokey? Jockeying for political power in Washington is like that, except someone always loses an eye.

You put your eternal soul in,
You put your ethics out;
You put your corporate standards in,
And you shake them all about.
You do the Hokey-Pokey,
And you turn yourself around.
That's what it's all about!

Which is why they say you should never watch sausage being made.

I guardiani di internet 29.07.10

Nel caso che un'apocalisse naturale o terroristica colpisse internet, sette guardiani avranno il compito di recarsi a Culpeper (Virginia) o El Segundo (California) per ristabilire la Root Zone e il corretto funzionamento della rete mondiale.

No, non è una graphic novel di Alan Moore. Il progetto di recovery è stato ufficializzato da ICANN, l'organo di controllo e gestione di internet.
I sette guardiani sono: Bevil Wooding (Trinidad e Tobago), Dan Kaminsky (Stati Uniti), Jiankang Yao (Cina), Moussa Guebre (Burkina Faso), Norm Ritchie (Canada), Ondrej Sury (Repubblica Ceca) e Paul Kane (Regno Unito).

Le notizie a pagamento non pagano 20.07.10

Secondo uno studio del Guardian il rivale The Times avrebbe perso il 90% dei suoi lettori online da quando ha iniziato a fornire le sue notizie online a pagamento.

Se su internet si è disposti a pagare per servizi premium di alta qualità non fruibili altrove gratuitamente, non lo si è ancora per leggere notizie di attualità che è possibile ritrovare gratis su altre migliaia di fonti simili.

HTML5Rocks 05.07.10

Google ha preparato una sandbox in cui condividere risorse, esperimenti e tutorial su HTML5. Un'evoluzione dello showcase di Apple.
La strada per il prossimo standard del web sembra essere tracciata.

Il PD è un modem a 56k 18.06.10

Oggi pomeriggio a Roma il Pd ha fatto un bel convegno su Internet al quale è intervenuto anche il segretario Bersani, che è riuscito a parlare per oltre un'ora senza mai nominare Internet, il che – in un incontro sul web – è davvero notevole.

Via Piovono rane.

Gli standard web visti da Apple 04.06.10

Apple propone uno showcase per dimostrare le potenzialità dei futuri standard web, HTML5 e CSS3.

Every new Apple mobile device and every new Mac - along with the latest version of Apple's Safari web browser - supports web standards including HTML5, CSS3, and JavaScript. These web standards are open, reliable, highly secure, and efficient. They allow web designers and developers to create advanced graphics, typography, animations, and transitions. Standards aren't add-ons to the web. They are the web. And you can start using them today.

Inspiegabilmente è richiesto Safari per visualizzare le dimostrazioni.

La rete delle identità 06.05.10

Ne aveva accennato Sofri, ne sta discutendo il giornalista sudafricano Michael Skapinker in questi giorni.
La rete ha bisogno di identità.
Ha bisogno di scrollarsi di dosso i nickname, l'anonimato dietro cui spesso ci si nasconde, per investire sulla reputazione personale. A partire dai commenti sui siti che vivono di recensioni.

L'idea è quella di responsabilizzare gli utenti per far crescere l'internet delle persone, rendendola quanto più simile ed indistinguibile dalla vita di tutti i giorni.

Allo stesso tempo, anche se per motivi diversi in Cina si sta riflettendo sullo stesso tema.
Eliminare definitivamente (in molti casi già avviene) la possibilità di registrarsi su internet con pseudonimi.
Limitando, se non a questo punto impedendo del tutto, la possibilità dei cittadini cinesi di scambiarsi informazioni e idee anonimamente aggirando la repressione del regime.

La responsabilità su internet 24.04.10

Il ruolo di blogger non va equiparato a quello di direttore di giornale.
Con questa motivazione la corte di appello di Torino ribalta una sentenza che aveva condannato un blogger valdostano per il reato di omesso controllo.

La questione verteva su chi è responsabile di ciò che viene scritto nei commenti di un blog.
La legislazione italiana è ancora carente in materia di internet e responsabilità, questo ha portato a due sentenze opposte nel giro di poche settimane. Vi ricordate del caso Google?

Ora l'appello di Torino ha stabilito che tutti i commenti non riconducibili all'autore del blog sono da considerarsi anonimi, in quanto impossibile verificare con certezza l'identità del commentatore.
E' un passo avanti importante verso la normalizzazione e l'accettazione di internet come un luogo non dissimile dalla realtà quotidiana.

La trasparenza di Google contro la censura 20.04.10

Screenshot di Google government requests

Google ha rilasciato un tool che mostra le richieste di censura da parte dei governi mondiali e le ordinanze dei tribunali.
Una risposta forte, di trasparenza, per reagire contro i tentativi degli Stati di limitare la neutralità della rete con lo scopo di bloccare contenuti scomodi e ottenere informazioni sugli utenti.

Il Pulitzer a ProPublica 13.04.10

Il Pulitzer assegnato a Sheri Fink di ProPublica, agenzia informativa che opera su internet, segna la nascita di un nuovo modello di giornalismo.
Un giornalismo d'inchiesta, no profit che opera in rete capace di produrre approfondimenti, per poi riuscire a pubblicarli sulla carta stampata bypassando i percorsi tradizionali dell'industria editoriale come la conosciamo.

