tizianocavigliablog

Tumblelog

Geek   05.11.07

Parlando di rete e blogosfera, è saltata fuori una domanda.
L'amico con cui stavo discutendo ad un certo punto mi ha chiesto: - Ma di preciso cos'è un tumblelog? -

Me l'aspettavo e non ho esitato.
- Se immagini che i blog siano gli editoriali di un quotidiano, i tumblelogs sono note a margine su un Moleskine. Sì tratta di blog minimali, microblogging. Dove per lo più si appuntano pensieri e link. -
- Ma se si tratta di pubblicare solo un link e una frase, allora perché non lo si può già fare all'interno dei proprio blog, magari in una categoria a parte? -
- Di solito i tumblelogs hanno un sistema di pubblicazione molto rapido... -
- Perché quello dei blog tradizionali non lo è? -
- No, cioé sì lo è. Ma vedi la multimedialità... -
- Ma sui blog si possono pubblicare già foto, podcast, video... -
- Sì, ma vedi il blogger sperimenta, innova... -

- Si tratta di una moda dunque. -
- ... precisamente. -

Condividi il post di Tiziano Caviglia Blog su Facebook Condividi il post di Tiziano Caviglia Blog su Twitter Condividi il post di Tiziano Caviglia Blog su WhatsApp Condividi il post di Tiziano Caviglia Blog su Telegram Condividi il post di Tiziano Caviglia Blog via Email
consigliato da Rhadamanth
Liguria da vivere e da esplorare. La guida turistica per le tue vacanze nella Riviera Ligure. Tutto quello che ti serve per realizzare la tua vacanza in Liguria.
Visit Riviera
Liguria da vivere e da esplorare. La guida turistica per le tue vacanze nella Riviera Ligure. Tutto quello che ti serve per realizzare la tua vacanza in Liguria.
Qualcosa di interessante
TulipanoRosa, il blog che accarezza i fiori.
Spoiler Alert, il cinema un fotogramma alla volta.
Magnifico, una pillola d'arte ogni ora.
Svelo, passione per il ciclismo.

Leggi i commenti

8 commenti

Perso nel blu ha scritto:

Senza dimentcare che avere un tumblelog significa possedere un link in più e quindi tentare una scalata ulteriore nelle classifiche.
:p

postato il 05/11/2007 alle 12:45:29

L'Eremita ha scritto:

La trovo anch'io una moda. Alquanto inutile.

@Perso nel blu: a pensar male spesso ci si azzecca.

postato il 05/11/2007 alle 13:12:08

giorgio ha scritto:

Nulla si crea, nulla si distrugge, tutto si trasforma.
Pare che valga anche nella blogosfera.

postato il 05/11/2007 alle 14:25:07

Piero ha scritto:

E pensare che il blog è nato proprio come spazio er appuntare i propri pensieri.
Ora non basta più e serve il tumblelog...

postato il 05/11/2007 alle 14:59:03

robie ha scritto:

si è sicuramente una moda, però io cerco di scriverci in inglese così da non dover attivare plugin o installare un nuovo blog.

postato il 05/11/2007 alle 15:13:15

Tommy ha scritto:

Non la conoscevo questa nuova moda.

postato il 05/11/2007 alle 16:40:07

Tiziano (Rhadamanth) ha scritto:

@Perso nel blu: credo che non ti stai allontanando di molto dalla realtà.

@Piero: le mode sonopasseggere. Su internet sono fulminee.

@robie: forse uno dei pochissimi modi intelligenti di usare un tumblelog.

postato il 05/11/2007 alle 19:00:15

Tonino Pintacuda ha scritto:

semplicemente non c'è più tempo di scrivere quotidianamente un pezzo originale, se è vero che il blog è un atto di generosità (cfr. http://www.bombasicilia.it/rubriche/?p=355), il tumblelog stressa ulteriormente quest'elemento. Personalmente è interessantissimo ricostruire il percorso mentale che lega i micropost di un tumblelog, da piccoli non lo facevate di ricostruire la vostra giornata per scacciare l'insonnia?
Il tumblelog ricostruisce le nostre odissee quotidiane: ad esempio http://bombasicilia.tumblr.com/archive , mi stupisco anch'io dei passaggi, dei salti logici, dei cortocircuiti che da Poe disegnato da Chas Addams mi portano ai Queen...
Noi di BombaSicilia avevamo cercato di impiantare un quotidiano letterario in forma di blog, abbiamo poi fatto diventare tutto un tumblelog letterario.
Dicono che la biblioteca Warburg rifletta le connessioni neurali di Aby, erano i suoi percorsi mentali. La stessa cosa accade con ogni singolo blog, tumblelog o altra forma.
Come nota Eco nell'introduzione al suo "A passo di gambero" o Spadaro per quanto riguarda l'analogia tra internet e papiro: http://www.apogeonline.com/webzine/2006/04/11/19/200604111901

Buona giornata

postato il 07/11/2007 alle 09:55:57