tizianocavigliablog

Tiziano Caviglia Blog. Tiziano Caviglia. Blog.

Debuttare al cinema con un film di fantascienza

Multimedia   28.03.20
Scena tratta da Dark Star di John Carpenter
Scena tratta da Dark Star di John Carpenter

Per molti registi la prima volta in sala è stata grazie a film di alieni, futuri distopici, scienziati pazzi, superpoteri e robot giganti.
Io9 racconta il debutto sul grande schermo di venti registi rivoluzionari che hanno tutti una cosa in comune, aver iniziato la propria carriera dirigendo una pellicola di fantascienza diventata un classico del genere.

LEGGI ALTRO...
consigliato da Rhadamanth
Il blog che accarezza i fiori tra arte e design.
TulipanoRosa
Il blog che accarezza i fiori tra arte e design.

I suggerimenti degli astronauti per sopravvivere in isolamento

Res publica   26.03.20

Alcuni astronauti dell'ESA e della NASA hanno condiviso le loro esperienze di isolamento in ambienti ristretti e con contatti limitati e ovviamente a distanza con amici, parenti e colleghi, durante le missioni spaziali, per permetterci di affrontare al meglio questo periodo di quarantena imposta dalla pandemia di COVID-19.

Il programma includerà collegamenti da remoto con astronauti ed ospiti da tutto il mondo. I presentatori e gli ospiti parleranno ai bambini, ai giovani ed alle loro famiglie ed amici delle loro esperienze e tecniche in spazi confinati, di lezioni di vita dall'esplorazione spaziale, della loro fiducia nella scienza e delle loro fonti di ispirazione.
Il programma si svolge in cinque segmenti linguistici con inizio alle ore 16:00 in olandese, seguito dal tedesco (alle 17:00), italiano (18:00), francese (19:00) ed inglese (20:00).

LEGGI ALTRO...

Ottenere un'immagine nitida di un buco nero

Geek   24.03.20

Dopo aver fotografato per la prima volta l'orizzonte degli eventi di un buco nero, il supermassiccio M87 grazie all'Event Horizon Telescope (EHT), gli astronomi si sono interrogati su come poter migliorare la nitidezza delle immagine ottenute. Una soluzione potrebbe essere quella di concentrarsi sull'anello fotonico del un buco nero.

Michael Johnson del Center for Astrophysics Harvard and Smithsonian spiega questa teoria su Science Advances.

L'immagine di un buco nero in realtà contiene una serie nidificata di anelli, ogni nuovo anello ha circa lo stesso diametro del precedente ma diventa sempre più nitido perché la sua luce orbita attorno al buco nero più volte prima di raggiungere l'osservatore. L'attuale immagine catturata da EHT è solo un frammento della complessità di ciò che rappresenta un buco nero.

Tuttavia per ottenere questo tipo di immagini l'EHT, che è formato da numerosi telescopi sparsi su tutto il pianeta trasformando la Terra stessa in un immenso telescopio, non è sufficiente. Anche in questo caso però la soluzione è tecnicamente alla portata. Per costruire un radiointerferometro ancora più grande basterebbe infatti aggiungere un telescopio spaziale all'EHT.

Studiare gli anelli fotonici non solo migliorerebbe le foto ottenute, ma permetterebbe agli astronomi di utilizzare i dati raccolti per scoprire la massa, le dimensioni e la rotazione dei buchi neri.

LEGGI ALTRO...

La leggenda medievale di un mitico regno cristiano perduto

Wow   22.03.20

Sul finire del XII secolo iniziò a circolare la leggenda di un regno cristiano nestoriano perduto. L'origine del mito risale a una lettera scritta in latino secondo la quale un sedicente re e sacerdote di nome Prete Gianni descriveva i suoi possedimenti in una lontana terra orientale.
Il suo regno era immenso, straordinariamente ricco e popolato, secondo l'immaginario medievale, da esseri mitologici.
La figura di questo personaggio divenne talmente popolare nelle cronache e nella tradizione europea che la sua leggenda perdurò sino al XVII secolo, ispirando racconti e canzoni.

