tizianocavigliablog

Il blog di Tiziano Caviglia

Cucine spaziali

Geek   16.01.22  

America's Test Kitchen ha intervistato l'astronauta della NASA Megan McArthur per farsi raccontare cosa si mangia a bordo della Stazione Spaziale Internazionale, come viene conservato il cibo, come si cuoce o congela e come viene consumato.
Di solito non è necessario cucinare un pasto nel modo tradizionale, poiché tutto il cibo è già preparato a terra, ma esistono comunque ricette per creare pasti gustosi con gli ingredienti forniti.

LEGGI ALTRO...

Storia del metal in pillole

Multimedia   15.01.22  

History of Metal è un lungo viaggio dagli anni '50 ai giorni nostri, raccontato attraverso la performance musicale di Andrea Boccarusso, dei generi che hanno caratterizzato metal: heavy metal, punk rock, hair metal, death metal, thrash metal, industrial metal, groove metal, djent, solo per citarne alcuni.

LEGGI ALTRO...

In volo sull'antica Roma

Geek   14.01.22  

History in 3D ha creato una ricostruzione virtuale estremamente dettagliata di Roma così come si poteva vedere nel 360 d.C.
Otto minuti attraverso i paesaggi e gli edifici più famosi della Città Eterna: dai Fori Imperiali al Campus Martius, da Trastevere al Colosseo, passando per anfiteaatri, templi, terme, acquedotti, mura e palazzi.

L'obiettivo di History in 3D è la ricostruzione virtuale più ampia, dettagliata e accurata dell'intera antica Roma mai realizzata.

LEGGI ALTRO...

Il fattore X di Fujifilm

Geek   11.01.22  

Il 9 gennaio 2012 Fujifilm annunciava la X-Pro1 assieme a tre obiettivi a focale fissa XF, la prima mirrorless con obiettivo intercambiabile dotata di attacco X-mount che diede l'avvio a una delle più innovative e desiderate linee di fotocamere mai realizzate, la Serie X.
Oggi Fujfilm promette che tutto quello che è stato realizzato negli ultimi 10 anni sarà la base di partenza per progettare le rivoluzioni a cui assisteremo nei prossimi 10.

LEGGI ALTRO...

25 film del 2021

Multimedia   11.01.22  

Il montaggio, sempre eccellente, di David Ehrlich coi film che hanno segnato (alcuni con vibrante energia, altri con un fiato decisamente più corto) l'intrattenimento nelle sale cinematografiche durante il 2021.

LEGGI ALTRO...

Quella volta di un gorilla a bordo della Stazione Spaziale Internazionale

Wow   10.01.22  

Racconta Scott Kelly che durante la sua missione #YearInSpace , che portò l'astronauta della NASA a soggiornare sulla ISS per 340 giorni, non mancarono i momenti per alleggerire lo stress.
Fu proprio in uno di questi momenti che Kelly, travestito da gorilla, si nascose in una sacca per attrezzature per poi inseguire l'astronauta dell'ESA Timothy Peake per mezza stazione spaziale. Kudos.

LEGGI ALTRO...

Le curiose correnti del Bosforo

Geek   10.01.22  
Lo stretto del Bosforo visto dallo spazio
Lo stretto del Bosforo visto dallo spazio

Il Bosforo, il canale naturale che collega il Mar Nero col Mar di Marmara sulla via del Mar Mediterraneo tramite lo stretto dei Dardanelli, presenta una curiosa cararatteristica che interessa le sue correnti.

Verso il Mediterraneo scorre in superficie un'ampia corrente di acqua dolce, principalmente apportata dai fiumi Danubio, Dniestr, Dniepr e Don.
In direzione contraria scorre invece un canale abissale di acqua salata formato da correnti di densità, flussi sottomarini composti da miscele di sabbia, fango e acqua che sono più densi dell'acqua di mare e quindi affondano scorrendo più in profondità.

LEGGI ALTRO...

Storia del Tricolore

Geek   07.01.22  

La storia della nascita della bandiera d'Italia nel giorno della Festa del Tricolore, istituita per celebrare la prima adozione ufficiale del tricolore come bandiera nazionale.

Il tricolore italiano quale bandiera nazionale nasce a Reggio Emilia il 7 gennaio 1797, quando il Parlamento della Repubblica Cispadana, su proposta del deputato Giuseppe Compagnoni, decreta "che si renda universale lo Stendardo o Bandiera Cispadana di Tre Colori Verde, Bianco, e Rosso, e che questi tre Colori si usino anche nella Coccarda Cispadana, la quale debba portarsi da tutti". Ma perché proprio questi tre colori? Nell'Italia del 1796, attraversata dalle vittoriose armate napoleoniche, le numerose repubbliche di ispirazione giacobina che avevano soppiantato gli antichi Stati assoluti adottarono quasi tutte, con varianti di colore, bandiere caratterizzate da tre fasce di uguali dimensioni, chiaramente ispirate al modello francese del 1790.

