tizianocavigliablog

Tiziano Caviglia Blog. Tiziano Caviglia. Blog.

Collezionare francobolli di paesi che non esistono per davvero

Geek   14.02.20
Francobollo di Sealand
Francobollo di Sealand

Atlas Obscura ha intervistato Laura Steward che ha curato per l'Università di Chicago un'insolita mostra filatelica. I francobolli esposti infatti provengono da micronazioni, entità giuridicamente inesistenti che pretendono (spesso per fini turistici, folcloristici o fiscali) di essere considerate al pari stati indipendenti naturalmente senza nessun riconoscimento internazionale.

Un francobollo è un piccolo, ma potente ambasciatore simbolico di una nazione nei confronti del resto del mondo. [...] Un servizio postale funzionante, reso visibile dai francobolli, è un'espressione inconfondibile di legittimità nazionale... Di conseguenza, il francobollo è un veicolo eccellente per gli stati spuri o completamente fittizi per dichiarare la loro esistenza.

The French Dispatch of the Liberty, Kansas Evening Sun di Wes Anderson

Multimedia   13.02.20

Wes Anderson c'è riuscito di nuovo.

Nell'immaginaria città francese di Ennui-sur-Blasé ha sede la redazione del periodico settimanale di cronaca e cultura French Dispatch, supplemento del quotidiano Evening Sun di Liberty nel Kansas.
Per commemorare la morte del direttore viene decisa la pubblicazione di un'edizione speciale con una selezione di tutti i migliori articoli usciti sul settimanale, come la vicenda del rapimento di uno chef, la drammatica storia di un artista condannato all'ergastolo per duplice omicidio e un reportage che segue le rivolte studentesche del Maggio francese durante i movimenti del Sessantotto.

Avido lettore sin da adolescente e collezionista di numeri del New Yorker, Wes Anderson, ha voluto omaggiare il settimanale newyorkese ispirandosi a esso per creare la redazione e la narrazione giornalistica della redazione del French Dispatch e ai suoi archivi per drammatizzare le inchieste raccontate nel film.

L'appuntamento in sala è fissato per quest'estate.

Il concorso di bellezza per capelli congelati

Wow   12.02.20
L'Hair Freezing Contest al Takhini Hot Springs resort
L'Hair Freezing Contest al Takhini Hot Springs resort

Ogni anno dal 2011 nel resort di sorgenti termali di Takhini, a Whitehorse nello Yukon si tiene il curioso Hair Freezing Contest.
I partecipanti alla competizione devono immergersi nella sorgente calda, dopo un minuto all'aperto i capelli bagnati congelano a causa delle basse temperature creando acconciature particolari. Le più particolari verranno premiate dal resort e si possono ammirare sul profilo Instagram.

Una gara contro il vento in bici

Res publica   11.02.20

Ogni anno, tra l'autunno e l'inverno lungo la strada che sovrastra la diga di sbarramento antitempesta di Oosterscheldekering sulla Schelda Orientale, si svolge una particolare gara ciclistica che non ha eguali al mondo: il campionato olandese di ciclismo controvento, per gli amici NK Tegenwindfietsen.
Una competizione che vede gli atleti sfidare la furia della tempesta in una gara contro il tempo in sella a bici da strada a scatto fisso.

Un direttore d'orchestra androide

Multimedia   08.02.20

Scary Beauty è un progetto di fusione artistica tra menti umane e intelligenza artificiale.
La sinfonia composta da Keiichiro Shibuya viene diretta da un androide, Alter3, che ne controlla il tempo, andamento e dinamiche interagendo con l'ambiente e i musicisti.

Una metafora delle relazioni tra uomo e tecnologia. Un'intelligenza artificiale capace di aggiungere un suo tocco personale all'esperienza umana creando un'opera d'arte insieme.

Un nuovo tipo di aurora boreale: le dune

Geek   07.02.20

Un gruppo di appassionati di aurore polari ha scoperto in Finlandia un tipo sconosciuto di aurore che è stato chiamato le dune.

Le dune appaiono come sottili nastri di luce verde nel cielo, che si estendono verso l'equatore per centinaia di chilometri. La maggior parte delle luci aurorali sono orientate verticalmente, come tende che pendono dal cielo, ma le dune sono disposte orizzontalmente, come le dita che raggiungono l'orizzonte.

[...] I ricercatori sospettano che le dune siano manifestazioni visibili di ondulazioni dell'aria chiamate onde atmosferiche. Se la loro teoria si rivelasse corretta, le dune potrebbero fornire un modo per comprendere una parte dell'atmosfera superiore della Terra che è notoriamente difficile da studiare. Questa regione dell'atmosfera, all'incirca da 80 a 120 chilometri (da 50 a 75 miglia) intorno alla superficie terrestre, è sensibile ai cambiamenti di energia del sole e dell'atmosfera inferiore della Terra. Le fluttuazioni energetiche in questa regione possono influenzare indirettamente le traiettorie dei satelliti in orbita attorno alla Terra e il rientro dei veicoli spaziali.