tizianocavigliablog
Alabarda spaziale.

Categoria Multimedia

Le gigantesche miniature di Blade Runner 2049 05.01.18

La distopica Los Angeles di Blade Runner 2049 ricreata nelle gigantesche miniature iperdettagliate della Weta Workshop.
Ecco come gli edifici prendono vita sullo schermo grazie a un meticoloso lavoro di computer grafica e artigianato.

Rachel in Blade Runner 2049 05.01.18

Rachel, la replicante di Blade Runner interpretata da Sean Young, ricreata dalla Moving Picture Company (MPC) per il sequel Blade Runner 2049.

La Disney negli anni '70 e '80 04.01.18

Den of Geek esplora la produzione cinematografica della Disney tra i primi anni '70 e gli anni '80.
Un periodo di grande confusione creative seguita alla morte di Walt e Roy Disney, ma che lasciò un segno indelebile nella produzione degli studios e del cinema di genere. L'horror Gli occhi del parco, il fantasy Il drago del lago di fuoco e i fantascientifici Tron e The Black Hole - Il buco nero.

To this end, Disney began work on the most expensive movie in its history: The Black Hole. Work on the sci-fi adventure had begun in the mid-70s, where it began as an unpublished story called Space Station-One. For years, the project floated around Disney's offices, with writers coming and going and the name changing first to Probe One and then finally to The Black Hole. It wasn't until January 1978 that pre-production began in earnest, and by this point, Star Wars had punched a planet-sized hole through public consciousness, and sci-fi was suddenly the hot genre.

The Black Hole's then-huge $20 million budget wasn't the only precedent the movie would set: it was to be the first Disney production to carry a PG rating. This might not sound like a big deal today, but at the time, it was quite a departure; traditionally, Disney had a policy of only releasing G-rated movies, which it stuck to rigidly - when the company's 1950 film Treasure Island was reissued in 1975, a brief shot of a bullet wound was snipped out to avoid a PG rating from the MPAA.

Un supercut coi 25 migliori film del 2017 16.12.17

L'annuale supercut di David Ehrlich che raccoglie il meglio uscito al cinema nel 2017.

Over the last 12 months, the world seemed to be changing faster than ever, and not for the better. At a time when every day felt like a week, and every week felt like a year, watching a movie felt like a dangerous proposition; you had no idea what the world was going to look like when you walked out of the theater two hours later. Even the most immersive films couldn't always keep that anxiety at bay, these dark thoughts seeping into even darker rooms and transforming these sacred spaces into elaborate Rorschach tests that tricked us into seeing whatever was scaring us most at that particular moment, or whatever might be needed to give us hope. It was a heightened stretch unlike any in recent memory, but the best films ultimately did what the best films always do: They brought the world into focus, showed it from a fresh sonspective, and reminded us that we’re not alone.

Continuing a new tradition that seems well-suited for a time when everything feels slightly out of focus and it's hard to get a grasp on the big picture, I've distilled each of my 25 favorite films of the year into a single memorable moment. Continuing a different, slightly older tradition, I've also edited those moments into a giant supercut that looks back at the year in cinema and counts down my personal highlights.

Il cinema nel colore del Technicolor 11.12.17

È una delle transizioni più sorprendenti ed efficaci della storia del cinema.
Dorothy, appena giunta nel mondo di Oz, apre la porta, imersa nella luce seppia del Kansas, e si ritrova nella sfavillante tonalità del Technicolor.

Phil Edwards ripercorre (in maniera esaustiva) la storia del Technicolor, la tecnica e come questa invenzione abbia rivoluzionato per sempre la realizzazione dei film, l'estetica e l'immaginario collettivo di intere generazioni di spettatori.

9 grandi film e una serie tv onirica usciti nel 2017 08.12.17

Il decalogo dei film dell'anno secondo Cahiers du Cinéma con la provocazione di veder inserita la terza stagione di Twin Peaks.
Perché, in Francia, David Lynch è sempre sinonimo di grande cinema.

  1. Twin Peaks: The Return (David Lynch)
  2. Jeannette: The Childhood of Joan of Arc (Bruno Dumont)
  3. Certain Women (Kelly Reichardt)
  4. Get Out (Jordan Peele)
  5. The Day After (Hong Sang-soo)
  6. Lover For a Day (Philippe Garrel)
  7. Good Time (Josh and Benny Safdie)
  8. Split (M. Night Shyamalan)
  9. Jackie (Pablo Larraín)
  10. Billy Lynn's Long Halftime Walk (Ang Lee)

Il mashup dei film usciti nel 2017 03.12.17

La produzione hollywoodiana del 2017 nel mashup, montato da Louis Plamondon, che raccoglie 231 film.
Su Sleepy Skunk la lista delle pellicole elencate.

Libri scritti da donne sulle donne 30.11.17

Bustle elenca 17 imperdibili libri, editi nel 2017, tutti scritti da donne sulle donne.

La ricerca della felicità 28.11.17

L'illusoria ricerca della felicità e dell'appagamento personale nella realtà consumistica illustrati nel pregevole corto di animazione diretto dal Steve Cutts.

L'arte di disegnare una pagina a fumetti 27.11.17

Evan Puschak analizza una pagina di Maus, la graphic novel di Art Spiegelman che racconta la tragedia della Shoah attraverso i ricordi del padre dell'autore sopravvissuto ai campi di concentramento di Majdanek e Auschwitz, per illustrare il linguaggio di un romanzo a fumetti.
Forme, spazialità, racconto e design rimano all'interno della pagina per giungere a una narrazione complessa capace di stimolare il lettore su più piani coscienti.