 

Sheri Fink ha vinto grazie ad un'inchiesta sulle drammatiche ore vissute da un ospedale di New Orleans assediato da Katrina.

Fare giornalismo su Twitter 09.04.10

Huffington Post ha deciso di realizzare una versione del proprio sito ottimizzata per Twitter.
Non si tratterà di un mero copia incolla, ma una vera e propria selezione di contenuti pensati per il real-time e le notizie locali. Con la possibilità lasciata ai lettori di intervenire direttamente sulla notizia.

Il futuro della tv 19.03.10

Ronen e Cuban hanno discusso la possibilità che internet rappresenti il futuro della tv.
Ne è venuto fuori che la risposta non è "se", ma "quando".

L'ho già sentita da qualche parte 16.03.10

Internet non può essere un qualcosa di aperto dove tutto ciò che si dice è fatto. Ogni nazione deve applicare le proprie regole e norme. Dobbiamo agire. Chiederemo al procuratore generale di aiutarci, perché questo è un crimine. Sono stato informato che questa pagina pubblica periodicamente incitamenti al colpo di stato. Questo non può essere permesso.

Così Hugo Chavez sempre più intenzionato a bloccare la rete in Venezuela.

Le analogie con la situazione italiana appaiono imbarazzanti e fanno riflettere sulla nostra incapacità di comprendere e saper sfruttare le potenzialità della rete, tanto da rendere indistinguibili a prima vista le dichiarazioni di un nostro politico qualunque da quelle del primo dittatore sudamericano di passaggio.

25 anni di dot com 15.03.10

Il contenuto più duraturo dato dal 1985 si è rilevato essere una sigla di tre lettere precedute da un segno di punteggiatura.

Il futuro del web passa da HTML5 15.03.10

Mac Slocum: How is HTML5 different than HTML as we currently know it?

Eric Meyer: It's really the HTML we're all used to plus more elements. But that's the 80/20 answer. HTML5 adds new elements for things like sections of a document and articles, and figures and captions for figures. So it covers things that a lot of us do all the time, like create «div class="figure"» and then «p class="caption"» inside of that to go along with an image. Now there's just an element called "figure" and you insert an image and you have an element after that called "caption." There's been an attempt to look at what people are doing. What class names are people using over and over again? What structures are they setting up over and over again? Because HTML doesn't have elements that directly address those. The HTML5 spec also attempts to very precisely and exhaustively describe what browsers should do in pretty much any given circumstance. Older HTML specifications would simply say: "These are the elements. These are the attributes. Here are some basic parsing rules. Here is what you're supposed to do if you encounter an error." HTML5 has these really long algorithms that say: "Do this, then this, then this, then this. And if you hit a problem, here, do this other thing." There's a lot of debate as to whether that's even a good idea. But if the vision that's encoded in those algorithms is brought out -- I'm not saying it will be, but if it is, then browsers will be a lot more interoperable. But that's the base level answer. As you push further into the more obscure corners, then the answer to "how is HTML5 different?" becomes much more complicated.

Via O'Reilly Radar.

Google, Kansas 03.03.10

Topeka, capitale dello Stato del Kansas, per un mese cambierà nome diventando Google.
La decisione è stata presa dal consiglio cittadino per convincere l'azienda di Mountain View a sceglierla come sito per i test sulla banda larga super veloce che sta progettando.

Il Regno Unito e il wifi fuorilegge 01.03.10

Il Regno Unito ha deciso di rendere illegale l'offerta di wifi gratuito e non protetto in luoghi pubblici.
Come accade in Italia, con il pretesto della sicurezza, la rete dovrà essere protetta e in grado di registrare univocamente l'accesso degli utenti.

Va aggiunto che due torti non esprimono una ragione.

Lolcats 19.02.10

Screenshot del Corriere della Sera

Ogni occasione è buona per mettere gatti su internet.
Poteva forse tirarsi indietro il Corriere?

Giornalismo e business nell'era digitale 12.02.10

There is an irreversible trend in society today which rather wonderfully continues what we as an industry started – here, in newspapers, in the UK. It's not a "digital trend" – that's just shorthand. It's a trend about how people are expressing themselves, about how societies will choose to organise themselves, about a new democracy of ideas and information, about changing notions of authority, about the releasing of individual creativity, about an ability to hear previously unheard voices; about respecting, including and harnessing the views of others. About resisting the people who want to close down free speech.

As Scott said 90 years ago: "What a chance for the newspaper!" If we turn our back on all this and at the same time conclude that there is nothing to learn from it because what 'they' do is different – 'we are journalists, they aren't: we do journalism; they don't' – then, never mind business models, we will be sleep walking into oblivion.

Quella di Alan Rusbridger, direttore del Guardian, è una delle analisi più lucide, spietate e lungimiranti mai pubblicate sul futuro del giornalismo nell'era digitale.

Nuove frontiere del conflitto di interessi 10.02.10

Svelato, anche agli scettici, il perché dell'intensificazione degli attacchi contro Google da parte di molti esponenti del Governo e del centro destra italiano.

Ora penso che sia chiaro anche ai meno avvertiti a che cosa serve il decreto Romani, che strangola i video indipendenti e scatena l'Agcom contro YouTube.

