tizianocavigliablog
Il peggio è passato. A prendermi.

Una data è una data è una data 02.07.09

La proposta di Giglioli di programmare uno sciopero del post il 14 Luglio (lo stesso giorno dello sciopero indetto dall'Ordine dei Giornalisti) per protestare contro il decreto sulle intercettazioni non mi convince per nulla. A partire dalla sua dubbia riuscita, su cui non punterei un cent.
La blogosfera italiana ha già dimostrato più e più volte la sua assoluta irrilevanza nel panorama sociale e mediatico italiano. E nonostante la pretesa fiducia di Alessandro che parla di "impatto mediatico straordinario" l'iniziativa sarebbe solo un assist al Governo.

Resta il fatto che questo decreto è odioso e se possibile scritto peggio.

Come se ne esce? Pubblicando di più e non facendo uno sciopero.
Diventando più rilevanti e non rinchiudendoci nel nostro piccolo, dorato giardinetto chiuso.