tizianocavigliablog
Sensei.

Domani Roma non sarà devastata da un terremoto 10.05.11

La profezia catastrofista attribuita a quel ciarlatano di Bendandi non si avvererà. Così ho previsto.

Cosa pensereste, se un giorno doveste trovare sul parabrezza della vostra auto un volantino annunciante un sisma, a firma della Protezione Civile?

E' quello che è successo agli abitanti della città di Ciampino verso il 20 gennaio di quest'anno; le centinaia di appelli affissi su muri e vetrine mettevano in guardia verso un «terremoto di notevoli proporzioni» previsto da Raffaele Bendandi per l'11 maggio 2011, e consigliavano a tutti di «dormire fuori dalle abitazioni da 2 giorni prima a 2-3 giorni dopo la data prevista».

Questa notizia circola già da un po' di tempo, amplificata recentemente dal passaparola sui social network (ne parla qui su OggiScienza Stefano Dalla Casa), e col tempo si è arricchita via via di nuovi particolari: secondo alcuni i terremoti che dovrebbero devastare Roma sarebbero due (oltre a quello dell'11 maggio 2011 se ne aggiungerebbe un altro il 5-6 aprile 2012); secondo altri la previsione sarebbe stata confermata addirittura da Giampaolo Giuliani, il tecnico dell'istituto di Fisica presso il Gran Sasso salito agli onori della cronaca in occasione del terremoto dell'Aquila.