Microsoft non è una web company 01.02.10

Nel caso non si fosse capito.

After 15 years, the evidence is pretty clear. The web is just not a part of Microsoft's DNA. The quarterly results it released this week showed that Microsoft is still surprisingly good at what it does best: selling operating systems and software programs for PCs. There is a long-lived if diminishing market for that business. What Microsoft is not and may well never be is a web company. Mabye it's time the company sold off its online division to a company that is just that - like Yahoo.

Quelli lungimiranti 29.01.10

Le mosse dell'editoria verso la rivoluzione digitale.
Dalla guerra santa contro Google Books alle aperture - Mondadori per l'Italia - all'iBook store di Apple.

L'ancora di salvezza per gli editori, attaccati con i denti e con le unghie ad un modello di business ormai morto, potrebbe essere lanciata ancora una volta da quel genio del marketing che passa sotto il nome di Steve Jobs.

Subito dopo aver inventato il telefono 26.01.10

Internet in Italia l'ho portato io anni fa insieme a pochissimi altri, lo conosco bene sotto ogni punto di vista.

Luca Barbareschi. Internet. Lui.

Sorpreso con le mani nella crossmedialità 25.01.10

E' buffo che Internet possa prendersi il diritto di saccheggiare contenuti qua e là e se invece io porto Internet su un mezzo generalista come la Tv mi si rinfacci il diritto d'autore.

Così Barbareschi a seguito delle polemiche sulle battute tratte da Spinoza e usate nel suo Sciok senza citarne la fonte.

Notizie a pagamento 20.01.10

Come previsto dal 2011 la versione online del New York Times non sarà più completamente gratuita.
La sfida per non perdere gli introiti pubblicitari, difficilmente sostituibili con i ricavi degli abbonamenti, è iniziata.

This announcement allows us to begin the thought process that’s going to answer so many of the questions that we all care about. We can't get this halfway right or three-quarters of the way right. We have to get this really, really right.

Il New York Times al giro di boa 17.01.10

La decisione di far pagare per i contenuti dell'edizione online pare imminente.

New York Times Chairman Arthur Sulzberger Jr. appears close to announcing that the paper will begin charging for access to its website, according to people familiar with internal deliberations. After a year of sometimes fraught debate inside the paper, the choice for some time has been between a Wall Street Journal-type pay wall and the metered system adopted by the Financial Times, in which readers can sample a certain number of free articles before being asked to subscribe. The Times seems to have settled on the metered system.

Digitale e terrestre 17.01.10

Un paese che investe la sua innovazione nella televisione e nella telefonia mobile è un paese morto.

Nicholas Negroponte.

Giornalismo riempitivo 10.01.10

Bene, io spero che Burchia sia morto anni fa lasciando la sua firma libera e oggi purtroppo la usino per le minchiate, ma a parte il facile umorismo sarebbe bello che davvero questi signori facessero una bella riflessione su come e cosa scrivono perché poi ti guardi attorno e dice che c'è sempre il popolo ignorante: vero. Però qualcuno si industria per metterci quel moltiplicatore che basterebbe cercare di evitare.

E alla fine torniamo sempre al solito punto, un Paese non è fatto di alieni che danno da mangiare ai trogloditi. E' che alcuni trogloditi occupano posti che non gli spettano; facile puntare sempre su Calderoli, i 97 miliardi di minuti arrivano dalla stessa percezione della realtà, responsabilità, deontologia.

Via Sasaki Fujika.

Year for change 03.01.10

Entra nel vivo la campagna elettorale britannica con la presentazione del manifesto di Cameron. Un strategia aggressiva e incentrata sul mantenere la posizione di vantaggio e allo stesso tempo incalzare il Labour attraverso promesse ambiziose e attacchi a tutto campo.
Intanto si insinua l'idea che anche nel Regno Unito internet giocherà un ruolo fondamentale per conquistare - o tenere - voti decisivi.

Pisanu per sempre 01.01.10

La Pisanu è stata rinnovata per l'ennesima volta con buona pace di chi credeva - nel caso specifico Michele Ficara, sì quello di Assodigitale - nel salvifico intervento di Michela Brambilla.

La rete anonima 28.12.09

Quanti oggi teorizzano la necessità dell'anonimato protetto scambiano con colpevole leggerezza una serie di tranquillità che sono funzionali a certi contesti (per esempio il commercio elettronico dove ovviamente l'emersione dell'identità è indispensabile) e che piacciono molto ai magistrati (è un po' come con le intercettazioni telefoniche, la fine di mille personali seccature da poliziotti) con gli interessi diffusi di tutti i cittadini. Che sono cosa molto differente dalle aspettative di normalizzazione delle opinioni del Ministro Maroni. Cose pesanti, che attengono alla libera espressione del pensiero, alla tutela delle minoranze e di un numero molto ampio di altri argomenti sensibili. Anche alla necessaria educazione, di cui tutti abbiamo bisogno, al contraddittorio e all'accettazione del diverso. Gli allegri autodidatti dell’anonimato protetto sono, nella migliore delle ipotesi, simpatici mattacchioni che amano giocare coi loro legnetti. E lo fanno per giunta in una stanza piccola piena di aspiranti incendiari. Basta dare una occhiata a cosa è stata Internet fino ad oggi e a cosa potrebbe diventare domani, per suggerirgli - col cuore in mano - di smetterla.

