tizianocavigliablog
One nerd to rule them all.

L'uomo che sconfisse la polio 28.10.14

Il Googl doodle per Jonas Salk

Il doodle di Google di oggi onora il 100esimo anniversario della nascita di Jonas Salk, l'uomo che sviluppò un vaccino efficace contro la polio 1955.

Fino al 1955, anno dell'introduzione del suo vaccino, la poliomielite era considerata il problema più spaventoso in materia di salute pubblica negli Stati Uniti del dopoguerra. Le epidemie annuali erano sempre più devastanti: quella del 1952 fu la peggiore nella storia della nazione. Dei quasi 58.000 casi riportati quell'anno, 3.145 persone morirono e 21.269 restarono paralizzate in modo lieve o invalidante. La maggior parte delle vittime erano bambini. Gli scienziati si affannavano a trovare un modo per prevenire o curare la malattia. Il Presidente degli Stati Uniti Franklin Delano Roosevelt ne era forse la vittima più conosciuta al mondo e fondò l'organizzazione che avrebbe finanziato la realizzazione del vaccino.

[...] Il 12 aprile 1955 il Dottor Thomas Francis Junior, revisore dei risultati del test, dichiarò che il vaccino era sicuro ed efficace. "L'annuncio fu fatto nell'Università del Michigan, a dieci anni esatti dal giorno della morte del Presidente Roosevelt. Cinquecento persone, inclusi centocinquanta tra giornalisti, cronisti radiofonici e reporters televisivi, ingombravano l'aula; sedici telecamere erano posizionate su una lunga impalcatura sul retro; e 54.000 medici, seduti nelle sale cinematografiche di tutto il paese, guardavano la trasmissione dalla televisione a circuito chiuso. La multinazionale farmaceutica Eli Lilly and Company pagò 250.000 dollari per far trasmettere l'evento. Gli americani accesero le loro radio, i grandi magazzini predisposero degli altoparlanti e i giudici sospesero i processi. Anche gli europei erano sintonizzati sulla Voice of America. A proposito di ciò, Paul Offit riporta: "La presentazione fu oscura, ma la conclusione fu chiara: il vaccino funzionava. All'interno dell'auditorium gli americani accolsero il risultato con lacrime di gioia. Mentre Thomas Francis scendeva dal podio, le campane delle chiese risuonavano in tutto il paese, nelle fabbriche si osservava un momento di silenzio, nelle sinagoghe e nelle chiese si tenevano incontri di preghiera, e genitori e insegnanti piangevano. Un negoziante dipinse una scritta sulla propria vetrina: "Grazie, Dr. Salk". Era come se la guerra fosse finita [...]". Il Dottor Francis riferì che il vaccino era risultato efficace nell'80-90% dei casi sulla base dei risultati in undici Stati. Nel complesso, fu somministrato ad oltre 440.000 bambini in quarantaquattro Stati, tre province canadesi e ad Helsinki, in Finlandia. Dopo l'annuncio, quando gli fu chiesto se l'efficacia del vaccino potesse essere migliorata, Salk rispose: "In linea teorica, i vaccini del 1955 e le procedure di vaccinazione potrebbero essere portati ad una protezione del 100%".