tizianocavigliablog
Sul lato radical chic dell'Atlantico.

33rd America's Cup 06.02.10

33rd America's Cup

Catamarani contro trimarani. Qualcosa di simile al 1988. San Diego. La sfida dei kiwis di Michael Fay su "Big Boat", disegnato da Bruce Farr, contro il catamarano "Stars & Stripes" di Dennis Conner.
Si respira aria di America's Cup. Lunedì si parte.

Dirette e commenti un po' ovunque.

Condividi il post di Tiziano Caviglia Blog su Facebook Condividi il post di Tiziano Caviglia Blog su Twitter Condividi il post di Tiziano Caviglia Blog su WhatsApp Condividi il post di Tiziano Caviglia Blog su Telegram Condividi il post di Tiziano Caviglia Blog via Email
33 curiosità su Toy Story . Tiziano Caviglia Blog
Nessuno si aspetta l'Inquisizione spagnola.

33 curiosità su Toy Story 28.02.11

La trilogia Pixar sui giocattoli, fresca di Oscar, raccontata per aneddoti.

Condividi il post di Tiziano Caviglia Blog su Facebook Condividi il post di Tiziano Caviglia Blog su Twitter Condividi il post di Tiziano Caviglia Blog su WhatsApp Condividi il post di Tiziano Caviglia Blog su Telegram Condividi il post di Tiziano Caviglia Blog via Email
Una traccia nella rete . Tiziano Caviglia Blog
Mastro di chiavi.

Una traccia nella rete 23.12.00

Eccoci qui.
Credo sia venuto il momento di lasciare una traccia in rete.
Un sito personale evoluto, che nelle intenzioni si aggiornerà con pensieri, link e articoli senza date stabilite, ma possibilmente con una certa regolarità.

Sarà anche una palestra di sviluppo web e una finestra che mi aiuti a capire cosa c'è la fuori sulla rete e al di là nel mondo fisico.

Inizia un'avventura, o meglio inizierà dopo le vacanze natalizie. Per ora poso la prima pietra.

Ah giusto, il nome. Serve sempre. Un nome, dico.
Per ora potrebbe rimanere Nemesis come questo sito o Rhadamanth o magari TLUC, perché no. Vedremo.

Condividi il post di Tiziano Caviglia Blog su Facebook Condividi il post di Tiziano Caviglia Blog su Twitter Condividi il post di Tiziano Caviglia Blog su WhatsApp Condividi il post di Tiziano Caviglia Blog su Telegram Condividi il post di Tiziano Caviglia Blog via Email
33 graphic novel che dovete leggere . Tiziano Caviglia Blog
Tattica del delirio.

33 graphic novel che dovete leggere 22.10.16

Thrillist ha stilato una classifica di 33 graphic novel multigenere da leggere almeno una volta nella vita.

Ranking the best book-length comics ever created is a lot like picking out the greatest grains of sand on the beach: you’re bound to overlook some gems. But that's the glory of graphic novels as a form, isn't it? From North America to Europe to Japan, from superheroes to autobiography to pure poetry, from horror to comedy to drama, this medium is as varied and vital as anything else on Earth. And since it's largely free from the commercial demands of billion-dollar mega-industries like film, TV, music, or video games, comics offer a creative freedom that's all but unparalleled. It's easy to fill your bookshelf with mind-expanding, paradigm-shifting work and still barely scratch the surface of what's out there.

Below you'll find our attempt to delineate the tip of the art form's iceberg -- 33 of the most exciting, adventurous, gorgeous, movingly written anthologies, limited series, and stand-alone stories ever drawn. Get ready for work that will challenge and enrich you for years to come.

Per gli appassionati del genere qui si segnalavano anche le 50+50 graphic novel imperdibili.

Condividi il post di Tiziano Caviglia Blog su Facebook Condividi il post di Tiziano Caviglia Blog su Twitter Condividi il post di Tiziano Caviglia Blog su WhatsApp Condividi il post di Tiziano Caviglia Blog su Telegram Condividi il post di Tiziano Caviglia Blog via Email
33 regole per diventare un artista di successo . Tiziano Caviglia Blog
Niente panico! Ok, panico.

33 regole per diventare un artista di successo 28.12.18

Salvador Dalì
Salvador Dalì

Jerry Saltz, critico d'arte del New York Magazine e artista mancato, ha stilato 33 lezioni che ogni aspirante artista dovrebbe imparare per ragiungere il successo. O almeno per vivere una vita con un po' più di creatività.

[...] Lezione 17: Cerca di vedere più che puoi

I critici vedono stando in disparte, avvicinandosi, salendo e tornando indietro; guardando uno spettacolo intero, confrontando un lavoro con un altro; considerando il lavoro passato dell'artista, valutando sviluppi, ripetizioni, regressioni, fallimenti, mancanza di originalità; eccetera.

Gli artisti vedono in modo molto diverso: si avvicinano molto a un lavoro; ispezionano ogni dettaglio, le sue trame, i materiali, il trucco; lo toccano, guardano i bordi e attorno alla parte posteriore dell'oggetto.