Via Manteblog.

Un giorno da New York Times 23.12.09

I due video mostrano il traffico verso il sito del New York Times dagli Stati Uniti e dal mondo il 25 giugno 2009. Il giorno in cui morì Michael Jackson.
I lettori che hanno effettuato l'accesso da desktop e laptop sono rappresentati dai cerchi gialli, quelli da dispositivi mobili dai cerchi rossi. La dimensione dei cerchi rappresenta il numero di accessi.


Oggi col fax puoi fare tutto 23.12.09

La clamorosa marcia indietro di Maroni e del Governo sulla decisione di imporre limiti e paletti alla rete per legge, se da un lato fa tirare un sospiro di sollievo, dall'altro dimostra la scarsa competenza e il pressapochismo di ministri e parlamentari appena si inoltrano nel territorio sconosciuto dell'IT.

L'aggravante di essere senatore 21.12.09

Chiunque, comunicando con più persone in qualsiasi forma, istiga a commettere uno o più tra i delitti contro la vita e l'incolumità della persona, è punito, per il solo fatto dell'istigazione, con la reclusione da 3 a 12 anni.
La stessa pena si applica a chiunque pubblicamente fa l'apologia di uno o più fra i delitti indicati. Se il fatto è commesso avvalendosi di comunicazione telefonica o telematica, la pena è aumentata.

Questa in sintesi la proposta di legge del senatore Raffaele Lauro (PdL), già controfirmata da 50 senatori.

Ve la riscrivo.
Se. Il. Fatto. E'. Commesso. Avvalendosi. Di. Comunicazione. Telefonica. O. Telematica. La. Pena. E'. Aumentata.

Il titolare qui si dissocia da questo paese.

Non so di cosa parlo, ma ne parlo 17.12.09

Su Facebook si leggono dei veri e propri inni all'istigazione alla violenza. Negli anni '70, che pure furono pericolosi, non c'erano questi momenti aggregativi che ci sono su questi siti.

Renato Schifani, presidente del Senato.

Libera Rete in libero Stato 17.12.09

Dopo la decisione di presentare un disegno di legge su Internet – tutt'altro che rassicurante nonostante il buonismo esibito da Maroni - l'Istituto per le politiche dell’innovazione attraverso Guido Scorza, insieme a Diritto alla Rete e a diverse altre associazioni digitali e singoli cittadini – tra cui gli organizzatori del No-B day – hanno deciso di non lasciare che si legiferi sulla Rete senza far sentire la voce pacifica ma determinata di chi non vuole alcuna nuova norma che preveda oscuramenti e filtri sul Web.

Sarà un sit-in che si terrà mercoledì 23 dicembre in piazza del Popolo a Roma dalle 17.

Via Piovono rane.

Il popolo delle libertà guardate a vista 15.12.09

Guai a promuovere provvedimenti illiberali. Le leggi esistenti già consentono di punire le violazioni. Negli Usa Obama riceve intimidazioni continue su Internet, ma a nessuno viene in mente di censurare la Rete

Dovrebbe far riflettere che l'affermazione pronunciata da Casini, di puro buon senso, passi oggi come dichiarazione di grande saggezza e lungimiranza democratica di fronte alla stretta che il Governo sta tentando di dare alle libertà di espressione e dissenso.

Internet come campo di battaglia 15.12.09

Non più tardi di ieri scrivevo,

I gruppi di Facebook sono rappresentativi quanto le scritte nei bagni delle stazioni.

Oggi Gian Antonio Stella nell'intento di colpire, nel suo editoriale sul Corriere, la violenza inevitabile del sommerso di internet da credito proprio a quelle scritte. Quasi fossero pamphlet di rivoluzionari.
Scoprire solo adesso la società civile sul web, con tutti i suoi umori e la sua pancia, e con argomentazioni tanto banali quanto fuori contesto, come il proposto correttivo da fuori, fa pensare ad una reale scarsa conoscenza delle tematiche di internet e della società stessa.

Il prossimo passo sarà dunque inevitabile. Chiudere i bar, ricettacolo delle peggiori istigazioni e apologie.

Le sedicenti tasse su internet 12.12.09

Tra i vecchi media - quelli fatti male e con una visione distorta del giornalismo - cresce la sindrome da accerchiamento da internet. Sindrome che porta a cercare di screditare il web usando qualsiasi mezzo.
Anche con notizie distorte e non verificate, come la fantomatica tassa su internet in Germania pubblicata con grande clamore da Repubblica.

Carletto Darwin svela la bufala.

Magari vi sarà capitato di leggere la notizia bomba di una tassa su Internet di 18 Euro al mese. Notizia passata praticamente per certa, anche se non ha ancora causato la reazione di Calderoli o di Schifani. Allora, si tratta innanzitutto di una proposta, non di una cosa decisa. E riguarda l'innalzamento della tassa GEZ, che è la tassa sull'uso dell'etere in Germania. La paga chiunque abbia dispositivi tipo radio e tv: sono 18 Euro al mese. Per chi dichiara di non averli ma ha Internet c'è una versione ridotta da quasi 6 Euro, sempre al mese. La proposta sarebbe quella di innalzarla da 6 a 18 per tutti, anche per quelli che hanno solo la web stick o solo uno smart-phone.

