tizianocavigliablog
Mastro di chiavi.

Toti di Libia 23.06.15

L'UE e l'ONU non stanno rispondendo alle richieste avanzate dall'Italia, fa male dirlo perché avremmo voluto più solidarietà da Bruxelles e una maggiore attività sui territori africani da parte delle Nazioni Unite. Tuttavia è bene ricordare che l'Italia è uno Stato sovrano e il suo comportamento deve essere coerente con quello degli altri Paesi, senza arrivare all'ipotesi di innalzare muri.
Personalmente sono favorevole a un intervento in Libia, anche da soli nel senso dell'Italia, perché qualcuno gli scarponi sulla sabbia deve pur metterli. Sulle problematiche aperte dagli arrivi dei migranti c'è molto da fare basti pensare alla distruzione dei barconi e al rimpatrio dei migranti privi dei presupposti per stare sul territorio europeo, cosa che del resto fa anche la civilissima Australia.

Toti, neo governatore della Liguria, è pronto a un intervento militare in Libia anche senza un quadro di legittimità internazionale, perché qualcuno gli scarponi sulla sabbia deve pur metterli.

Ve lo riscrivo.

Toti, neo governatore della Liguria, è pronto a un intervento militare in Libia anche senza un quadro di legittimità internazionale, perché qualcuno gli scarponi sulla sabbia deve pur metterli.

Ai liguri l'onere di un lustro di vuoto pneumatico.