tizianocavigliablog

La maladie

Wow   24.08.06

"La maladie" di Tiziano Caviglia, scritta a La Seyne sur Mer il 20 Febbraio del 1944:

Lorsque je vois les autres q'amuser faire mille folies
Tanìs que mois pauvre loque prostrée, je suis par la maladie,
Alors en ces moments je supplie Dieu de me rendre la santé
Ou de m'enlever cette misérable vie comme il me l'a donnée.

Maladie! Mot incompris vide de sens
Pour ceux dont le corps resplendit de force virile
Tu ne sais pas ce que ressent
En portant ton lourd fardeu, mon ame juvenile.

Mais tous ne me croient pas
Car ils voient sur ma mine accorte
Ce que malheureusement je n'ai pas
C'est-à-dire la force que la santè apporte.

Oui santè esprit malin!
De mon corps que tu as rejeté
Je tends vers toi la main
En implorant ta féconde beauté.

Quando vedo gli altri divertirsi fare mille folli
Mentre io povero brandello prostato sono dalla malattia
Allora in questi momenti supplico Dio di rendermi la salute
O di togliermi questa miserabile vita così come me l'ha donata.

Malattia! Parola incompresa senza senso
Per coloro i cui corpi risplendono di forza virile
Tu non sai cosa si prova
Portando il tuo pesante fardello, mia anima giovanile

Ma tutti non mi credono
Perché vedono sulla mia faccia vezzosa
Quello che sfortunatamente non ho
Come dire la forza che la salute apporta.

Sì salute spirito maligno!
Del mio corpo che tu hai respinto
Tendo verso te la mia mano
Implorando la tua feconda bellezza.

LEGGI ALTRO...
Condividi il post di Tiziano Caviglia Blog su Facebook Condividi il post di Tiziano Caviglia Blog su Twitter Condividi il post di Tiziano Caviglia Blog su WhatsApp Condividi il post di Tiziano Caviglia Blog su Telegram Condividi il post di Tiziano Caviglia Blog via Email
consigliato da Rhadamanth
Il blog che accarezza i fiori tra arte e design.
TulipanoRosa
Il blog che accarezza i fiori tra arte e design.