I DNS pubblici di Google 03.12.09

Google ha lanciato i suoi nuovi DNS pubblici.
Parola d'ordine: velocità. Restano i dubbi sulla privacy.

Sulla internet dal 1931 29.11.09

Dal sito dell'Enit si legge alla voce Link:

E' fatto divieto di operare collegamenti stabili a questo sito (cioè effettuare un link) senza previa, formale autorizzazione dell'ENIT. L'ENIT si riserva di perseguire ogni abuso al riguardo.

Via Roberta Milano.

Il Nobel a internet 23.11.09

E' in edicola il nuovo numero di Wired italiano dedicato alla candidatura di internet al Nobel per la pace 2010, fortemente voluta da Riccardo Luna.

Capiamoci sono il primo a sostenere l'importanza, le potenzialità e la centralità della rete, al punto che la rete potrebbe tranquillamente essere considerata la più grande invenzione del '900.
Ma il concetto stesso di "candidatura" a un premio Nobel è una presunzione tutta nostrana. Fatevene una ragione.

Concetti da farsi tatuare a fuoco 16.11.09

La libertà  di accesso a tutti i contenuti online rende migliori.

Obama a Shangai.

Fate uno sforzo e concentratevi su quel "tutti", poi ripensate alla visione di net neutrality che abbiamo qui da noi.

Il giorno in cui FriendFeed perse la verginità 09.11.09

Il meme di Luca Bizzarri portato dalla Merkel a Berlino

Ricondurre tutto nella giusta dimensione. Internet è bizzara e mainstream.

Internet da telecomando 02.11.09

Fino a quando non decideremo di fare un downshifting del web, portarlo dalla ricchezza alla semplicità francescana, non so quanti non user riusciremo ancora a portare dentro. E non è una questione di usabilità, almeno non come la intendiamo correntemente. I criteri che adottiamo forse sono ancora troppo complicati per le persone (e sono tante) che non mettono i numeri in memoria del cellulare perché è un processo troppo complesso. E per un pubblico che, lo vediamo benissimo, ha pochissimo interesse per il web e al quale dobbiamo spiegarlo semplice semplice. Esagero: serve un web fatto a telecomando, quattro bottoni e basta, pochissime funzioni ma sostanziali. Un web più stupido che non richieda esperienza né "intelligenza" da parte dell'utente.

Non possiamo comunicare a queste persone basandoci sulla fascinazione delle illimitate potenzialità, della potenza, in fondo della complessità. Mi immagino la costruzione e la comunicazione di siti che facciano una cosa sola, fatta bene e detta in modo semplice. Al limite del banale: banale per noi, ma per loro potenzialmente rivoluzionario. Insomma, quelli che potevamo prendere con un approccio di intelligenza e di rivoluzione mi sa che li abbiamo presi. Non è che per prendere gli altri dobbiamo essere un po' più stupidi?

Via Apogeonline.

La fine della net neutrality per immagini 28.10.09

Un0ipotetica offerta di un provider dopo la fine della net neutrality

L'intuizione di non sapere 15.10.09

Internet è una tecnologia e non un medium - spiega Daniele Manca, vicedirettore del Corriere della Sera - così potente da aver fatto grandi guadagni. Non dimentichiamo che nasce da un'intuizione di Al Gore, quindi da un politico. E come tutte quante le tecnologie sta modificando la struttura sociale, il che produce anche cambiamenti economici.

C'è da chiedersi come si possa essere vicedirettore del principale quotidiano italiano e non conoscere, nemmeno a grandi linee, la storia dell'invenzione che ha rivoluzionato il mondo.

La leggenda che racconta di Al Gore inventore di internet spiegata da Rosenberg e Boehlert.

Punto padania 01.10.09

Non sono poi così sicuro che un ICANN a gestione internazionale sia una buona idea.

Se da un lato il monopolio degli USA andava stretto in un mondo multipolare, dall'altro bisogna considerare che ora la gestione di internet potrà essere influenzata da governi che non avremmo mai voluto vedere con le leve della rete tra le mani.
A titolo d'esempio penso a quello italiano.

Identità nella rete 29.08.09

Sofri ieri sera ha aperto un'interessante discussione sulla necessità di rivelare la propria vera identità nelle conversazioni sul web.

Ok, vi metto a parte di questa riflessione personale per raccogliere pareri. Laicamente. Non montiamo polemiche, ok? Io penso, senza farci su campagne, che sarebbe meglio se invece di tutti 'sti pseudonimi usassimo nome e cognome. Penso sarebbe più adulto, più responsabile, e assomiglierebbe di più alla vita normale, che è quello che dovrebbe essere internet. E penso toglierebbe un alibi ai censori e una chance ai violenti e vili. Detto questo, non voglio costringere nessuno. Però nel mio piccolo lo penso, e sono tentato di cancellare l'account di FF e di riaprirlo accettando solo nomi e cognomi (anche perché è diventato un posto incasinato e illegibile, dal gruppetto che era all'inizio). Senza fare il fiscale, non è che chiedo documenti. Ma è per cominciare ad abituarsi, e crescere. Oppure lo faccio non retroattivamente, e d'ora in poi accetto solo nomi e cognomi. Ma ascolto volentieri pareri ragionevoli.

