tizianocavigliablog
Alabarda spaziale.

La compagnia mineraria spaziale 25.04.12

Ci sono 9.000 asteroidi nei pressi della Terra. Di questi circa 1.500 sono facilmente raggiungibili grazie alle tecnologie attuali.
Alcuni di essi hanno un elevato contenuto di acqua ghiacciata che potrebbe essere convertita in ossigeno e idrogeno solidi per fornire combustibile per l'esplorazione dello spazio. Altri asteroidi sono ricchi di metalli rari.
Un piccolo asteroide di 50 metri di diametro, ad esempio, potrebbe contenere miliardi di dollari di queste materie prime. Allo stesso modo un asteroide della stessa dimensione potrebbe contenere abbastanza acqua da alimentare l'intero programma dello Space Shuttle.

Ecco perché alcuni imprenditori tra cui Larry Page e Eric Schmidt, James Cameron, Charles Simonyi e Ross Perot Jr. hanno deciso di fondare la prima compagnia mineraria spaziale della storia.

Planetary Resources ha già preparato un piano per estrarre risorse dagli asteroidi.
Entro due anni la compagnia invierà sonde nell'orbita bassa terrestre per valutare il numero e la composizione degli asteroidi adatti per l'estrazione mineraria.
Entro un decennio verrà lanciato uno sciame di sonde più evolute per analizzare da vicino i singoli asteroidi, dopodiché un'astronave mineraria automatizzata provvederà ad estrarre le materie prime, processarle e riportarle sulla Terra.