tizianocavigliablog
Tempesta di cervelli.

I 18 giorni che hanno cambiato l'Egitto 11.02.11

Un bambino in braccio al padre festeggia la cacciata di Mubarak

Manifestazioni ad Alessandria d'Egitto

Cittadini, in nome di Dio misericordioso, nella difficile situazione che l'Egitto sta attraversando, il presidente Hosni Mubarak ha deciso di dimettersi dal suo mandato e ha incaricato le forze armate di gestire gli affari del Paese. Che Dio ci aiuti.

Così Omar Suleiman, vicepresidente egiziano, ha annunciato il ritiro di Hosni Mubarak dopo trent'anni di regno alla tv di stato.
Il rais ha resistito appena 18 giorni all'inarrestabile determinazione del suo popolo.
La nuova dottrina dell'amministrazione Obama che ha voltato le spalle al vecchio alleato per appoggiare senza mezze misure la rivoluzione ha eroso l'ultimo sostegno su cui si basava il potere di Mubarak. Una dottrina che potrebbe avere ora un effetto dirompente anche sugli altri stati arabi al centro di tensioni sociali.

Cosa succede ora? L'Unione Europea da tempo sostiene i manifestanti e la Svizzera ha annunciato il congelamento di tutti i beni del vecchio faraone, ritiratosi al momento a Sharm el-Sheik.
Il Consiglio della Difesa ha preannunciato misure per la transizione. Ai militari appare ben chiaro che il popolo egiziano non si accontenterà di una ritinteggiata al palazzo presidenziale e la venuta di un fantoccio.
Restano pochi mesi alle elezioni. Bisognerà lavorare bene e in fretta.

A dispetto di tutto pensare ad un futuro Egitto democratico e senza faraoni oggi è più semplice.