Se è vero che internet dovrebbe assomigliare di più alla vita normale, che le idee e i contenuti non valgono indipendentemente da chi le esprime e che il metterci la faccia è spesso un modo per assumersi la responsabilità delle proprie azioni.
E' altrettanto vero che chi immagina internet come un covo di bulli, nerd, pedofili e cattive compagnie non smetterà di farlo vedendo post firmati da Mario Rossi. Lasciamo che internet sia libera e che chiunque sia libero di loggarsi come meglio crede.

Credo che nel prossimo futuro vedremo sempre di più l'uso del proprio nome e cognome sul web e non certo per dare maggiore incisività alle nostre affermazioni, quanto piuttosto perché incentivati a farlo dai social network che usiamo e attratti dalle possibilità offerte dalla visibilità che sapremo dare alla nostra vera identità.

Il caffè può attendere 10.08.09

Gli americani si alzano e prima di colazione danno uno sguardo alle ultime notizie su internet. Cambiano le abitutdini della famiglia tipo.

Porta la tv su internet 01.07.09

Joost muore e anche Babelgum non si sente troppo bene.
Hulu ringrazia e continua a inanellare crediti e successi.

Internet è un diritto 10.06.09

E non può essere tolta.
Il Consiglio Costituzionale francese ha stabilito che la connessione a internet è un diritto fondamentale del cittadino, in quanto "diritto alla libertà di espressione", e per questo nessuna legge più privarne l'uso.
Cade quindi l'impianto che Sarkozy e l'Hadopi avevano creato nella speranza di bloccare il p2p illegale.

L'Hadopi obbligava i provider a sospendere il contratto di accesso a internet agli utenti che venivano pizzicati per tre volte a condividere file protetti dal copyright.
In seguito a questa decisione le autorità potranno solo notificare all'utente pirata il suo comportamento illecito.

Nativi digitali 20.05.09

Oppure no. Oppure ci salveranno i nativi. Anzi salveranno se stessi. La rete è l'ultimo luogo che ci rimane per tenere le redini del futuro, in un Paese così per vecchi da essere diventato un cliché. Ed è un luogo in cui molti si rammaricano non si trovino dei modelli di business adeguati a sfruttare iniziative anche di grande successo di visite e utenti. E proprio questo potrebbe essere un'opportunità per scongiurarle il melmoso destino in cui si dimena il resto del Paese. L'Italia salvata dai nativi digitali.

Via Wittgenstein.

Aspettando la prossima 29.04.09

Non passa la criticata norma D'Alia su internet, abrogata da un emendamento dell'onorevole Roberto Cassinelli.
Sospiri di sollievo con la consapevolezza che non poteva non finire così.

Legiferare l'internet 23.04.09

Come impressione a caldo sull'incontro che c'è stato oggi alla Camera sulla legislazione per la Rete posso solo dire che la Carlucci non sta affatto bene.

No, dico davvero: aggredisce, urla, s'incazza con chiunque, a un certo punto mi ha augurato che mio figlio venga adescato dai pedofili su Facebook (giuro). Poi ha raccontato che lei passa le sue giornate alla polizia postale cercando di rintracciare chi la insulta on line. Mamma mia, mi dispiace.

Lo so che bisogna ridurre i costi della politica, ma una distribuzione mirata di benzodiazepine alla Camera sarebbe molto opportuna. Io non ho capito com’è che la mandano in giro. No davvero, non è questione di destra o di sinistra, è questione di Tso. Va beh.

Quanto agli altri, giudicate voi, se avete voglia di sciropparvi il video. A me pare che Palmieri, Cassinelli e Melandri abbiano detto cose più o meno condivisibili, ma comunque sono ragionanti, e quindi in confronto a Carlucci hanno giganteggiato. Il radicale Perduca parlava d'altro. D'Alia è semplicemente uno che non sa una mazza di ciò su cui ha legiferato, ora si sta rendendo vagamente conto di aver fatto una cazzata mostruosa e cerca di uscirne limitando i danni.

Comunque il problema vero, in termini politici, è capire che cosa uscirà dalle cogitazioni in corso nel Pdl per sostituire l'emendamento D'Alia con un'altra legge. Palmieri non si è voluto sbottonare in merito, peccato.

Ecco, insomma, la vera legge su Internet - aldilà di D'Alia e Carlucci - la stanno ancora decidendo. Incrociamo le dita.

Via Piovono rane.