Nel corso dei secoli fiorirono ipotesi e indizi che appassionavano storici e ricercatori. Per Jacques de Vitry, Prete Gianni, altri non era se non Gengis Khan. Vincenzo di Beauvais credeva fosse un imperatore indiano. Ludovico Ariosto, nell'Orlando furioso, lo immagina quale re d'Etiopia di nome Senapo, che Astolfo libera da una maledizione divina che lo costringeva a soffrire la fame. Odorico da Pordenone era convinto che si trattasse di un principe cinese. Secondo gli Annales sancti Rudberti Salirburgensis il leggendario re sarebbe stato Abaka, il secondo re mongolo di Persia. Infine Marco Polo e Alberico delle Tre Fontane affermavano trattarsi di un sovrano keraita, una popolazione mongola convertita al cristianesimo nestoriano.
Innumerevoli furono anche i tentativi di cercare il regno, spostando di volta in volta i confini man mano che le esplorazioni avanzavano, dalla Persia all'India, dalla Nubia all'Etiopia, dalla Mongolia alla Cina, dall'Indocina alla Manciuria.

LEGGI ALTRO...

Cos'è l'immunità di gregge e come potrebbe aiutare a fermare la pandemia di COVID-19

Geek   22.03.20

Il MIT Technology Review analizza il fenomeno di immunità di gregge e cosa ha a che fare con la fine dell'emergenza legata alla pandemia di COVID-19.

Esistono fondamentalmente tre modi per fermare definitivamente la pandemia di Covid-19. Il primo comporta restrizioni straordinarie sulla libera circolazione e l'assembramento, nonché test a tappeto per interrompere completamente la sua trasmissione. Tuttavia questo potrebbe ormai essere impossibile ora che il virus è presente in oltre 100 paesi. Il secondo modo è un vaccino capace di immunizzarci tutti, ma deve ancora essere sviluppato.

Il terzo metodo è potenzialmente efficace ma orribile da considerare: aspettare pazientemente che abbastanza persone vengano contagiate.

Se il virus continuasse a diffondersi liberamente, alla fine la maggioranza delle persone verrebbero infettate e (se sopravvivessero) diventerebbero immuni, in questo modo l'epidemia si arresterebbe da sola poiché il virus avrebbe difficoltà a trovare ospiti da contagiare. Questo fenomeno è noto come immunità di gregge.

[...] Ma puntare subito all'immunità di gregge sarebbe una strategia disastrosa, secondo i modelli attuali. La spiegazione risiede nell'elevato numero di persone che si ammaleranno contemporaneamente e questo improvviso picco di contagiati che necessitano di cure ospedaliere o di accedere ai reparti di terapia intensiva supererà la capacità dei sistemi sanitari. [...] Rallentare la diffusione del contagio significherebbe salvare gli ospedali e salvare vite umane, ma alla fine il risultato potrebbe essere lo stesso. Cioè, anche se la pandemia si prolungherà nel tempo, potrebbe ancora volerci l'immunità di gregge per porvi fine.

LEGGI ALTRO...

Lavarsi le mani alla maniera di Ignaz Semmelweis

Geek   20.03.20

In tempi di Coronavirus è meglio lavarsi spesso le mani. Oggi ce lo ricorda anche Google con un doodle dedicato alle linee guida in materia, stilate dall'Organizzazione Mondiale della Sanità, prendendo in prestito l'immagine di Ignaz Semmelweis, il celebre medico di Budapest conosciuto proprio per essere il padre del lavaggio delle mani.

LEGGI ALTRO...

Suonare un Cristal Baschet

Multimedia   19.03.20

Il Cristal Baschet è uno strumento musicale composto da 54 cilindri di vetro intonati su scala cromatica.
Inventato dai fratelli François e Bernard Baschet nel 1952, questo particolare strumento musicale, chiamato talvolta Crystal Organ, viene suonato con le dita inumidite. L'effetto genera vibrazioni che attraversano steli metallici, dalla cui lunghezza dipende la frequenza sonora prodotta. Queste vibrazione vengono infine amplificate attraverso coni in fibra di vetro a forma di fiamma, con suono che ricorda vagamente quello prodotto dalla concettualmente simile glassarmonica.

LEGGI ALTRO...