E anche i reparti militari "italiani", costituiti all'epoca per affiancare l'esercito di Bonaparte, ebbero stendardi che riproponevano la medesima foggia. In particolare, i vessilli reggimentali della Legione Lombarda presentavano, appunto, i colori bianco, rosso e verde, fortemente radicati nel patrimonio collettivo di quella regione: il bianco e il rosso, infatti, comparivano nell'antichissimo stemma comunale di Milano (croce rossa su campo bianco), mentre verdi erano, fin dal 1782, le uniformi della Guardia civica milanese. Gli stessi colori, poi, furono adottati anche negli stendardi della Legione Italiana, che raccoglieva i soldati delle terre dell'Emilia e della Romagna, e fu probabilmente questo il motivo che spinse la Repubblica Cispadana a confermarli nella propria bandiera. Al centro della fascia bianca, lo stemma della Repubblica, un turcasso contenente quattro frecce, circondato da un serto di alloro e ornato da un trofeo di armi.

LEGGI ALTRO...

Uno sguardo ravvicinato all'Adorazione dei Magi

Geek   06.01.22  
Adorazione dei Magi di Gentile da Fabriano
Adorazione dei Magi di Gentile da Fabriano

L'Adorazione dei Magi, capolavoro gotico oggi conservato alla Galleria degli Uffizi, venne realizzato nel 1423 da Gentile da Fabriano per il facoltoso e colto cittadino fiorentino Palla Strozzi.
L'opera illustra l'adorazione dei Magi, durante l'Epifania del Signore, con una messa in scena sfarzosa e opulenta che celebra la ricchezza del committente e la bravura dell'artista.

Come racconta Aleteia, Gentile da Fabriano si applicò con dedizione a narrare ogni più piccolo dettaglio, secondo il modello letterario offerto dalle ekphrasis bizantine; invitando lo spettatore a soffermarsi su ogni scena e interpretazione, secondo il preciso gusto del committente che nutriva una passione per i codici bizantini e lo studio del greco antico.

Inondato di dettagli, il dipinto vanta anche una ricca narrativa. Notate gli attendenti dietro a Maria mentre esaminano curiosamente il primo dono. Oppure, in primo piano a destra, osserva il cane reale che guarda in modo precario il cavallo che sta per calpestarlo con noncuranza. Davvero intriganti sono gli speroni d'oro della cavigliera del terzo re che vengono tolti da uno scudiero mentre uno dei Magi si prepara ad avvicinarsi a Gesù Bambino.
In mezzo alla folla indaffarata l'artista ha abbozzato il committente del dipinto, Palla Strozzi. È rappresentato come un cortigiano dei Magi. Le sue mani ingioiellate tengono un falco, un riferimento simbolico all'eredità della famiglia Strozzi, poiché la parola strozzieri era un termine toscano per "falconiere". Ricordando lo stemma degli Strozzi, si vedono piccole mezzelune che decorano anche le briglie del cavallo.

[...] Anche lo sfondo è pieno di storie. Le cronache includono quella di un viaggiatore avvicinato da ladri; un leopardo è in attesa per tendere un'imboscata a un cervo locale e un ghepardo incatenato che spera di divorare due uccelli esotici bellicosi. Bellissimi melograni e ulivi decorano le strade tortuose. Mentre il melograno simboleggia l'unità e la Chiesa, gli ulivi rappresentano la pace e la prosperità.

LEGGI ALTRO...

La tecnologia alla base del telescopio spaziale James Webb

Geek   05.01.22  

Il JWST non è solo una perfetta macchina del tempo capace di guardare 13 miliardi e mezzo di anni nel passato, ma è anche una combinazione straordinaria di un insieme di tecnologie sviluppate per far operare al meglio il telescopio spaziale più grande mai realizzato nello spazio profondo: a partire da un gigantesco scudo termico a strati e al criorefrigeratore di bordo capaci di proteggere i componenti sensibili al calore e mantenere lo strumento di rilevamento all'infrarosso a non più di sette Kelvin, per non parlare della serie di specchi di berillio rivestiti in oro capaci di raccogliere un quantità di luce senza precedenti.
Real Engineering approfondisce la progettazione, lo scopo e il potenziale alla base del telescopio spaziale James Webb, che promette di ampliare la nostra concezione dell'universo.

LEGGI ALTRO...