tizianocavigliablog
Cappello di Maglia.

33 regole per diventare un artista di successo 28.12.18

Salvador Dalì
Salvador Dalì

Jerry Saltz, critico d'arte del New York Magazine e artista mancato, ha stilato 33 lezioni che ogni aspirante artista dovrebbe imparare per ragiungere il successo. O almeno per vivere una vita con un po' più di creatività.

[...] Lezione 17: Cerca di vedere più che puoi

I critici vedono stando in disparte, avvicinandosi, salendo e tornando indietro; guardando uno spettacolo intero, confrontando un lavoro con un altro; considerando il lavoro passato dell'artista, valutando sviluppi, ripetizioni, regressioni, fallimenti, mancanza di originalità; eccetera.

Gli artisti vedono in modo molto diverso: si avvicinano molto a un lavoro; ispezionano ogni dettaglio, le sue trame, i materiali, il trucco; lo toccano, guardano i bordi e attorno alla parte posteriore dell'oggetto.

Cosa stanno facendo gli artisti? Diranno, "Guardo come è fatto." Io direi, "Lo stanno rubando".

Puoi rubare da qualsiasi cosa. Dovresti! Sarebbe meglio! La cattiva arte ti insegna tanto quanto la buona arte. Forse di più! La grande arte è spesso il nemico del bene; non ti lascia abbastanza spazio per rubare.

[...] Lezione 21: Definisci il successo

Ma fa attenzione. Le risposte tipiche sono il denaro, la felicità, la libertà di "fare ciò che voglio", creare una comunità di artisti, farsi conoscere.

Ma... se sposassi una persona ricca e avessi un sacco di soldi, saresti soddisfatto solo dei soldi? Inoltre, Subway vende un sacco di sandwich, ma questo non li rende buoni.

Che dire dell'essere "felici"? Non essere sciocco! Molte persone di successo sono infelici. E molte persone felici non hanno successo. Sono "di successo" e sono confuso, terrorizzato, insicuro e impacciato tutto il tempo. Successo e felicità vivono su diversi lati delle tracce.

Vuoi la vera definizione di successo? La migliore definizione di successo è il tempo: il tempo per svolgere le tue attività.

Come farai a guadagnare tempo se non hai soldi? Lavorerai a tempo pieno per molto tempo. Sarai depresso a causa di ciò per molto tempo - risentito, frustrato, invidioso. Mi dispiace, è così.

Ma sei un artista subdolo e intraprendente! Presto scoprirai un modo di lavorare solo quattro giorni alla settimana; inizierai a essere un po' meno depresso. Ma la domenica sera, sarai di nuovo depresso, di nuovo intrappolato nel tuo lavoro che non ti porta da nessuna parte e che ancora occupa gran parte del tuo tempo.

Ma sei davvero subdolo e pieno di risorse; questa è una questione di vita e di morte per te. Alla fine - e questo arriva per l'80% degli artisti che ho sempre conosciuto - si trova il modo per lavorare solo tre giorni alla settimana. Puoi lavorare in una galleria; per un artista o un museo; come insegnante, critico d'arte, manipolatore d'arte, contabile, correttore di bozze, qualsiasi cosa.

Ora non sei più depresso: hai tempo per fare il tuo lavoro e uscire di più; ora hai raggiunto la prima misura del successo. Ora torna al lavoro. O smetti di essere un artista.

[...] Lezione 25: Imparare a gestire il rifiuto
 
Nel 1956, "dopo attenta considerazione", il Museum of Modern Art rifiutò un paio di scarpe disegnate da Warhol. Monet è stato rifiutato per anni alle mostre del Salon di Parigi. I lavori di Manet e Courbet furono respinti come scandalosi, sensazionalistici e brutti. Si diceva che i dipinti di Manet esibissero "una inconcepibile volgarità". Manet non voleva esibirsi con Cézanne perché pensava che fosse volgare.

Il più famoso e primo libro di Stephen King, Carrie, è stato rifiutato 30 volte. King ha buttato le prime pagine del libro. Sua moglie le ha raccolte dalla spazzatura, le ha salvate e lo ha convinto a continuare a scrivere.

I Beatles furono respinti dalla Decca Records, che riteneva che "i gruppi di chitarre fossero in via di estinzione" e che "i Beatles non avessero futuro nel mondo dello spettacolo".

Ma non ignorare le critiche. Invece, conserva le tue lettere di rifiuto; incollale al tuo muro. Sono pungoli, cose che ti faranno imparare dagli errori. Potresti anche comportarti come Achab riguardo a queste recensioni negative, ma non lasciarti sconvolgere da loro; non ti definiscono.

È molto più complicato: accetta che ogni critica possa avere un fondo di verità, qualcosa che hai fatto che permettesse a questa persona di dire ciò che è stato detto. Potresti anticipare il tuo tempo, ma la persona che ti ha rifiutato potrebbe non averlo capito. O forse stai facendo qualcosa che non è all'altezza, che ha permesso loro di non apprezzare il tuo lavoro, o non hai trovato un modo per far parlare il tuo lavoro con le persone giuste. Tutto questo ti riguarda.

In generale, devi essere aperto alla critica ma anche sviluppare le palle di un toro. E ricorda che niente di quello che qualcuno ti dice del tuo lavoro può essere peggio delle cose che hai già pensato e detto a te stesso 100 volte.

Dico sempre a chiunque mi critichi: "Potresti avere ragione". Ti darà un doppio vantaggio sulla persona che ti critica, perché da un lato si ritroverà spiazzata da una risposta inusuale e dall'altro il suo ego sarà piacevolmente soddisfatto.

Condividi il post di Tiziano Caviglia Blog su Facebook Condividi il post di Tiziano Caviglia Blog su Twitter Condividi il post di Tiziano Caviglia Blog su WhatsApp Condividi il post di Tiziano Caviglia Blog su Telegram Condividi il post di Tiziano Caviglia Blog via Email