L'accesso ad internet è un diritto fondamentale 27.03.09

Ennesima importante dichiarazione sull'importanza dell'accesso ad internet come diritto fondamentale del cittadino digitale. La raccomandazione presentata al Parlamento europeo dal socialista Stavros Lambrinidis (Grecia) sul "rafforzamento della sicurezza e delle libertà fondamentali su Internet" è stata approvata con una schiacciante maggioranza di 481 contro 25 (21 gli astenuti). Nel testo viene indicato chiaramente che:
1) Internet "dà pieno significato alla definizione di libertà di espressione";
2) "può rappresentare una straordinaria possibilità per rafforzare la cittadinanza attiva";
3) il monitoraggio del traffico web "non può essere giustificato dalla lotta al crimine";
4) l'accesso a internet "non dovrebbe essere rifiutato come sanzione dai governi o dalle società private" e
5) le ricerche in remoto, dove previste dalla legislazione nazionale, devono essere condotte "sulla base di un valido mandato delle autorità giudiziarie competenti" e devono sempre preferirsi le ricerche in diretta a quelle in remoto visto che queste ultime "violano il principio di legalità e il diritto alla riservatezza".

Via Corriere della Sera.

Neutralità della rete in Italia 26.03.09

E' stato depositato in Senato il progetto di legge del PD su "neutralità delle reti, free software e società dell'informazione" a cura dei senatori Vita e Vimercati. Punti fondamentali della proposta sono: garantire un accesso neutrale alle reti di comunicazione elettronica, promuovere i diritti di cittadinanza attiva al fine di rafforzare la partecipazione e il processo decisionale democratico, sostenere lo sviluppo e la valorizzazione dei sistemi informativi pubblici garantendo il pluralismo informatico anche con l'uso del software libero, diffondere l'uso delle nuove tecnologie della comunicazioni presso il sistema delle imprese, rimuovere gli ostacoli che impediscono la parità di accesso alle reti di comunicazione dei cittadini che versano in condizioni di disabilita, disagio economico e sociale e di diversità culturale.

Via Una legge per la rete.

Non mi sembra che la faziosità sia diminuita 15.03.09

Huffingtenstein 13.03.09

Italian politicians simply don't know what they're talking about and what they're doing (and sadly, it's not just about the web): they look for publicity on people's ignorant fears and are obedient to economic interests smarter than them. They think they are the only ones in the world worried about what happens on the web, and don't ask anybody what the hell people are thinking in the other countries. They don't lift the phones and call one or two of the many experts about these things, because they fear them: they speak different languages, they live in different worlds and times. The MP who signed the law said in an interview that if Facebook or YouTube should not respect these rules, "they don't deserve the State's respect", and they should be "closed".
They're not bad people: they're worse.

Via Huffington Post.

20 anni di web 13.03.09

CERN

Un qualche grazie al CERN di Ginevra.

Tu che sei sempre a cazzeggiare 12.03.09

Perché la gente che lavora con dei computer sembra avere un sacco di tempo libero

Via kapi.

La risposta alle pessime opinioni è più libertà di opinione 08.03.09

"I social network per me sono importanti perché il passaparola aiuta i libri e anche i miei libri. Ma i social network incasinano la corteccia cerebrale. Facebook è la pornografia del sociale. Si nutre di se stesso e di quantità, più che di qualità. Queste cose perdono di senso quando il tuo boss che non sopporti ti chiede di essere tuo amico. E no, non è una buona cosa essere amici di tutti: ci sono anche brutte persone, in giro. Un conto è essere amichevoli, un conto essere amici. Bisogna essere amichevoli e gentili con tutti, ma amici no."

Via Wittgenstein.

E ora senza mani 03.12.08

Berlusconi mi sembra l'amico un po' sfigato che tutti abbiamo avuto.
Quello che parla di cose di cui non ha alcuna conoscenza, sparandola ogni volta più grossa giusto per attirare l'attenzione.
Quello, per capirci, che vuole a tutti i costi dimostrarsi figo, ma che riesce soltanto a rendersi ridicolo ogni volta una volta di più.

L'episodio della proposta di regolamentare internet in sede internazionale è da leggersi sotto quest'ottica.

Rivoluzioni mancate 24.11.08

Che fine hanno fatto Codice Internet e Second Life?

Il web visto da Obama 07.11.08

Internet deve il suo successo al fatto di essere il network più aperto della storia. Deve continuare a essere tale. Barack Obama sostiene fermamente il principio della neutralità della rete per difendere i benefici della libera concorrenza su Internet.

Via Apogeonline.

Il pelo nell'ombelico dell'ombelico 17.10.08

I dubbi su Codice Internet aumentano.
A tal proposito Stefano Mainardi scrive:

La formula per far arrivare internet alle persone? Semplice: organizzare eventi con personaggi noti della rete (quindi sconosciuti ai passanti), una piazza di lusso con delle seggioline ed un palco, far mettere dei cartelli con scritte infantili tipo "I love internet" e farsi fotografare . Giusto?

Non c'è niente di meglio di una bella conferenza 09.10.08

Portare internet alla gente è un progetto ambizioso.

Il come viene dibattuto da tempo.
Codice Internet ci sta provando; gliene va dato atto.

Il problema, se c'è un problema, è che la direzione intrapresa assomiglia più alla "Milano da bere" che non a un'iniziativa rivolta ad un pubblico di neofiti.

Guarda che no, non funziona così 17.08.08

Caro Luca, hai una concezione davvero distorta di internet.
Non hai idea di cosa sia l'informazione in rete o la net neutrality.

Ti limiti a vendere fuffa millantandola per studi usciti su quotidiani inglesi pur di avvalorare le tue tesi, vagamente luddiste.

