tizianocavigliablog

Tiziano Caviglia Blog. Tiziano Caviglia. Blog.

Come può nascere un pianeta

Geek   29.05.20
AB Aurigae fotografato dal VLT dell'ESO
AB Aurigae fotografato dal VLT dell'ESO

Questa fotografia potrebbe essere una delle prime prove dirette della nascita di un pianeta.
L'immagine ottenuta dal Very Large Telescope dell'ESO raffigura il sistema stellare in formazione AB Aurigae, che si trova a circa 520 anni luce di distanza dalla Terra.

I dati ottenuti confermano la presenza del disco protoplanetario, la struttura discoidale di gas e polveri in orbita attorno a una protostella che rappresenta uno degli indizi per la possibile formazione di un nuovo pianeta.

LEGGI ALTRO...
consigliato da Rhadamanth
Liguria da vivere e da esplorare. La guida turistica per le tue vacanze nella Riviera Ligure. Tutto quello che ti serve per realizzare la tua vacanza in Liguria.
Visit Riviera
Liguria da vivere e da esplorare. La guida turistica per le tue vacanze nella Riviera Ligure. Tutto quello che ti serve per realizzare la tua vacanza in Liguria.

I murales titanici sui silos della Mancia

Geek   29.05.20

Un enorme museo di street art a cielo aperto.
L'artista Okuda San Miguel ha trasformato quelli che un tempo erano dieci silos abbandonati nella provincia spagnola di Ciudad Real in titaniche opere d'arte.
Titanes, come racconta Great Big Story, va oltre la semplice riqualificazione architettonica, il progetto vuole promuovere nella società i valori di inclusione, visibilità e diversità grazie all'arte. Per questo motivo Okuda San Miguel ha messo a frutto l'abilità creativa di improvvisati artisti locali con disabilità intellettive per dipingere le sue opere.

LEGGI ALTRO...

La mappa geologica della Luna

Geek   25.05.20
Mappa geologica della Luna a cura dell'USGS Astrogeology Science Center
Mappa geologica della Luna a cura dell'USGS Astrogeology Science Center

L'USGS Astrogeology Science Center ha pubblicato la più accurata mappa geologica del nostro satellite naturale.
I dati sono stati raccolti a partire dalle sei mappe utilizzate durante il programma Apollo e aggiornati con le più recenti osservazioni satellitari per disegnare questa carta in scala 1: 5.000.000.

I colori dividono la mappa in unità stratigrafiche, così da rappresentare l'intera scala dei tempi geologici lunari, quindi ogni colore rappresenta il tipo di roccia e la sua epoca. Ad esempio, il giallo sulla mappa rappresenta il periodo copernicano.

LEGGI ALTRO...

I consigli su come bere responsabilmente in un libro di 500 anni fa

Multimedia   25.05.20

Quando e con chi dovresti bere moderatamente e quando invece ci si può abbandonare ai piaceri dell'alcol senza freni inibitori.
Atlas Obscura racconta la storia della guida del bere responsabilmente contenuta in un testo del XVI secolo.
Il libro, scritto in latino da Vincent Obsopoeus nel 1536, è stato di recente pubblicato nella versione curata da Michael Fontaine col titolo How to Drink: A Classical Guide to the Art of Imbibing e illustra i comportamenti per regalarsi una meravigliosa esperienza alcolica in qualsiasi occasione.

LEGGI ALTRO...

L'ultima lettera aggiunta all'alfabeto

Wow   23.05.20

L'alfabeto, ironia della sorte, non è stato creato in ordine alfabetico e l'ultima lettera aggiunta non è stata la z.

Come racconta il Reader's Digest, la j è stata l'ultima lettera a essere aggiunta all'alfabeto latino, inserita tra la i e la l.
La i e la j hanno convissuto a lungo e come varianti grafiche della stessa lettera prima di essere distinte in due lettere diverse.
L'invenzione è attribuita a Gian Giorgio Trissino che, nel 1524, usa i due grafemi per rappresentare suoni diversi nella sua De le lettere nuovamente aggiunte ne la lingua Italiana.

Per gli appassionati, questa infografica racconta l'evoluzione dei caratteri dell'alfabeto attraverso i millenni, dal proto-sinaitico ai segni latini moderni.

LEGGI ALTRO...

La digital week dei Palazzi dei Rolli di Genova

Geek   21.05.20

Quest'anno la settimana dedicata a uno dei Patrimoni dell'Umanità dell'UNESCO, le Strade Nuove e il Sistema dei Palazzi dei Rolli, diventa virtuale. Nonostante la pandemia di COVID-19 i Rolli Days non si fermano, ma si riorganizzano in formato digitale.

I fasti delle esclusive dimore genovesi dei Rolli degli alloggiamenti pubblici che, al tempo della Repubblica di Genova, registravano i palazzi delle nobili famiglie che ambivano ad ospitare le alte personalità in transito per visite di stato, potranno essere ammirate a distanza sulla playlist dedicata dal canale YouTube di Genova More Than This.

Le Strade Nuove (Via Giuseppe Garibaldi, già Strada Nuova o Via Aurea, Via Cairoli, già Strada Nuovissima, via Bensa e via Balbi) sono un gruppo di strade costruite dall'aristocrazia genovese tra la seconda metà del Cinquecento e la prima metà del Seicento, quando la Repubblica di Genova era all'apice del suo potere marittimo e finanziario.

I Palazzi dei Rolli sono un gruppo di palazzi nobiliari che, al tempo dell'antica Repubblica, erano obbligati, sulla base di un sorteggio pubblico dalle liste degli alloggiamenti pubblici (dette "rolli"), ad ospitare le alte personalità che si trovavano a Genova in visita di Stato. Essi comprendono una serie di edifici tardo-rinascimentali e barocchi che hanno, di norma, tre o quattro piani "con spettacolari scaloni aperti, cortili e loggiati che si affacciano su giardini". Molti degli interni, nonostante il trascorrere dei secoli e i pesanti danni dovuti ai bombardamenti della seconda guerra mondiale, presentano le decorazioni originali dei maggiori autori del manierismo e del barocco genovese. In epoche successive, le medesime abitazioni hanno ospitato viaggiatori illustri che includevano il capoluogo ligure nel loro Grand Tour.

LEGGI ALTRO...

Il primo bacio nella storia del cinema

Multimedia   20.05.20

Questa è la storia del primo bacio che sia mai stato ripreso e proiettato.
Jstor Daily racconta come questo casto atto di romanticismo di appena qualche secondo suscitò clamore in tutto il mondo, aprì la strada a nuove idee di sceneggiatura e regia e creò un nuovo immaginario collettivo attorno al nuovo medium capace di suscitare forti e contrastanti emozioni nel pubblico.

The Kiss fu girato nel 1896 da William Heise. L'intero cortometraggio di circa 18 secondi riprende la scena finale del musical teatrale The Widow Jones, di John J. McNally, interpretato da May Irwin e John C. Rice.

LEGGI ALTRO...