tizianocavigliablog
Habemus blogger.

Categoria Res Publica

La vita dell'uomo più alto del Giappone 08.08.18

Il signor Yasutaka Okayama, nato il 29 novembre 1954 nella prefettura di Kumamoto, nel 1981 è stato riconosciuto come il più alto giocatore di basket nella storia della NBA dopo essere stato selezionato dai Golden State Warriors con il decimo pick dell'ottavo round del Draft 1981, anche se non firmò con loro per non aver passato gli esami medici.
Okayama praticò il Judo alle scuole medie e alle superiori e iniziò a giocare a basket a diciotto anni, rappresentando il Giappone tra il 1979 e il 1986 prima di ritirarsi dal gioco nel 1990.
Questa è la storia dell'uomo più alto del Giappone in una nazione non concepita per ospitare persone della sua statura.

Come il Giro d'Italia 2018 è stato vinto da Chris Froome 27.05.18

Dallo Zoncolan alla fuga solitaria di 80 km iniziata sul Colle delle Finestre (Cima Coppi di quest'anno) nella frazione che vedeva l'arrivo a Bardonecchia.
Il racconto del trionfo al Giro d'Italia, che ricorda i tempi eroici del ciclismo, di Chris Froome che ora è entrato nell'Olimpo dei ciclisti in grado imporsi in tutti e tre i Grandi Giri, in compagnia di Jacques Anquetil, Felice Gimondi, Eddy Merckx, Bernard Hinault, Alberto Contador e Vincenzo Nibali.

This was always going to be the biggest challenge of my career, but now I've done the triple and there's no greater award for a professional cyclist.

Lo stoicismo spiegato in 5 minuti 16.05.18

Conosciuta come una delle maggiori scuole filosofiche dell'età ellenistica, assieme allo scetticismo e all'epicureismo, lo stoicismo è stato fondato intorno all'anno 300 a.C. da Zenone di Cizio ad Atene e dal famoso Stoà Pecìle dell'agorà prende il suo nome, in onore al luogo da cui venivano impartite le lezioni.

Massimo Pigliucci racconta in pillole la nascita, l'evoluzione e l'deale dello stoicismo, la corrente di impronta razionale che sostiene l'integrità morale e intellettuale e il finale raggiungimento della saggezza attraverso il dominio sulle passioni, il distacco dalle cose terrene e l'autocontrollo.

L'origine della bandiera europea 09.05.18

Il giornalista Michael Hobbes racconta l'origine dell'emblema europeo, oggi universalmente conosciuto come bandiera dell'Europa, nato per volontà del Consiglio d'Europa negli anni '50.
Allora, dopo numerosi tentativi andati a vuoto, la scelta ricadde sulla proposta di Arsène Heitz, che sottopose l'idea di una corona di quindici stelle d'oro su di un drappo blu con una stella dorata al centro.
L'assemblea parlamentare del Consiglio d'Europa il 25 ottobre 1955 adottò l'emblema rimuovendo però la stella centrale.
La nuova bandiera fu esposta per la prima volta al castello di la Muette a Parigi il 13 dicembre 1955.

L'emblema venne in seguito adottato dalla Comunità Europea durante il meeting a Milano dei capi di stato e di governo nel giugno del 1985.
Nel 1992 la neo costituita Unione Europea con il trattato di Maastricht erediterà la bandiera dalle dodici stelle dal CE, divenuta nel frattempo il primo pilastro dell'Unione.

Sullo sfondo blu del cielo del Mondo occidentale, le stelle rappresentano i popoli dell'Europa in un cerchio, simbolo di unità... proprio come i dodici segni dello zodiaco rappresentano l'intero universo, le dodici stelle d'oro rappresentano tutti i popoli d'Europa - compresi quelli che non possono ancora partecipare alla costruzione dell'Europa nell'unità e nella pace.
(Consiglio d'Europa. Parigi, 7-9 dicembre 1955)

Un giorno da fotografo alla 24 Ore di Spa 04.05.18

Jamey Price ha vissuto la 24 Ore di Spa in un modo unico, come fotografo di una delle più affascinanti gare automobilistiche di durata del mondo.
Questa è stata la sua esperienza ai bordi dell'iconico Circuito di Spa-Francorchamps.

La guida completa al Giro d'Italia 2018 03.05.18

Il Garibaldi, la guida al Giro d'Italia 2018
Il Garibaldi, la guida al Giro d'Italia 2018

Una Grande Partenza d'eccezione da Gerusalemme, una prima assoluta lontano dall'Europa per uno dei Grandi Giri. 44 mila metri di dislivello. 3.546 chilometri. 495 città attraversate. 176 ciclisti a contendersi le 21 tappe per raggiungere il traguardo di Roma e sollevare il Trofeo Senza Fine.
Un'edizione, quella del 101° del Giro d'Italia, da seguire con Il Garibaldi a portata di mano, la guida definitiva della corsa rosa.

70 anni di governi italiani in infografica 26.04.18

In attesa di capire chi formerà il nuovo esecutivo, dopo il deflagrante esito elettorale del 4 marzo, La Repubblica publica un'infografica su 70 anni di governi repubblicani.

Chi è stato il presidente del Consiglio che ha governato di più? E il più giovane? Perché negli ultimi 20 anni ci sono stati meno governi?

Le lingue più a rischio nel mondo 14.04.18

UNESCO Atlas of the World's Languages in Danger
UNESCO Atlas of the World's Languages in Danger

L'atlante delle lingue in pericolo, stilato dall'UNESCO, raccoglie gli idiomi che rischiano di scomparire a causa del numero di parlanti in continuo calo.

È il caso della lingua nlu (o nllng), parlata nell'Africa sud occidentale da appena 8 persone, tutti individui anziani della omonima popolazione. La stragrande maggioranza dei circa 500 rappresentanti della popolazione nlu sono madrelingua nama o afrikaans.
O del guardiolo (in occitano gardiòl), una varietà dialettale occitana parlata nel borgo storico di Guardia Piemontese in provincia di Cosenza di cui resistono circa 340 locutori.

Un Everest molto affollato 30.03.18

L'affascinante atmosfera dell'affollato Campo 2 sull'Everest sotto il cielo notturno, nel time lapse di Elia Saikaly.

La bolla del bike sharing in Cina 27.03.18

Un immenso cimitero di bici a Shanghai
Un immenso cimitero di bici a Shanghai
Pile di bici abbandonate a Xiamen
Pile di bici abbandonate a Xiamen

L'esplosione del fenomeno del bike sharing in Cina raccontato attraverso gli scatti fotografici dei cimiteri di biciclette abbandonate o sequestrate.

La bolla delle bici condivise è esplosa quando decine di aziende di hanno rapidamente invaso le strade delle città con numeri di gran lunga superiori alla domanda reale. Le città cinesi, impreparate per infrastrutture non adeguate, scarso senso civico e regolamenti lacunosi, sono state sommerse da milioni di biciclette a noleggio, incapaci di gestire il fenomeno.
Oggi i cimiteri di bici sono diventati l'ennesimo monito; una crescita sostenibile non può più essere ignorata. Neppure in Cina.