E' preoccupante la tua concezione di condivisione dei contenuti attraverso internet ed è antiquato il tuo ragionamento sul diritto d'autore nell'era digitale.

Credo che, nella tua veste di vice presidente della commissione parlamentare sulle telecomunicazioni, dovresti sempre concederti una lunga riflessione prima di rilasciare interviste.
Affidandosi un po' meno all'istinto.


Via Marco Camisani Calzolari.

In vacanza come eremiti 07.08.08

Paradossalmente, l'associazione online=lavorare è molto più sentita da chi con Internet ci lavora solo incidentalmente, che dai professionisti del settore che ci passano tutta la giornata. Internet è percepita come un peso lavorativo da chi non la sa e/o non la desidera usare in modo sociale. Anche la penna e il telefono sono strumenti di lavoro, ma nessuno si sogna di bannare penne o telefoni dalle sue vacanze.

Via Maestrini per Caso.

Codice Internet 17.07.08

Divulghiamo la Rete in Italia.

TizianoCavigliaPuntoBlog 24.06.08

Nomi a dominio in libertà. Presto, grazie all'ICANN.

L'Ipv6 è vicino.

Bivio 29.04.08

Si lamenta Ruggeri. Basta internet, dice.
Vuole passare per quello che "io il computer lo uso solo se è già acceso".

Nei primi anni novanta lo si sentiva spesso.
Se te la giocavi bene potevi ancora darti un'aria intellettualoide. Il rifiuto di internet e dei computer.
Atmosfera vagamente vintage. Sicuramente snob, nel volersi distinguere a tutti i costi dall'avvento dell'era della comunicazione digitale.

Nei primi '90 si diceva. Nel 2008 passi soltanto per pirla.

Per un pugno di ads 04.02.08

Google solleva degli interrogativi sull'opa di Microsoft ai danni di Yahoo!.

Si sa, a Mountain View sono tutti carmelitani scalzi.

Non ci facciamo mancare niente 03.01.08

Immancabile, come lo spumante, la fregnaccia sensazionalistica d'inizio anno.
Questa volta i ringraziamenti vanno a Jaime D'Alessandro per La Repubblica.

Trasformismo 13.09.07

Beppe Grillo.
Un uomo che ha trovato una nuova giovinezza grazie ad uno strumento, il computer, che fino a pochi anni fa prendeva a martellate.
Son cose.

Laif is nau 18.03.07

Una tipica mattina, appena alzato (il tutto mentre mi lavo, mi vesto e faccio colazione):

  • accendo il portatile (o un pc, in alternativa);
  • apro il browser, il mailreader/newsreader (40tude Dialog), il feedreader (RSSOwl) e Office Outlook 2007;
  • un'occhiata a tempo, temperatura e note sui gadget di Vista;
  • mentre mailreader, newsreader e feedreader scaricano articoli e messaggi, apro popurls, SocialDust e l'aggregatore di Granieri sul browser alla ricerca di notizie interessanti;
  • parte del tempo vola via nel leggere, rispondere a e-mail e usenet post e a cancellare lo spam;
  • uno sguardo alle decine di feed che tengo sott'occhio e una rapida lettura delle principali notizie su La Repubblica, Il Corriere della Sera, La Stampa, Il Secolo XIX, CNN e BBC News;
  • controllo l'agenda del giorno su Outlook;
  • mi resta giusto il tempo per perdere qualche minuto alla ricerca di notizie geek, spegnere e uscire di casa.

Babbo Natale ha l'ADSL 21.12.06

Mi sono stufato della finta cortesia dei commessi durante le festività natalizie.
Mi irrita terribilmente l'atteggiamento con cui ti guardano mentre fasciano il tuo pacchetto, neanche lo facessero gratis.
Mi indispettisce elemosinare lo scontrino, odio la calca alla cassa e la ricerca spasmodica di un parcheggio.

Per cui quest'anno 11 ragali di Natale (equivalenti al 68,75% del totale) sono derivati da acquisti fatti su internet.
Il 20 Novembre tutti i regali erano già consegnati o in spedizione.
Niente code, niente affanni, nessun "l'ho visto prima io", nessuna lamentela dei negozianti da sopportare, nessun mal di pancia da ricerca del parcheggio.

Solo un click, qualche tasto premuto e l'attesa del pacco che scivola giù dal camino.

Neanche a dirlo l'obiettivo per il prossimo anno sarà il raggiungimento di quota 90%.
;-)

La piazza ungherese contro la tassa su internet 27.10.14

La piazza ungherese contro la tassa su internet

Migliaia di ungheresi sono scesi per le strade di Budapest con i loro tablet, smartphone e notebook accesi per protestare contro la proposta del governo Orban di tassare ogni GB di traffico internet con circa 50 centesimi di euro.

Cuba e il wifi pubblico 01.02.16

Una piazza col wifi pubblico a L'Avana

I cubani che navigano nelle prime piazze con accesso wifi pubblico, in un paese che ancora proibisce l'accesso a internet dalle abitazioni private, negli scatti del fotografo Valerio Berdini.

© 2017 Tiziano Caviglia. Anno XVI. Powered by Rhadamanth. Cookie policy. Abbracciamo HTML5 e il responsive webdesign.