tizianocavigliablog
Sensei.

Greenpeace ringrazia Eni 20.10.13

È bastata una lettera di Paolo Scaroni indirizzata a Gazprom, nel tentativo di sbloccare lo status dei 28 attivisti imprigionati a Murmansk e accusati di pirateria per aver manifestato in acque russe contro le trivellazioni nell'Artico, perché Greenpeace ringraziasse pubblicamente l'Eni e il suo a.d. dopo decenni di lotte senza confini.
Gli attivisti irriducibili che alla fine si piegano ai mezzi per ottenere i loro scopi in un revival del nemico del mio nemico con quello che ne consegue.

Condividi il post di Tiziano Caviglia Blog su Facebook Condividi il post di Tiziano Caviglia Blog su Twitter Condividi il post di Tiziano Caviglia Blog su WhatsApp Condividi il post di Tiziano Caviglia Blog su Telegram Condividi il post di Tiziano Caviglia Blog via Email