tizianocavigliablog
Nessuno si aspetta l'Inquisizione spagnola.

Categoria Res Publica

Preservare le lingue in via di estinzione 18.04.19

Tunica, Osing, la lingua curda centrale e la lingua dei segni olandese hanno tutte un destino comune, sono tra i circa 500 idiomi considerati dall'UNESCO in via di estinzione.
Ora Daniel Bögre Udell con il progetto Wikitongues sta collaborando con volontari di tutto il mondo per creare un archivio per preservare, conservare e trasmettere le lingue che rischiano di scomparire a causa del continuo ridursi del numero dei parlanti.

Il rettore di Notre-Dame 16.04.19

Un tour di Notre-Dame con un cicerone d'eccezione, il rettore arciprete della cattedrale Patrick Chauvet.
Un accesso esclusivo e mozzafiato, che ci viene regalato da Euronews, tra gli scenari della chiesa più iconica di Parigi per scoprire la storia dell'uomo e del prete su cui ricade il compito di guidare attraverso la modernità del XXI secolo un'istituzione religiosa e culturale patrimonio dell'umanità.

La cattedrale di Notre-Dame com'era 15.04.19

In un recente documentario France 24 ha esplorato uno dei luoghi più visitati di Parigi, la cattedrale di Notre-Dame.
Il documentario ripercorre la storia, l'architettura e i restauri dell'imponente cattedrale gotica sorta nel XII secolo e ora divorata in parte dalle fiamme.

10 cicliste che hanno lasciato il segno 08.03.19

Per celebrare la Giornata internazionale della donna, GCN ha deciso di elencare 10 tra le cicliste più forti, competitive e rappresentative di sempre in questo sport, capaci di ispirare generazioni di atlete e atleti .

La mappa delle rotte commerciali medievali 19.02.19

La mappa delle rotte commerciali medievali
La mappa delle rotte commerciali medievali

Martin Jan Månsson ha realizzato un'accurata e dettagliata mappa navigabile delle rotte commerciali che attraversavano l'Europa, l'Asia e l'Africa tra l'undicesimo e il dodicesimo secolo.

Anche prima dei tempi moderni il mondo afro-euroasiatico era già ben collegato. Questa mappa descrive le principali arterie commerciali dell'alto medioevo, subito dopo il declino dei Vichinghi e prima dell'ascesa dei Mongoli, l'Hansa e ben prima che il Portogallo doppiasse il Capo di Buona Speranza.

La mappa mostra anche la topografia generale, i fiumi, i passi di montagna e le i nomi delle rotte. Tutto ciò ha contribuito a spiegare perché le città sono diventate, e lo sono ancora, fino ai tempi moderni.

Il medioevo era un tempo in cui le stelle si allineavano in termini di commercio per molte aree del mondo. Nell'Europa centrale molte città tedesche e francesi avevano aperto fiere annuali, alcune delle quali sono ancora attive oggi, soprattutto a Francoforte. Gli europei hanno rielaborato la domanda di beni orientali a seguito delle crociate in Iberia e nel Levante. Gli stati delle città italiane e alcune città iberiche del nord est avevano spedito i crociati avanti e indietro nel Mediterraneo, costruendo enormi flotte e creando reti di scambi commerciali in tutto il Mediterraneo. Gli italiani frequentavano porti come Alessandria, che avevano porti commerciali separati per navi musulmane e cristiane.

Le ultime scimmie selvatiche in Europa 31.01.19

Una bertuccia di Gibilterra
Una bertuccia di Gibilterra

Simbolo di Gibilterra dal 1988, le bertucce di Gibilterra (specie Macaca sylvanus) sono l'unica popolazione di scimmie selvatiche in Europa. Sulla penisola ne sono presenti circa 230 esemplari suddivisi in 5 gruppi che si trovano nelle zone più alte della Rocca.
I gibilterrini le chiamano monos. Scimmie, in llanito.

Atlas Obscura racconta la loro curiosa storia che ha portato le ultime scimmie selvatiche europee a rifugiarsi in uno stretto e inospitale lembo di terra al confine tra due continenti.

La penisola ha una superficie di sole 6,8 km quadrati ed è formata principalmente da sabbia, roccia e cespugli. Non è un posto particolarmente ospitale, con poca acqua fresca e poche risorse naturali al di là del sole e delle spiagge. La vita vegetale e animale è anch'essa abbastanza limitata, con qualche volpe, conigli e una discreta selezione di rane e lucertole. È una tappa migratoria per molti uccelli, ma non costruiscono nidi né trascorrono molto tempo lì. Gibilterra ha pochi alberi, solo alcuni olivi selvatici, rattrappiti e una manciata di palme, arbusti e piante grasse importati da altre parti dell'impero britannico.

Eppure ci sono anche circa 200 bertucce, scimmie senza coda originarie del Marocco e dell'Algeria. Su questa piccola penisola asciutta, in gran parte dedicata al turismo e ai militari, con poca acqua dolce e pochi altri mammiferi, ci sono le scimmie.

Le scimmie normalmente tendono a prediligere più caldi, molto più caldi di Gibilterra.
Le scimmie europee si sono trasferite dal continente durante l'ultima era glaciale, ma le bertucce hanno vissuto a Gibilterra ininterrottamente, almeno dall'inizio del XVII secolo, quando furono registrate per la prima volta da cronache della zona.

C'era una volta la Targa Florio 05.12.18

Prima dell'attuale gara in versione rally, la Targa Florio rappresentava una delle più affascinanti e folli corse automobilistiche della storia e, assieme all'iconica Mille Miglia, un simbolo del cuore sportivo motoristico d'Italia.

Dall'erba alla forma, il processo di produzione del Parmigiano Reggiano 04.12.18

Una breve guida di Food Insider racconta la filiera di produzione, a partire da prati stabili e scienza casearia, e come riconoscere una vera forma di quel tesoro del gusto che passa sotto il nome di Parmigiano Reggiano.

Il campionato mondiale di aratura 25.11.18

Il campionato mondiale di aratura Germania 2018
Il campionato mondiale di aratura Germania 2018

Come molte competizioni insolite, anche l'aratura competitiva ha una sua sottocultura e le sue leggende.
A quanto pare in questo particolare sport agreste gli irlandesi dominano per bravura e per capacità di realizzare grandi tornei con importanti premi in denaro.

L'aratura competitiva è senza dubbio uno sport, in quanto è un'attività fisica organizzata con un corpo dirigente e regole severe, ma è giusto dire che il fisico di un aratore di livello mondiale non richiama immediatamente alla mente un Novak Djokovic o un Cristiano Ronaldo. Arare - dopo un po' di pratica - può davvero essere eccitante nella sua millimetrica precisione e tecnica, ma non è un passatempo che richiede fisico da atleta o anche un BMI sano. Un recente vincitore dell'annuale British Plowing Championship aveva 82 anni. [...]

[...] Ma se arare in qualche modo non è uno sport in termini di velocità o pericolo, supera i parametri degli altri sport. Come il tiro con l'arco, diciamo, è un'abilità antica, ma laddove il tiro con l'arco è ormai diventato un hobby, l'aratura rimane un lavoro nella vita reale, ormai da millenni. È la professione più antica del mondo - la seconda più antica, come dicono gli aratori, se si considera la prostituzione.

L'isola del sumo 17.10.18

Amami Oshima è un'isola subtropicale dell'arcipelago giapponese delle isole Ryukyu.
Oltre a essere famosa come meta turistica, grazie alle sue spiagge sabbiose e alla barriera corallina, è anche conosciuta per avere una delle più alte concentrazioni di dohyo, la zona di combattimento del sumo, dell'intero Giappone.