Cosa stanno facendo gli artisti? Diranno, "Guardo come è fatto." Io direi, "Lo stanno rubando".

Puoi rubare da qualsiasi cosa. Dovresti! Sarebbe meglio! La cattiva arte ti insegna tanto quanto la buona arte. Forse di più! La grande arte è spesso il nemico del bene; non ti lascia abbastanza spazio per rubare.

[...] Lezione 21: Definisci il successo

Ma fa attenzione. Le risposte tipiche sono il denaro, la felicità, la libertà di "fare ciò che voglio", creare una comunità di artisti, farsi conoscere.

Ma... se sposassi una persona ricca e avessi un sacco di soldi, saresti soddisfatto solo dei soldi? Inoltre, Subway vende un sacco di sandwich, ma questo non li rende buoni.

Che dire dell'essere "felici"? Non essere sciocco! Molte persone di successo sono infelici. E molte persone felici non hanno successo. Sono "di successo" e sono confuso, terrorizzato, insicuro e impacciato tutto il tempo. Successo e felicità vivono su diversi lati delle tracce.

Vuoi la vera definizione di successo? La migliore definizione di successo è il tempo: il tempo per svolgere le tue attività.

Come farai a guadagnare tempo se non hai soldi? Lavorerai a tempo pieno per molto tempo. Sarai depresso a causa di ciò per molto tempo - risentito, frustrato, invidioso. Mi dispiace, è così.

Ma sei un artista subdolo e intraprendente! Presto scoprirai un modo di lavorare solo quattro giorni alla settimana; inizierai a essere un po' meno depresso. Ma la domenica sera, sarai di nuovo depresso, di nuovo intrappolato nel tuo lavoro che non ti porta da nessuna parte e che ancora occupa gran parte del tuo tempo.

Ma sei davvero subdolo e pieno di risorse; questa è una questione di vita e di morte per te. Alla fine - e questo arriva per l'80% degli artisti che ho sempre conosciuto - si trova il modo per lavorare solo tre giorni alla settimana. Puoi lavorare in una galleria; per un artista o un museo; come insegnante, critico d'arte, manipolatore d'arte, contabile, correttore di bozze, qualsiasi cosa.

Ora non sei più depresso: hai tempo per fare il tuo lavoro e uscire di più; ora hai raggiunto la prima misura del successo. Ora torna al lavoro. O smetti di essere un artista.

[...] Lezione 25: Imparare a gestire il rifiuto
 
Nel 1956, "dopo attenta considerazione", il Museum of Modern Art rifiutò un paio di scarpe disegnate da Warhol. Monet è stato rifiutato per anni alle mostre del Salon di Parigi. I lavori di Manet e Courbet furono respinti come scandalosi, sensazionalistici e brutti. Si diceva che i dipinti di Manet esibissero "una inconcepibile volgarità". Manet non voleva esibirsi con Cézanne perché pensava che fosse volgare.

Il più famoso e primo libro di Stephen King, Carrie, è stato rifiutato 30 volte. King ha buttato le prime pagine del libro. Sua moglie le ha raccolte dalla spazzatura, le ha salvate e lo ha convinto a continuare a scrivere.

I Beatles furono respinti dalla Decca Records, che riteneva che "i gruppi di chitarre fossero in via di estinzione" e che "i Beatles non avessero futuro nel mondo dello spettacolo".

Ma non ignorare le critiche. Invece, conserva le tue lettere di rifiuto; incollale al tuo muro. Sono pungoli, cose che ti faranno imparare dagli errori. Potresti anche comportarti come Achab riguardo a queste recensioni negative, ma non lasciarti sconvolgere da loro; non ti definiscono.

È molto più complicato: accetta che ogni critica possa avere un fondo di verità, qualcosa che hai fatto che permettesse a questa persona di dire ciò che è stato detto. Potresti anticipare il tuo tempo, ma la persona che ti ha rifiutato potrebbe non averlo capito. O forse stai facendo qualcosa che non è all'altezza, che ha permesso loro di non apprezzare il tuo lavoro, o non hai trovato un modo per far parlare il tuo lavoro con le persone giuste. Tutto questo ti riguarda.

In generale, devi essere aperto alla critica ma anche sviluppare le palle di un toro. E ricorda che niente di quello che qualcuno ti dice del tuo lavoro può essere peggio delle cose che hai già pensato e detto a te stesso 100 volte.

Dico sempre a chiunque mi critichi: "Potresti avere ragione". Ti darà un doppio vantaggio sulla persona che ti critica, perché da un lato si ritroverà spiazzata da una risposta inusuale e dall'altro il suo ego sarà piacevolmente soddisfatto.

Condividi il post di Tiziano Caviglia Blog su Facebook Condividi il post di Tiziano Caviglia Blog su Twitter Condividi il post di Tiziano Caviglia Blog su WhatsApp Condividi il post di Tiziano Caviglia Blog su Telegram Condividi il post di Tiziano Caviglia Blog via Email